Transformers Devastation

Transformers Devastation

di Paolo Campanelli

Una delle costanti nel mondo dei videogiochi è che non importa quanto tempo possa essere passato, il gioco che i fan stavano aspettando sin da quando la loro passione si è formata potrebbe uscire in ogni momento, o potrebbe essere un gioco che conta unicamente sul fatto che si tratta di un soggetto famoso. Transformers Devastation è il primo caso, ed a ormai trent’anni di distanza dalla nascita della serie, ci riporta nel conflitto tra Autobot e Decepticon, Il gioco unisce delle (leggermente scarne) sequenze di esplorazione con furiosi combattimenti in perfetto stile “gun-fu”, una combinazione di corpo-a-corpo e armi da fuoco, a cui si va ad aggiungere la mobilità che ci aspetterebbe dai robottoni, ma mai veramente provata nei precedenti giochi inspirati ai Transformers.

I personaggi giocabili, Optimus Prime, Bumblebee, Sideswipe, Wheeljack e Grimlock, sono infatti non solo in grado di cambiare forma tra robot e veicolo (o dinosauro) in qualsiasi momento, ma anche di usare questa abilità in maniera offensiva durante gli scontri, schivando, contrattaccando, sparando e investendo i nemici. Si è inoltre in possesso di una tecnica speciale che infligge pesanti danni in un area, e di una abilità secondaria che possiede effetti differenti a seconda del personaggio, che variano da scudi a prese.

Lo stile grafico del gioco è direttamente inspirato a quello del film dell’85, con i bordi spessi del cell shading e segni sul corpo a simulare gli effetti della luce sul metallo, mentre gli effetti grafici di laser e tecnologia spaziale assortita sono fedeli al cartone animato originale. A questo va ad aggiungersi una colonna sonora completamente inedita e le voci originali (inglesi) di quasi tutti i robbotoni. L’aspetto delle armi è inspirato tanto da quelle originali della prima serie, quanto da quelle presenti unicamente nei giocattoli, mentre altre sono inspirate da Generazioni più recenti, come ad esempio il martello “Forgia di Solus Prime” che compare nella serie Transformers Prime, o gli attacchi incendiari e congelanti del Decepticon Blitzwing, utilizzati in maniera identica alla versione Transformers Animated.

Schermata 2016-01-04 alle 15.44.16

I livelli sono lunghi e molto vasti, ma dalla varietà estremamente limitata: gran parte del gioco si svolgerà infatti nella città (una non meglio definita tipica cittadina americana) o nell’astronave ; benché trappole e nemici varieranno durante il corso del livello, basterà una manciata di minuti per ritrovarsi a passare più volte nella stessa area. Fortunatamente, la mappa è molto chiara e mostra sempre la direzione degli obiettivi. Sparsi per i livelli vi sono molti collezionabili che sbloccano illustrazioni nella galleria che contiene un grande numero di illustrazioni e modelli dei personaggi, ed è un gradito extra. Grave però la mancanza di una funzione “soundcheck”.

Il sistema delle armi è semplice ed efficace, con vari tipi di pistole e di armi da corpo a corpo; ogni categoria he a disposizione differenti combo e velocità d’attacco. Ogni arma ha un valore di rarità (che varia da E a SS) e un livello, spesso inoltre le armi hanno abilità speciali. Utilizzando l’opzione Sintesi, è possibile incrementare le caratteristiche offensive di un arma e traferire le abilità.

La telecamera e il sistema di auto puntamento però soffrono terribilmente della grande velocità d’azione, e la maggior parte delle volte si verrà colpiti da nemici al difuori del proprio campo visivo, o una schivata potrebbe fallire perché il sistema riconosce un altro attacco nemico invece di quello previsto dal giocatore In conclusione, Transformers Devastation è una scelta obbligata per il fan di transformers, e un ottimo gioco d’azione di per se, seppur alcuni potrebbero trovarlo ripetitivo.

Il gioco di Platinum Games è per PS3, PS4, Xbox360, XboxOne, e pc, e costa circa 40 euro. Originariamente il contenuto scaricabile extra, che consiste in costumi differenti per tre dei personaggi giocabili e alcune armi, era per chi aveva pre-ordinato il gioco, ma è stato reso disponibile per tutti gratuitamente

image_pdfimage_print
Please follow and like us:
error

Ti piace il Corriere del Giorno ? Fallo sapere !