MENU
3 Ottobre 2022 07:54
3 Ottobre 2022 07:54

Come il Corriere del Giorno aveva previsto è Tamburrano il presidente della Provincia di Taranto

Il nuovo Presidente della Provincia, come il Corriere del Giorno aveva previsto  (unico !)   e scritto,  è  Martino Tamburrano sindaco di Massafra ed autorevole esponente di Forza Italia in provincia di Taranto, che è stato eletto con con 61954 voti ponderati cioè il 63,80% delle preferenze. In pratica con la nuova Legge elettorale per le Province,  il voto di ogni scheda è stata poi moltiplicato in base al punteggio prestabilito per la popolazione del singolo comune,  calcolati sul 96,40% dei votanti.   Tamburrano ha ricevuto 21 voti nel solo Comune di Taranto, mentre Lopane invece ha ottenuto  solo 12 voti, dato elettorale che conferma quanto prevedevano,  e cioè che la maggioranza del suo partito il Pd non l’avrebbe votato.   Questa è la prima dichiarazione del nuovo Presidente:  “Questa vittoria non è solo del 65% degli elettori che mi hanno votato, ma appartiene a tutti ed il mio impegno sarà quello di fare squadra con tutte le forze politiche. Con quelle preferenze si è compreso l’effetto di queste elezioni, che non è ad appannaggio dei partiti ma di uomini che vogliono lavorare per cambiare il territorio. Aspetto l’elezione dei Consiglieri Provinciali ma il mio intento è collaborare con tutte e tre le liste che si sono presentate alle elezioni.  Il candidato di centrosinistra, lo sconfitto Gianfranco Lopane ha ricevuto solo 35146 voti  “ponderati” e cioè il 36,20% delle preferenze. Secondo la riforma prevista dalla Legge Del Rio, il nuovo Presidente della Provincia resterà in carica per i prossimi 2 anni (cioè fino al termine del proprio attuale mandato da Sindaco del Comune di Massafra). O meglio, come dice qualcuno che ben conosce le manovre interne nel centrodestra, “fino alle prossime elezioni politiche….

Schermata 2014-09-28 alle 22.18.52Smentite quindi tutte le analisi politiche degli altri organi di stampa locali, e sopratutto di chi cercava di pubblicare ( o meglio di “pilotare”) notizie strumentali di pura propaganda politica che i fatti hanno dimostrato di essere deboli e prive di alcun fondamento. Il nostro sondaggio “riservato”  effettuato fra gli elettori ha funzionato ! In realtà i grandi sconfitti di queste elezioni provinciali, oltre al candidato in pectore ( o dell’ultim’ora ?) del centrosinistra Gianfranco Lopane, che in cuor suo era convinto di potercela fare, sono stati Michele Emiliano segretario regionale pugliese del Pd , il sindaco uscente di Taranto Ippazio Stefàno (che in un primo momento ambiva alla poltrona della Provincia) e la piccola minoranza del Pd jonico che fa riferimento al consigliere regionale del Pd Annarita Lemma.

La campagna elettorale come i nostri lettori ricorderanno è stata impostata sulle polemiche per l’apertura del direttivo provinciale del Pd jonico alle ‘larghe intese” ed avvallato da influenti esponenti del partito come il senatore Michele Pelillo, osteggiata da parte della minoranza interna e da alcuni sindaci, pochi influenti ai fini del voto,  infatti,  i risultati hanno confermato essere più che solida e coerente quella raggiunta dagli accordi politici che ricopiavano l’attuale assetto su cui si basa il Governo Renzi  . A nulla è quindi valso l’intervento strumentale del segretario regionale del Partito democratico, Michele Emiliano, che dimenticandosi delle norme statutarie aveva chiesto esplicitamente di votare il candidato interno del Pd , scelta ricaduta sul 34enne sindaco di Laterza, Gianfranco Lopane,  che al di fuori del suo Comune non godeva dei consensi generali anche all’interno del suo stesso partito.

Nel centrosinistra a Taranto. si fanno i conti. E qualcosa non quadra. Lopane,  avrebbe dovuto ricevere 21 voti dalla “barcollante” maggioranza costituitasi intorno alla giunta comunale guidata da Ippazio Stefàno, più i 4 votanti “fiancheggiatori” e cioè Capriulo, Venere, Liviano e Angelo Bonelli, per un totale di 25 voti in suo favore. In realtà è finita al contrario: 21 voti per Tamburrano  e solo 12 per Lopane (cioè meno della metà di quelli previsti). In pratica la maggioranza del Pd jonico ed alcuni della maggioranza di Stefàno hanno votato per Tamburrano

Ed il bello è che ci segnalano, che alcuni “pennivendoli-giornalisti ” stanno facendo sparire da alcuni siti le loro previsioni politiche che davano per eletto Lopane sostenendo il contrario. Poverini.

AGGIORNAMENTO

Proclamati gli eletti nel Consiglio Provinciale di Taranto.  

I neo eletti (sono 6) del centrodestra sono tutti di Forza Italia: Giuseppe Pulito, Arturo De Cataldo, Michele Muschio Schiavone, Giuseppina Castellaneta, Michele Franzoso, Marco Natale; nel Pd (sono 4) : Gianni Azzaro, Piero Bitetti, Vito Miccolis, Maria Grazia Cascarano; del centrosinistra (sono 2): Dante Capriulo e Filippo Illiano.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Emergenza gas. Il ministro Cingolani rassicura: "Per l'inverno siamo coperti"
La relazione del 2° semestre 2021 delle attività della D.I.A depositata alla Camera e Senato
I deputati M5S esclusi dalle elezioni verranno retribuiti come dirigenti (con i soldi pubblici)
Il Senato pronto ad accogliere i nuovi senatori: numero telefonico per gli eletti
Montecitorio accoglie i nuovi deputati dal 10 ottobre
Il Viminale corregge l'assegnazione dei seggi: alla Camera entra il consigliere regionale De Palma
Archivi
Da oggi a Bari il "Prix Italia 2022"
Il Presidente della Repubblica del Congo Denis Sassou Nguesso incontra l’Ad di Eni Claudio Descalzi
Emergenza gas. Il ministro Cingolani rassicura: "Per l'inverno siamo coperti"
Boselli "cavaliere" nella vita e nella moda
La relazione del 2° semestre 2021 delle attività della D.I.A depositata alla Camera e Senato

Cerca nel sito