Regionali Puglia. E’ ufficiale: semaforo rosso della Lega a Fitto

Regionali Puglia. E’ ufficiale: semaforo rosso della Lega a Fitto

Il segretario regionale della Lega Puglia on. D’ Eramo: “Trovo quantomeno bizzarro che Ignazio La Russa venga in Puglia a promuovere l’armonia nella coalizione accusando gli alleati di provincialismo e “cazzettismo”. Delle due l’una! Sicuramente sarà stata una svista. “Sviste” che, però, non si possono commettere quando si gioca con il destino di quattro milioni e mezzo di Pugliesi”

ROMA – Si inizia a fare chiarezza nel centrodestra in vista delle prossime elezioni  Regionali che si terranno in Puglia la prossima primavera. La Lega fa chiarezza una secca nota del segretario regionale Luigi D’Eramo, che di fatto ha bloccato ufficialmente la candidatura di Raffele Fitto, avanzata da Giorgia Meloni. Una presa di posizione condivisa da tutto lo stato maggiore ed i parlamentari  pugliesi della Lega.

Questa la nota ufficiale della Lega diffusa dall’ On. D’ Eramo : “Trovo quantomeno bizzarro che Ignazio La Russa venga in Puglia a promuovere l’armonia nella coalizione accusando gli alleati di provincialismo e “cazzettismo”. Delle due l’una! Sicuramente sarà stata una svista. “Sviste” che, però, non si possono commettere quando si gioca con il destino di quattro milioni e mezzo di Pugliesi che chiedono un nuovo modello di gestione e sviluppo regionale dopo 15 anni di cattiva amministrazione di sinistra. Quindici anni in cui la sinistra ha vinto essenzialmente per demeriti del centrodestra che si è presentato diviso per sfide e imposizioni personali“.

“Oggi abbiamo l’obbligo di imparare dagli errori del passato per vincere e rinnovare la Puglia. – continua la nota della Lega PugliaSono certo che al tavolo nazionale i nostri leader sapranno leggere la storia per scrivere il futuro, rispettando quanto ci hanno detto e chiesto gli elettori con il loro voto. Questo sia quando ci hanno premiato ma soprattutto quando non ci hanno dato fiducia, perché è in quel momento che ci hanno dato la direzione per non sbagliare. E in Puglia con la Lega non si sbaglierà più, abbiamo la responsabilità del consenso della maggior parte dei pugliesi e la vittoria è alla nostra portata con tre parole d’ordine: unità, lavoro e rinnovamento. Questa è la visione della Lega e questa sarà la visione da condividere nella coalizione“.

I vertici della Lega pugliese, in stretto collegamento con il vertice nazionale, hanno interpretato come delle  vere e proprie “provocazioni”  le dichiarazioni fatte ieri dal senatore Ignazio La Russa e dall’eurodeputato Raffaele Fitto a Bari,  in occasione della commemorazione di Pinuccio Tatarella, padre della nuova destra italiana. Dall’europarlamentare salentino, candidato da Giorgia Meloni per la guida della Regione contro Michele Emiliano, sono pervenuti i “soliti” richiami al rispetto dei patti e degli accordi presi tempo fa con Fitto che ha incredibilmente affermato di essere già in campagna elettorale.

Esponenti della Lega pugliese raccontano che le parole di Fitto hanno scatenato una vera e propria quasi un’insurrezione tra i militanti leghisti, in quanto “si era deciso che tutto era demandato al prossimo tavolo nazionale del centrodestra fra Salvini, Berlusconi e la Meloni” e pertanto le dichiarazioni dei due esponenti di Fratelli d’ Italia vengono ritenute come delle vere e proprie “provocazioni”.

Le invasioni di campo  “ingombranti” di La Russa e l’autocandidatura di Fitto a Bari,  non sono state accolte molto bene tra i leghisti pugliesi ed hanno scatenato la dura  ma ponderata reazione molto chiara che emerge dalla nota ufficiale del segretario regionale On. Luigi D’Eramo.

E’ stata questa la ragione che ha indotto di rispondere con una nota ufficiale – rivista ed analizzata  con continui contatti telefonici del segretario regionale Luigi D’Eramo con la Calabria, dove si trova in visita Matteo Salvini ed e il vicesegretario Giancarlo Giorgetti –   al momento unico delegato a parlare in nome e per conto della Lega in Puglia, la cui sintesi altro non è che il mancato accordo e sostegno sulla candidatura di Fitto. La Lega infatti, ha già un ventaglio di candidature abbastanza autorevoli, qualcuno persino priva di “colorazione” politica, sull’esempio della trionfale candidatura ed elezione alle scorse regionali in Basilicata a governatore  del Gen. Bardi,  grazie alla quale il centrodestra ha mandato a casa il centrosinistra rappresentato dalla famiglia Pittella che da decenni imperversava e governava la Basilicata.

Teresa Bellanova

I numeri dei recenti sondaggi commissionati che danno il Centrodestra vincente con il 43%, a seguito anche  dei forti contrasti e divisioni in Puglia tra Pd, M5S e Italia Viva  dai quali non emerge alcuna  volontà  comune di rieleggere Michele Emiliano . “Faremo pressing sul Pd perché individui in Puglia un candidato che faccia unità e mobiliti la coalizione. E questo non può essere Emilianoha detto a Lecce la ministra per l’Agricoltura, Teresa Bellanova (Italia viva), nel corso della prima assemblea provinciale del partito. “In Calabria e in Basilicata il centrosinistra ha perso – ha aggiunto la Bellanovaora si voterà in Puglia e in Campania. Da queste due regioni può partire il processo di riformismo del centrosinistra – ha concluso – ma se il Pd continua a guardare solo al risultato dell’Emilia Romagna, vuol dire che abbandona il Mezzogiorno al ribellismo”.

Ma è stato sopratutto il recente risultato delle Elezioni Europee 2019, che ha indotto la Lega a puntare sulla Puglia e non sulla Campania. Raffaele Fitto infatti in tutte le sue precedenti competizioni elettorali pugliese, ha sempre creato rotture e frizioni a partire da quella con Silvio Berlusconi per finire a quella con Adriana Poli Bortone. E secondo i sondaggisti per vincere in Puglia occorre un centrodestra unito e non diviso .

image_pdfimage_print
Please follow and like us:
error

Ti piace il Corriere del Giorno ? Fallo sapere !

Open chat
1
Vuoi contattare la nostra redazione ?
Ciao, vuoi contattare la nostra redazione ?