MENU
20 Maggio 2022 20:04
20 Maggio 2022 20:04

La Procura di Roma sequestra 38 milioni di euro al gruppo editoriale Gedi (famiglia Agnelli)

Come giustamente evidenzia il quotidiano La Verità né dalla Gedi, né dalle agenzie di stampa o da altri organi di informazione era stato diffuso alcun comunicato sulla vicenda resa nota dal quotidiano diretto da Belpietro. Legittimo chiedersi quali siano state le cause che hanno portato alla clamorosa autocensura

di REDAZIONE ECONOMIA

Il sequestro preventivo da oltre 38 milioni subito dalla società editrice Gedi (di cui fanno parte tra l’altro i quotidiani La Repubblica, La Stampa, Il Secolo XIX) vigilia delle feste natalizie è un’iniziativa della Procura di Roma che con l’avallo del gip, ai sensi della legge 231 del 2001, quella che punisce la responsabilità amministrativa delle società, ha bloccato una somma equivalente al massimo che l’accusa ritiene essere stata sottratta al bilancio dell’INPS per delle presunte irregolarità nelle procedure di prepensionamento di una settantina di dipendenti , operazione effettuata quando però la società editrice era ancora controllata, dalla Cir cioè la holding degli affari della famiglia De Benedetti.

Come giustamente evidenzia il quotidiano La Verità né dalla Gedi, né dalle agenzie di stampa o da altri organi di informazione era stato diffuso alcun comunicato sulla vicenda resa nota dal dal giornale diretto da Maurizio Belpietro. Legittimo chiedersi quali siano state le cause che hanno portato alla clamorosa autocensura. Ieri Andrea Griva direttore della comunicazione del gruppo Gedi , parlando con i colleghi de La Verità ha sottolineato una dimenticanza del loro articolo pubblicato il 31 dicembre : “Non ci sono commenti se non forse che poteva essere un servizio al lettore ricordare con maggiore precisione che si tratta di una vicenda originata dalla precedente gestione del gruppo Gedi (quando la proprietà era in capo ai De Benedetti, ndr) e quindi la fotografia dell’ingegner Elkann non sembrava essere in linea con la verità storica di questa vicenda. Posso aggiungere che la società continua a collaborare con gli inquirenti“.

Nonostante uno dei tre indagati, Monica Mondardini, ha lasciato il gruppo Gedi, in cui ha ricoperto il ruolo di amministratore delegato e vicepresidente, per passare alla Cir dell’ingegner Carlo De Benedetti, gli altri due manager sotto inchiesta, il direttore delle risorse umane Roberto Moro e il capo della divisione Stampa nazionale Corrado Corradi, in realtà sono ancora in carica.

Il fascicolo è in mano all’aggiunto della Procura di Roma Paolo Ielo e al pm Francesco Dall’Olio in relazione ad una presunta truffa ai danni dell’Inps legata al prepensionamento di dirigenti e altri dipendenti di Gedi e della concessionaria pubblicitaria Manzoni che non avrebbero avuto diritto al beneficio e che per questo sono stati demansionati o trasferiti per ottenere lo scivolo. La notizia del sequestro della Procura di Roma, seppur tacitata e nascosta, ha fatto rapidamente il giro di tutti i giornali. Compresa La Repubblica, edita dal gruppo Gedi. In passato il gruppo Gedi in quanto quotato in Borsa sarebbe stato costretto a rendere pubblica la notizia . Ma dopo l’acquisizione dalla Cir l’89 per cento delle azioni della casa editrice, la Gedi per decisione della nuova proprietà del gruppo cioè la Exor della famiglia Elkann-Agnelli) è stata “delistata” cioè è uscita dalla Borsa italiana di Piazza Affari. Per questo motivo l’obbligo delle comunicazioni al mercato è venuto meno in quanto non dovuto.

dall’ alto John Elkann, Tito Boeri e Carlo De Benedetti

L’avvocato della società editrice, l’ex ministro della Giustizia Paola Severino, si sarebbe affrettata a far aprire un conto bancario vincolato su cui Gedi avrebbe già versato i fondi oggetto del sequestro, evitando in tal modo che venissero colpiti i patrimoni personali degli indagati.

Alla vigilia del maxi sequestro subito dalla Gedi , il quotidiano La Repubblica lo scorso 15 dicembre aveva dato ampio risalto alla notizia di un altro sequestro preventivo di 600.00 euro effettuato dalla Procura di Milano ai danni di “alcune sigle sindacali” della Cisl lombarda. Una somma sessanta volte inferiore all’importo bloccato sotto sequestro dalla Procura di Roma al gruppo Gedi, notizia che sino a questa mattina, i lettori del quotidiano romano, non hanno ancora potuto leggere. Grazie al complice silenzio della direzione e redazione.

la sede della Gedi- Gruppo Editoriale L’ Espresso-La Repubblica
TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Operazione Transilvania. Carabinieri ed Europol smantellano organizzazione criminale basata in Romania ma operante in Italia ed all'estero
Per la Procura di Caltanissetta “su Borsellino c’è stato un gigantesco depistaggio”
Così i boss della 'Ndrangheta si sono presi la Capitale: "Siamo pronti a fare la guerra".
Botta e risposta in aula sulle accuse nel processo per stalking a Enrico Varriale
Taranto, 8 autisti dell'Amat a processo per ripetuti abusi sessuali su una 18enne con problemi psichici a bordo dei bus cittadini
Corona evade dai domiciari. Moric: "Corona mi è piombato in casa, urlava e cercava soldi"
Archivi
Operazione Transilvania. Carabinieri ed Europol smantellano organizzazione criminale basata in Romania ma operante in Italia ed all'estero
Perquisiti i due broker coinvolti nella tentata mediazione di D'Alema per le armi alla Colombia.
Guerra Russia-Ucraina. Zelensky: "Missili su Desna, molti morti. C'è l'inferno nel Donbass", Contatti tra Washington e Mosca
Guerra Russia-Ucraina. Biden: “Svezia e Finlandia nella Nato? Con la Turchia andrà tutto bene”. Raid nel Donetsk, ucciso bimbo di 2 anni. Mosca caccia 24 diplomatici italiani
Stefania Craxi è la nuova presidente della Commissione Esteri del Senato

Cerca nel sito