MENU
18 Aprile 2024 06:48
18 Aprile 2024 06:48

Il contrasto ai reati ambientali e monitoraggio del Mar Piccolo con la videosorveglianza

Domani 26 novembre 2014  presso la Sala Specchi di Palazzo di Città  sarà presentato il sistema di  monitoraggio del Mar Piccolo per il contrasto ai reati ambientali con un’ infrastruttura di videosorveglianza di tipo evoluto,  nell’ambito del Programma Operativo Nazionale “Sicurezza per lo Sviluppo Obiettivo Convergenza 2007/2013″  del Dipartimento della Pubblica Sicurezza del Ministero dell’Interno.

L’iniziativa progettuale è stata avviata dal Comune di Taranto, per il tramite della Direzione Ambiente, che ha operato in stretto raccordo con il Comitato Provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, attesa la necessità di mettere a punto una condivisa e articolata strategia di interventi. I lavori saranno aperti dal saluto del Sindaco di Taranto, Dott. Ippazio Stefáno. Seguiranno gli interventi del Prefetto di Taranto, Dott. Umberto Guidato, e del Comandante Provinciale Carabinieri di Taranto, Col. Daniele Sirimarco.

Gli aspetti relativi alla tutela della privacy nell’ambito del sistema di videosorveglianza ed i dettagli tecnico-operativi saranno approfonditi nella seconda parte programma della mattinata dal Prof. Michele Iaselli, Presidente dell’Associazione Nazionale per la Difesa della Privacy e da Giancarmine De Luca, Responsabile della divisione sistemistica SETI .

Il sistema di videosorveglianza per il monitoraggio del Mar Piccolo nasce con il fine di essere in grado di soddisfare le esigenze di sicurezza e di contrasto ai reati ambientali dell’area in questione, attraverso la realizzazione di un modello di controllo tecnologico, centralizzato ed integrato nel territorio. L’azione di sorveglianza dell’area consente di innalzare la capacità di contrasto ai reati ambientali, particolarmente quelli connessi allo sfruttamento illegale del sito e della possibile immissione sul mercato di prodotti contaminati, tutelando, nel contempo, lo sviluppo dell’economia legale e il recupero alla legalità.

L’architettura del sistema è basata su un’infrastruttura di rete mista che adotta tecnologie in grado di conferire al sistema notevole flessibilità, modularità, integrabilità e scalabilità, grazie al collegamento radio wireless composta da un impianto di telecamere di diversa tecnologia, una sala di controllo e una sala apparati presso il Comando di Polizia Locale di Taranto e una ulteriore sala operativa presso il Comando della Capitaneria di Porto di Taranto. Sfruttando poi la connettività esistente presso il Comando di Polizia Locale, mediante la fornitura di un firewall, i server sono pubblicati sulla rete internet, offrendo la possibilità alle altre forze di polizia (Questura, Carabinieri, Guardia di Finanza) di connettersi all’impianto.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

Articoli Correlati

La procura di Milano chiede una condanna di tre anni per Giovanni Canio Mazzaro ex compagno di Daniela Santanchè
Mafia e voto di scambio in Sicilia, sospeso il vice presidente leghista della Regione
Il professor Canfora a processo per aver diffamato la premier Giorgia Meloni
Agenzia delle Entrate, arrestati tre funzionari per corruzione
La Procura europea indaga D'Adamo assessore al bilancio del Comune di Bari per "truffa allo Stato". Il sindaco Decaro gli revoca l'incarico
Chiusa la seconda indagine su Visibilia: indagata Daniela Santanchè per falso in bilancio
Cerca
Archivi
La procura di Milano chiede una condanna di tre anni per Giovanni Canio Mazzaro ex compagno di Daniela Santanchè
Mafia e voto di scambio in Sicilia, sospeso il vice presidente leghista della Regione
Puglia, il rimpasto "minimal" di Emiliano . Solo quattro nuovi assessori in giunta ?
La sede del Csm intitolata a Bachelet, la cerimonia con il presidente Mattarella
Il professor Canfora a processo per aver diffamato la premier Giorgia Meloni

Cerca nel sito