Ennesimo “falso” del Fatto Quotidiano sul Pd di Taranto, sul decreto ministeriale 70

Ennesimo “falso” del Fatto Quotidiano sul Pd di Taranto, sul decreto ministeriale 70

schermata-2016-11-25-alle-12-42-06Sospendo le iniziative a sostegno del Sì“ titola il quotidiano diretto da Marco Travaglio, che aggiunge ” ad annunciarlo è il segretario provinciale del Partito Democratico di Taranto,Costanzo Carrieri. Ma in realtà  non è così.

Infatti Carrieri non è mai stato eletto e tantomeno mai nominato segretario provinciale del Pd di Taranto, ma solo “coordinatore” in attesa che si celebri il prossimo congresso provinciale, a seguito di un accordo raggiunto fra gli esponenti più rappresentativi del Pd jonico fra cui gli onorevoli Michele Pelillo, Ludovico Vico ed il consigliere regionale Donato Pentassuglia in forte ascesa, a seguito delle dimissioni rassegnate dall’ ex-segretario provinciale Walter Musillo.

CdG pd taranto

Secondo il Fatto Quotidiano, la decisione di Carrieri deriverebbe dalla bocciatura, da parte della Commissione Bilancio alla Camera, della deroga al decreto ministeriale 70. Deroga richiesta dalla Puglia per poter spendere 50 milioni per le criticità sanitarie provocate dall’inquinamento nel capoluogo ionico. Carrieri protesta: “Da domani (cioè oggi 25 novembre) mattina, sospendo le iniziative a sostegno del ‘Sì’ al referendum costituzionale“.

In realtà Carrieri  spiega che la sua “è una posizione al momento personale, ma ne parlerò con gli organi collegiali: io sono invitato a molte iniziative, ma non andrò a nessuna di queste” aggiungendo che secondo lui quella deroga avrebbe “rappresentato una grande occasione per la nostra città e i nostri cittadini”.

Quello che sfugge a Carrieri , ma sopratutto al Fatto Quotidiano, a cui a Taranto sfuggono molte cose avendo un collaboratore un pò troppo fazioso politicamente (si dichiara pubblicamente aderente al Partito Comunista) è che questa seconda bocciatura (la prima era relativa all’ Agenzia per il transhipment – leggi QUI) ) ha dietro le quinte il nome del responsabile: il  deputato barese Francesco Boccia presidente della Commissione Bilancio che (insieme al Governatore della Regione Puglia, il barese Michele Emiliano) è uno dei principali oppositore in Puglia della politica “renziana” nel  Pd ed al Governo.

E non a caso proprio domattina a Taranto sarà presente la vice ministra per lo sviluppo economico Teresa Bellanova come si può evincere nella pagina pubblica 100 piaze per un Si, sulla pagina Facebook. E siamo certi che la Bellanova ci sarà.  Non ci meravigliamo delle fesserie scritte sul Fatto Quotidiano da Taranto. Non è la prima nè tantomeno l’ultima.

schermata-2016-11-25-alle-13-08-33

CdG LacarraSulla bocciatura della Va Commissione Bilancio che è piena di deputati PD (22 su47) , ma non solo, essendoci nei diversi gruppi rappresentati un discreto  numero di deputati pugliesi , è intervenuto anche Segretario regionale pugliese del Partito Democratico, Marco Lacarra. “La bocciatura della deroga al DM 70 ci lascia con l’amaro in bocca” –  ha dichiarato  Lacarra –  “50 milioni di euro supplementari di spesa, che fino all’ultimo abbiamo sperato di ottenere dal governo, sarebbero stati necessari per mettere in campo azioni ed interventi concreti per far fronte a tutte le criticità dell’apparato sanitario di Taranto” che ha aggiunto  “In questi mesi sulla deroga si sono espresse a favore le comunità locali  il Consiglio Regionale nella sua interezza, i parlamentari locali e tutti i livelli del Partito Democratico. Eravamo convinti di aver portato a casa il risultato visto che nelle scorse settimane, in visita in Puglia, si erano espressi favorevolmente il Sottosegretario Vito De Filppo e il Ministro Beatrice Lorenzin”

Ecco chi sono i componenti della Commissione Bilancio:

Composizione della V Commissione Bilancio:

Area Popolare (Ncd – Udc)  –  2 componenti: Giuseppe DE MITA, Paolo TANCREDI

Civici e Innovatori  – 1 componente:  Gianfranco LIBRANDI

Democrazia Solidale – 1 componente:   Bruno TABACCI

Forza Italia  4 componenti:  Renato BRUNETTA, Alberto GIORGETTI, Lorena MILANATO, Stefania PRESTIGIACOMO

Fratelli d’Italia – AN – 1 componente:  Fabio RAMPELLI

Lega Nord –  2 componenti:  Guido GUIDESI, Barbara SALTAMARINI

Gruppo Misto –   4 componenti :  Lello DI GIOIA, Cosimo LATRONICO, Rocco PALESE (Vice Presidente)  Luca PASTORINO

Movimento 5 Stelle –   6 componenti :  Marco BRUGNEROTTO, Francesco CARIELLO, Vincenzo CASO, Laura CASTELLI, Federico D’INCA, Giorgio Girgis SORIAL

Partito Democratico  –   22 componenti :  Francesco BOCCIA (Presidente), Paola BRAGANTINI, Angelo CAPODICASA, Susanna CENNI, Carlo DELL’ARINGA, Edoardo FANUCCI (Vice Presidente), Cinzia M. FONTANA, Giampaolo GALLI Federico GINATO, Giampiero GIULIETTI, Mauro GUERRA, Francesco LAFORGIA, Alberto LOSACCO, Marco MARCHETTI,  Maino MARCHI, Fabio MELILLI, Antonio MISIANI, Dario PARRINI, Nazzareno PILOZZI, Ernesto PREZIOSI, Simonetta RUBINATO

Scelta Civica –  2 componenti  Giuseppe GALATI, Giulio Cesare SOTTANELLI

Sinistra Italiana –  2 componenti Giulio MARCON, Gianni MELILLA.

CdG Claudio de VincentiIl Governo italiano è fattivamente impegnato, da tempo, ad individuare le soluzioni ai tanti problemi di Taranto e del suo territorio. Proprio per questo ho di nuovo convocato il Tavolo istituzionale per lunedì 12 dicembre a Taranto. Quella sarà la sede nella quale fare il punto sui molteplici interventi in atto e, in particolare, sull’investimento di 200 milioni stanziato nel Contratto Istituzionale di Sviluppo per l’Ospedale San Cataldo e sul rafforzamento delle strutture sanitarie cittadine”.  Così il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Claudio De Vincenti , asinistra nella foto, risponde all’appello che deputati pugliesi del Pd hanno rivolto all’Esecutivo.

Quindi il Sottosegretario ha reso noto di aver interloquito col ministro della Salute Beatrice Lorenzin che ha confermato la disponibilità a prevedere, concordandole nel confronto con la Regione Puglia, deroghe al decreto ministeriale 70 sull’organizzazione dei servizi sanitari regionali in modo da rafforzare i presidi sanitari nell’area di Taranto.”Il passaggio della Legge di Bilancio al Senato – concludeDe Vincenti consentirà di approfondire ulteriormente le modalità per far fronte alle criticità della sanità tarantina“.

image_pdfimage_print
Please follow and like us:
error

Ti piace il Corriere del Giorno ? Fallo sapere !