MENU
3 Marzo 2024 23:09
3 Marzo 2024 23:09

Fabio Riva vince il ricorso in Cassazione: stop all’obbligo di dimora

L’industriale lombardo allorquando scattarono gli arresti dell’inchiesta giudiziaria “ambiente svenduto”, nel luglio del 2012, si trovava a Londra . Venne arrestato al suo rientro in Italia e trasferito nel carcere di Taranto. A marzo del 2016 aveva ottenuto i domiciliari. E da ieri per decisione della Corte di Cassazione è tornato completamente libero.

ROMA – L’ultima misura cautelare a carico dell’industriale Fabio Riva è stata cancellata l’altra sera della Corte di Cassazione che ha accolto il ricorso presentato dal legale dell’ex vice presidente di Riva Fire, imputato nel processo “Ambiente Svenduto”, che torna ad essere completamente libero.  La Suprema Corte ha annullato senza rinvio la decisione con la quale invece  i giudici della Corte di Assise di Taranto, lo scorso gennaio avevano trasformato gli arresti domiciliari con la misura dell’obbligo di dimora, per due anni, accompagnandola con una serie di rigide prescrizioni.

Contro la decisione del Tribunale di Taranto, l’avvocato Luca Perrone, ( a sinistra nella foto)  il legale difensore del 63enne industriale lombardo, aveva da subito proposto appello, ottenendo la cancellazione di tutte le prescrizioni, ed era rimasto proprio l’obbligo di dimora, contro il quale l’avvocato tarantino aveva proposto ricorso per Cassazione.

Lunedì si è protratta la discussione in camera di consiglio sino a tarda ora, dopo che il difensore di Fabio Riva aveva fortemente insistito sulle proprie argomentazioni sottolineato come fosse “errata in diritto la decisione della Corte che aveva inteso sostituire gli arresti domiciliari con quella meno grave dell’obbligo di dimora e ciò in assenza di richiesta formulata dalla procura ed ancora per un termine pari al doppio di quello fissato inizialmente per i domiciliari”   argomentazione questa che ha trovato concordi ed allineati gli ermellini della Cassazione.

 

 Nella serata di lunedì è stato reso il dispositivo di sentenza con il quale è stato accolto il ricorso dell’avvocato Luca Perrone e quindi convalidato il conseguente annullamento senza rinvio del precedente provvedimento adottato dalla Corte di Assise di Taranto.

Nel dispositivo di  sentenza emesso dalla Suprema Corte di Cassazione si fa riferimento proprio al fatto che l’obbligo di dimora era stato disposto per una durata di due anni, rispetto al termine della misura originaria.

Quindi, Fabio Riva ex vice presidente della Riva Fire torna completamente in libertà oltre due anni dopo l’ arresto avvenuto nel giugno del 2015 all’aeroporto di Fiumicino , all’atto del suo rientro dall’Inghilterra e dopo una lunga battaglia tra le autorità inglesi e quelle italiane sulla richiesta di estradizione.

L’industriale lombardo allorquando scattarono gli arresti dell’inchiesta giudiziaria “ambiente svenduto”, nel luglio del 2012, si trovava a Londra . Venne arrestato al suo rientro in Italia e trasferito nel carcere di Taranto. A marzo del 2016 aveva ottenuto i domiciliari.

E da ieri per decisione della Suprema Corte di Cassazione è tornato completamente libero.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

ESCLUSIVA: l'ordinanza integrale sull'operazione antimafia della DDA di Bari e della Polizia di Stato che hanno svelato gli intrecci con la politica e l'economia
Policlinico Foggia, trovate larve nei piatti di prosciutto crudo termosigillati: sanzione per l’azienda Ladisa di Bari
Truffa con i servizi di telefonia di Tim, sequestrati 320 milioni di euro
Nuova condanna per Fabrizio Corona: diffamò Wanda Nara ed un calciatore dell'Inter.
Il Tribunale respinge il ricorso dell' avv. Laforgia e conferma l'interdizione di Elio Sannicandro
Indagati i vertici di Edenred Italia. Truffa sui buoni pasto: sequestrati 20 milioni di euro
Cerca
Archivi
Laudati ex procuratore di Bari indagato dalla procura di Perugia per il caso Crosetto
Gli affari e le speculazioni incrociate fra Albanese, Miccolis e Ladisa sul patrimonio della Gazzetta del Mezzogiorno finiscono in Parlamento.
ESCLUSIVA: l'ordinanza integrale sull'operazione antimafia della DDA di Bari e della Polizia di Stato che hanno svelato gli intrecci con la politica e l'economia
Policlinico Foggia, trovate larve nei piatti di prosciutto crudo termosigillati: sanzione per l’azienda Ladisa di Bari
Incontro Meloni-Biden alla Casa Bianca: sul tavolo la crisi umanitaria a Gaza e la situazione migranti

Cerca nel sito