MENU
17 Luglio 2024 11:50
17 Luglio 2024 11:50

ILVA: il Gruppo RIVA ricorre al Tar Lazio, per bloccare la vendita dell’ azienda

CdG-famiglia-RIVAIl Gruppo Riva ha presentato ricorso al Tar Lazio per ottenere l’annullamento del decreto ministeriale che permette la cessione dei complessi aziendali di Ilva Spa in Amministrazione Straordinaria. Il ricorso, secondo quanto appreso e reso noto dall’ Agenzia ANSA, è stato presentato nell’interesse di Riva Fire e contro la Presidenza del Consiglio, i Ministeri dell’Ambiente e dello Sviluppo Economico nonché gli amministratori straordinari del Gruppo Ilva e la stessa Ilva Spa in amministrazione straordinaria

L’ILVA, durante la gestione Riva, “operava nei limiti per le emissioni atmosferiche stabilite dall’Aia rilasciata dal Ministero dell’ambiente” nel 2011. E’ quanto si legge nel ricorso di Riva Fire al Tar Lazio in possesso dell’ANSA. Viceversa “i commissari nominati dal governo” non sono riusciti a “dare attuazione” all’Aia “nei termini originariamente stabiliti” come “si pretendeva dai titolari dell’impresa ingiustamente privati della stessa anche in base alla necessità di attuare piano ambientale“.

Il decreto impugnato, a parere dei legali di Riva Fire, è “un provvedimento del tutto abnorme” e “viziato per eccesso di potere” e “illegittimoper violazione della Costituzione, adottato in base ad un’istanza presentata non dal soggetto titolare dell’impresa e dei suoi beni, ma da un soggetto (i commissari straordinari ndr.) che rispetto all’impresa dispone solo di un potere di gestione specificamente finalizzato all’attuazione delle misure c.d. di ‘ambientalizzazione“. I commissari straordinari, secondo la tesi dei legali del Gruppo Riva, non avrebbero il “potere di vendere o affittare complessi aziendali dell’Ilva S.p.a.” in quanto “nessuna norma primaria attribuisce ai commissari straordinari il potere di compiere atti di disposizione dei complessi aziendali senza che sia stata dimostrata l’impossibilità di proseguire l’attività d’impresa“.

Da ricordare che gli eredi di Emilio Riva hanno rinunciato all’eredità in Italia, motivo per cui è arduo capire la legittimità di questo ricorso, e che i componenti della famiglia RIVA sono sottoposti a molteplici processi

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

Articoli Correlati

Le "furbate" degli editori della Gazzetta del Mezzogiorno finiscono in Parlamento e sotto i riflettori delle Fiamme Gialle
A Bari l’evento "La Ripartenza, liberi di pensare" ideato dal giornalista Nicola Porro
Ok da Commissione Ue a prestito ponte da 320 milioni per Acciaierie d' Italia (ex Ilva)
Accordo da 450 milioni di euro tra BEI e Poste Italiane per promuovere digitalizzazione, automazione dei servizi e efficienza energetica
Il pugliese Giuseppe Inchingolo è il nuovo chief communication officer e chief Corporate affairs del gruppo Ferrovie dello Stato
Chiuso il caso "Chiara Ferragni Dolci Preziosi": archiviata l'indagine dell'Antitrust per pubblicità ingannevole
Cerca
Archivi
Alla ricerca del covo trapanese di Matteo Messina Denaro
L'ondata di caldo africano proseguirà fino a fine luglio
Ecco tutti gli incarichi della vicepresidenza Ue.
Venezia, arrestato l'assessore Renato Boraso. Indagato il sindaco Brugnaro
Usa, sfida Trump-Biden racconta altra America con cui fare conti

Cerca nel sito