MENU
3 Dicembre 2022 06:37
3 Dicembre 2022 06:37

Michele Emiliano a giudizio davanti al Csm: “Da magistrato non può essere iscritto al partito”

Seconda e, probabilmente, ultima udienza per il governatore pugliese. Attesa lunedì 10 luglio la sentenza dell'organo di autogoverno della magistratura. Secondo l'accusa ci sarebbe incompatibilità, ed Emiliano deve abbandonare la magistratura.

ROMA – (AGI) Michele Emiliano torna davanti alla disciplinare del Csm, per rispondere all’ accusa di essere iscritto al Pd e di aver quindi violato le norme che vietano ai magistrati, anche se fuori ruolo, di svolgere in modo continuativo attività in un partito politico.

Quella di domani lunedì 10 luglio è la seconda udienza del processo, e probabilmente sarà quella decisiva. Non si esclude, infatti, che il verdetto possa arrivare in serata. Emiliano era già comparso nell’aula Bachelet di Palazzo dei Marescialli con il suo difensore, il capo della Procura di Torino Armando Spataro, nello scorso aprile, quando era ancora in corsa per la segreteria del Pd.

Emiliano_CSM 2017

All’epoca, però, il processo venne rinviato, perchè la Procura generale della Cassazione (titolare, con il Ministro della Giustizia dell’azione disciplinare per le toghe) alle incolpazioni già formulate nei confronti del governatore della Puglia – riguardanti il suo ruolo di segretario regionale del Partito Democratico (dal 2007 al 2009 e dal 2014 ad oggi) e quello di presidente del Pd pugliese (svolto dal 2009 fino al 2014) – aggiunse quella inerente la candidatura alle primarie del partito, e, per le garanzie di difesa, venne fissata una nuova udienza.

CdG emiliano disciplinare

Secondo il pg della Suprema Corte, si tratta di ruoli che “per statuto presuppongono l’iscrizione al partito“, mentre il divieto previsto nella legge sull’ordinamento giudiziario tutela l'”esercizio indipendente e imparziale della funzione” del magistrato.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Soumahoro & Lucano: un loro collaboratore indagato dalla Corte dei Conti
Il Guardasigilli Nordio dispone l’ispezione sui pm della Procura di Firenze: "Accertamenti rigorosi"
Avvocati, accolta la proposta di Cnf e Cassa forense su compensazione debiti
Gli ispettori del ministero chiudono le cooperative della famiglia di Soumahoro
Smantellata la rete di spie russe infiltrate in Svezia
Disastro a Ischia. Le menzogne di Conte :"Nel 2018 non firmai un condono". Ma la parola "condono" si trova persino nel titolo della norma !
Archivi
Lucarelli censore del nulla: "Moglie Soumahoro sceglie Borrè, ex avvocato di Priebke". E si becca una querela !
Per la Corte dei Conti la legge di bilancio 2023 "Manovra di ampia portata. Coperture efficaci ma poco efficienti"
Soumahoro & Lucano: un loro collaboratore indagato dalla Corte dei Conti
Un video di un sommergibile della Marina Militare "smaschera" la Ong Open Arms: gli scafisti erano a bordo ?
Lavoro. L’ occupazione vola al massimo dal 1977

Cerca nel sito