Ecco come è nato il governo Conte bis nell’ultima notte di sms e tensioni.

Ecco come è nato il governo Conte bis nell’ultima notte di sms e tensioni.

La notte prima della salita al Quirinale del premier Conte con la lista di 21 ministri, c’è stato uno scontro con Di Maio per il ruolo di sottosegretario che aveva portato le trattative sull’orlo della crisi. Ma le tensioni nonostante i sorrisi di Conte e Di Maio non sono sono finite

ROMA –  La notte della vigilia è stata lunga e tormentata  Alle quattro del mattino le luci di Palazzo Chigi erano accese  mentre le trattative erano ancora in corso , e nel frattempo si litigava tra Pd e 5 Stelle e all’interno del lo stesso Movimento. Bisogna dire soltanto grazie all’intervento del Quirinale se è nato il Governo numero 66 della Repubblica. Alla fine è arrivato l’accordo con dieci ministri assegnati al M5S, nove al Pd, uno di Leu ed un ministro “tecnico” il prefetto Luciana Lamorgese fortemente voluta dal presidente Mattarella  al Viminale.

Un sms è circolato all’1.38 di ieri notte  sugli smarthpone dei vertici del Pd : “È saltato tutto”. La poltrona che ha messo a serio rischio la nascita del governo è quella ritenuta “strategica” del sottosegretario alla presidenza del Consiglio, dopo l’eliminazione dei due vicepremier, lasciata ormai libera dal leghista Giancarlo Giorgetti. Il premier Conte voleva metterci Roberto Chieppa attuale segretario generale di Palazzo Chigi , ma Luigi Di Maio si è impuntato su Riccardo Fraccaro, volendo piazzare un suo “fedelissimo” a controllare Conte che ormai ogni giorno di più insidia la sua leadership nel Movimento 5 Stelle.

Un braccio di ferro senza esclusione di colpi fra Conte  e Di Maio il quale minacciava di ridiscutere tutto. Lui che parlava di rinuncia alle poltrone….”Se non sarò vicepremier e Fraccaro non sarà a Palazzo  Chigi, allora vado io al Viminale “. La notizia dello scontro mette in crisi il Quirinale, dove si dalle 10 tutto era pronto per accogliere la salita al Colle di Conte. Il premier incaricato invece lascia Palazzo Chigi solo alle due e mezzo del pomeriggio, dopo aver raggiunto una faticosa mediazione, cedendo a Di Maio, ben sapendo l’indicazione del Quirinale sulla gestione del Viminale.  E finalmente per gli “amici” di Di Maio, il fido Fraccaro sarà sottosegretario alla presidenza.

Ma in realtà non è una vittoria certa per Di Maio, perché la strategia di Conte è quella nominare Chieppa secondo sottosegretario alla Presidenza  ed affidargli le deleghe importanti in ambito legislativo. Una soluzione questa che però ha degli aspetti delicati anche dal punto di vista “tecnico”, in quanto di conseguenza si tratterebbe di spacchettare un incarico nevralgico, dal quale passano tutti i provvedimenti di Palazzo Chigi. Se verrà confermata l’intenzione di Conte di avere due sottosegretari in una sorta di convivenza , l’attuale capo di gabinetto  Alessandro Goracci ,  subentrerà come segretario generale al posto di Chieppa .

Raggiunto l’accordo che ha consentito la partenza del Governo e conclusi gli ultimi due vertici, sul programma e sui ministri, l’avvocato pugliese è salito alle tre del pomeriggio al Quirinale con la lista dei ministri. Conte ha passato un’ora con il presidente Mattarella nello Studio alla Vetrata e scioglie la riserva con cui aveva accettato l’incarico di formare il nuovo governo. Visibilmente emozionato, ancor più del primo incarico, per non sbagliare ha qualche esitazione nel pronunciare i  nomi :”Forti di un programma che guarda al futuro, dedicheremo le nostre migliori energie a rendere l’Italia migliore…“.

Ma dietro la soluzione politica che dà vita al Governo Conte “bis” permangono nodi politici ed enigmi e . Il Pd soffre perché non ha un presidio a Palazzo Chigi: “Abbiamo lasciato che l’esecutivo decollasse, ma il problema andrà risolto. Faremo capire a Conte che è suo interesse essere affiancato da un vice del Pd”. Sceso da colle alle cinque della sera, Conte è andato a Montecitorio dal presidente Roberto Fico. Incontro scandito da sorrisi e felicitazioni, mentre in un clima più istituzionale si sono svolti i 40 minuti trascorsi con Elisabetta Casellati a Palazzo Madama.

Paolo Gentiloni

Alla fine sembra di assistere ai titoli di coda di un bel film scritto altrove da altri. L’amministrazione Trump saluta con fiducia il nuovo esecutivo giallorosso,  i vertici dell’ Unione Europea (eletti grazie al voto determinate di Pd e M5S)  accolgono con grande favore entusiasmo la svolta europeista del Governo Italia e l’arrivo dell’ex premier Paolo Gentiloni a Bruxelles come commissario con un portafoglio importante. La borsa sale, lo spread scende come per incanto, dimostrando di fatto di condizionare gli equilibri dei governi dei Paesi europei.

Matteo Salvini pur ammettendo la sconfitta attacca il nuovo governo  Conte Bis definendolo “della casta”. Nicola Zingaretti , segretario del Pd, cerca di voltare pagina: “Ora basta odio“. Questa mattina alle 10 il giuramento dei ministri nel Salone delle Feste del Quirinale, dopodichè il premier Conte avrà quattro giorni per buttare già il discorso per la fiducia che dovrà ottenere lunedì alla Camera e con più di qualche rischio di franchi tiratori martedì al Senato.

image_pdfimage_print
Please follow and like us:
error

Ti piace il Corriere del Giorno ? Fallo sapere !