MENU
19 Luglio 2024 19:40
19 Luglio 2024 19:40

Voto di scambio alle regionali pugliesi del 2015, bocciata la richiesta di audizione del M5S: “Decisione preoccupante”

"L’intento non era certamente fare processi o chiedere agli stessi di rivelare dettagli coperti da segreto d’indagine, ma unicamente quello di analizzare il fenomeno del voto di scambio in Puglia al fine di evitare il ripetersi di episodi simili oltre a compiere valutazioni circa l’opportunità di aver nominato, uno dei protagonisti della vicenda, a ricoprire determinati incarichi pubblici"

ROMA – La Commissione di studio e di inchiesta sul fenomeno della criminalità organizzata in Puglia ha bocciato la richiesta dei consiglieri del Movimento 5 Stelle Antonella Laricchia, Marco Galante e Gianluca Bozzetti, di audire il presidente Emiliano e i magistrati che si sono occupati delle indagini sul voto di scambio alle regionali del 2015. Indagini che hanno portato alla condanna di cinque imputati, ritenuti affiliati al clan Di Cosola, che avrebbero intimato con minacce e intimidazioni, di votare per Natale Mariella, candidato nella lista dei Popolari a sostegno di Michele Emiliano Presidente ( a destra nella foto)

Riteniamo ingiustificabile – dichiarano Bozzetti, Galante e Laricchiail voto contrario dei consiglieri Blasi, Borraccino, Caroppo, Pendinelli e Romano in merito alla nostra richiesta di audire i magistrati che si sono occupati dell’inchiesta sul voto di scambio alle regionali del 2015. L’intento non era certamente fare processi o chiedere agli stessi di rivelare dettagli coperti da segreto d’indagine, ma unicamente quello di analizzare il fenomeno del voto di scambio in Puglia al fine di evitare il ripetersi di episodi simili oltre a compiere valutazioni circa l’opportunità di aver nominato, uno dei protagonisti della vicenda, a ricoprire determinati incarichi pubblici”

 

Purtroppo il solo voto a favore della Presidente Barone non è bastato ad arginare l’arroganza del centrosinistra e centrodestra. Gli unici a poter negare questa audizione avrebbero potuto essere i magistrati stessi, ma i partiti – concludono i consiglieri regionali pugliesi del M5S – hanno impedito addirittura alla Presidente di poter sondare la loro disponibilità, nelle modalità previste dalla legge regionale: una decisione tanto preoccupante quanto omertosa.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

Articoli Correlati

Francesco Curcio è il nuovo procuratore capo della Procura di Catania
Ecco tutti gli incarichi della vicepresidenza Ue.
Il Servizio Segreto Usa finisce sulla graticola
Guardia di Finanza, cambio al Comando Regionale Puglia
Sindaci e governatori più amati d’Italia, la classifica del Sole24Ore
Lo sciopero alla Rai diventa un caso: il Tribunale dà ragione a Chiocci direttore del Tg1
Cerca
Archivi
Ospedale Covid alla Fiera del Levante: 10 indagati per corruzione, falso ideologico e peculato
Francesco Curcio è il nuovo procuratore capo della Procura di Catania
La DIA di Milano arresta 2 imprenditori contigui ad un "clan" di Cosa Nostra. Sequestri per 5 milioni di euro
Lucia Morselli accusata di associazione per delinquere dalla Procura di Taranto
Antitrust avvia istruttoria su società dei gruppi Armani e Dior

Cerca nel sito