MENU
30 Gennaio 2023 14:48
30 Gennaio 2023 14:48

Amiu e Ctp, si dimettono i presidenti De Benedetto e Carone

Le due società, con notifica ricevuta ad inizio luglio, sono finite nel “mirino” della Corte dei Conti che ha “criticato” il Comune di Taranto in merito alle perdite di esercizio maturate dalle società partecipate, l’  Amiu, dove è socio unico, ed il Ctp, dove l’amministrazione comunale in realtà possiede poco meno del 10% delle quote.

CdG Marcello Carone
nella foto Marcello Carone

Un vero e proprio ribaltone che mette in crisi due tra le più importanti aziende pubbliche  partecipate del Comune di Taranto e della Provincia di Taranto. Due settimane fa,  a distanza di pochi giorni l’uno dall’altro, si sono dimessi entrambi i presidenti, Rosa De Benedetto dell’ Amiu (in precedenza vice-presidente, e subentrata al dimissionari ing. Federico Cangialosi lo scorso 7 febbraio 2015 ) e Marcello Carone del Ctp che era stato nominato lo scorso 7 marzo 2015,  e che quindi pagano le accuse alle precedenti gestioni a cui erano subentrati. Carone, era stato affiancato alla guida dell’azienda da Fedele Moretti e Vanessa Greco. Mentre nominato presidente del collegio dei revisori ,  Cosimo Damiano Latorre, presidente dell’ordine dei commercialisti di Taranto.

CdG camion AMIUL’Amiu è l’azienda municipale che si occupa della raccolta dei rifiuti urbani e della differenziata, possiede un proprio impianto di termovalorizzazione e compostaggio (attualmente non attivo) e si occupa della gestione delle “isole ecologiche”. Il CTP, Consorzio trasporti pubblici, che fa capo alla Provincia di Taranto ha la gestione diretta del trasporto pubblico locale esercitata con ogni mezzo nella Regione Puglia.

Il consigliere provinciale Dante Capriulo ha chiesto al Presidente della Provincia Martino Tamburrano di conoscere le motivazioni di tale decisione, alla luce delle dimissioni, dopo essere stato “recentemente nominato insieme ad altri due nuovi amministratori, con sua scelta monocratica“. Capriulo adesso pretende chiarezza. “Considerato che i motivi delle sue dimissioni non sarebbero di natura personale, ma legati alla conduzione ed al rispetto della legalità nella importante società di pressochè totale proprietà della provincia”, il consigliere ha chiesto di sapere “con estrema urgenza se il Presidente della Provincia Martino Tamburrano è a conoscenza delle motivazioni e dei fatti che hanno determinato le dimissioni del presidente Ctp”. e di “organizzare un incontro urgente con i consiglieri provinciali, il consiglio di amministrazione ed il management del Ctp, per conoscere lo stato delle procedure e delle attività aziendali tanto per le attribuzionu proprie dei consiglieri provinciali e per dovere di trasparenza e conoscenza degli atti“.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Elezioni Ordine avvocati a Taranto: "tutto in famiglia". Un'elezione falsata (?) dai diversi conflitti di interesse della commissione
Berlusconi dovrà risarcire con 50 mila euro il pm Robledo per averlo diffamato durante il processo Mills. Respinto il ricorso in Cassazione
Beppe Grillo condannato per diffamazione su un ex parlamentare pugliese del Pd
Dietro le quinte delle elezioni dell' Ordine degli Avvocati di Taranto. Qualcuno chiede "trasparenza" ma non risponde su una vecchia storia...
La strategia del silenzio dei complici di Matteo Messina Denaro
'Ndrangheta, blitz della Polizia contro le cosche del Vibonese: 56 arrestati
Archivi
Caccia alle amanti di Messina Denaro a Campobello. E la gente inizia a parlare...
Regione Basilicata al primo posto in Italia per numero dei progetti Pnrrr in rapporto ai Comuni
"Dissenso non fastidio, ma arma in più"
Elezioni Ordine avvocati a Taranto: "tutto in famiglia". Un'elezione falsata (?) dai diversi conflitti di interesse della commissione
Imputati assolti, raddoppiato il fondo rimborso spese legali

Cerca nel sito