MENU
16 Giugno 2024 08:30
16 Giugno 2024 08:30

Il processo ILVA “Ambiente Svenduto” riparte da Taranto

A seguito della recente decisione della Suprema Corte di Cassazione che ha confermato quale legittima sede processuale il Tribunale di Taranto,  rigettando l’istanza di rimessione presentata dagli illustri avvocati e professori difensori dai legali di quindici imputati  nel vano tentativo di far trasferire il processo a Potenza, è entrato oggi nel vivo il processo denominato “Ambiente Svenduto”  con lo svolgimento dell’udienza preliminare a carico dei vertici dell’ ILVA, di politici, amministratori e funzionari di enti e ministeri,  per i danni ambientali che secondo le accuse sarebbero stati causati dallo stabilimento siderurgico, sotto la gestione “privata”  della famiglia Riva degli ultimi vent’anni. L’udienza sarà focalizzata a valutare le numerose richieste di costituzione di parte civile e di risarcimento danni,  in merito quali è affidata la valutazione e decisione del  Gup Vilma GilliIl processo giunge dopo una serie di azioni giudiziarie del pool dei pm, coordinato da Franco Sebastio procuratore capo di Taranto,  e condiviso dal gip Patrizia Todisco , che ha portato a  numerosi arresti e sequestri giudiziari

Il Comune di Taranto ha già chiesto  sin dalla precedente udienza di giugno 10 miliardi di danni per le emissioni inquinanti dell’ILVA. Oltre a numerosi movimenti ambientalisti (veri e quelli presunti tali), come Legambiente , l’ associazione Altamarea, i sindacati metalmeccanici, le organizzazioni dei mitilicoltori , la Confagricoltura  , la Regione Puglia, il Comune di Statte e il Ministero dell’Ambiente. Già nella richiesta di rinvio a giudizio f sono individuate 286 parti lese, prevalentemente cittadini che risiedono nel quartiere Tamburi adiacente allo stabilimento siderurgico, e quindi secondo la Procura, maggiormente sottoposti e danneggiati alle conseguenze ambientali. E proprio perchè è rilevante il peso dei risarcimenti che si profilano che, nelle trattative in corso per la vendita dell’Ilva, si parla della costituzione di una new company, dove trasferire impianti, attività, personale e debiti industriali, e di una bad company cui invece accollare tutto il contenzioso.

Sono 52 gli imputati,  cioè 49 persone e 3 società della famiglia Riva, l’  ILVA spa, Riva Fire  che è la società capogruppo che controlla l’ ILVA e la  Riva Forni Elettrici.  Sono complessivamente 286 le persone offese nella richiesta di rinvio a giudizio dalla Procura della repubblica di Taranto, tra cui  il Comune di Taranto,  la Provincia di Taranto, la Regione Puglia ed   il Ministero dell’Ambiente e quello della Salute. L’accusa più pesante è quella a carico di Fabio e  Nicola Riva, i figli di Emilio ed attuali proprietari dell’ ILVA, dell’ex direttore del siderurgico di Taranto, Luigi Capogrosso, e dell’ex addetto alle relazioni istituzionali dello stabilimento, Girolamo Archinà,  e di altri imputati: associazione a delinquere finalizzata al disastro ambientale. Tra i politici chiamati a rispondere in giudizio compare Nichi Vendola,  Governatore della Regione Puglia , con accuse a proprio carico di “concussione aggravata” poichè gli sono state contestate ed addebitate indebite pressioni sull‘Arpa Puglia affinchè fosse più “morbida” e meno rigorosa nei controlli ambientali all’ ILVA. Imputato è anche l’attuale sindaco di Taranto, Ippazio Stefàno. chiamato a rispondere, di “omissione di atti di ufficio” perchè, sempre secondo l’accusa, si sarebbe limitato a denunciare alla Procura, attraverso esposti, malattie e morti provocate si presume dall’inquinamento dell’ ILVA, senza far nulla pur avendo i poteri  di autorità sanitaria locale, quale Sindaco 

 Praticamente tutti gli imputati  sono a piede libero, cioè in stato di libertà,  ad eccezione di Fabio Riva, il quale come ben noto si trova in libertà su cauzione a Londra essendo oggetto di ben due ordinanze di custodia cautelare , a seguito del procedimento in corso Taranto e per un’altra vicenda giudiziaria emessa dal Gip del tribunale di Milano . All’epoca dei fatti contestati  Fabio Riva, figlio del defunto Emilio Riva, ricopriva la carica di vice presidente della Riva Fire,

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

Articoli Correlati

Il video del presunto stupro di gruppo nella villa di Beppe Grillo proiettato in aula. "La studentessa non era partecipe del rapporto"
Prostituzione a Bari, a giudizio immediato le “Squad girls” e altre tre persone
Ndrangheta e politica a Reggio Calabria: operazione del ROS e della Dda.
Traffico di droga tra le province di Bari e Bat: 29 arrestati dalla Guardia di Finanza
Maxi furto da Bulgari a Roma: per la “banda del buco” bottino da 500mila euro
False accuse di stalking al calciatore Lorenzo Pellegrini, indagato anche Fabrizio Corona
Cerca
Archivi
Clima estivo nel weekend con qualche temporale al nord
Il Papa: "Nessuna macchina tolga la vita umana". La premier Meloni: "Le sue parole sono d'ispirazione per tutti"
Sguardi gelidi e il baciamano fra Macron e la Meloni : lo smacco francese senza precedenti
Il video del presunto stupro di gruppo nella villa di Beppe Grillo proiettato in aula. "La studentessa non era partecipe del rapporto"
Elezioni Comunali Lecce, completato lo scrutinio delle ultime sezioni: ballottaggio Poli Bortone-Salvemini

Cerca nel sito