MENU
8 Dicembre 2022 01:21
8 Dicembre 2022 01:21

Comune di Massafra

Features
Ecco l’avviso di conclusione d’indagine del secondo troncone dell’inchiesta T-Rex della Guardia di Finanza che hanno portato in carcere l’ex-presidente della Provincia di Taranto Martino Tamburrano ed altre 6 persone. E questa volta esce finalmente fuori il nome della “gola profonda” che contribuì al tentativo di danneggiare le indagini della Guardia di Finanza: l’ imprenditore Antonio Albanese, “patron” della CISA spa di Massafra
10 Settembre 2020
Secondo la tesi accusatoria prospettata e documentata dal pm Mariano Buccoliero della Procura di Taranto, Antonio Albanese proprietario del Gruppo CISA spa di Massafra (TA) avrebbe fatto tagliare e distruggere un’area boschiva di circa 2900 metri quadrati per consentire alla società APPIA ENERGY di cui è socio al 49% di poter superare il provvedimento di revoca della precedente Aia che era stata rilasciata dalla Provincia di Taranto
16 Novembre 2019
Indagati in 4 per la distruzione di un’area boschiva adiacente a quella in cui è stata realizzata la seconda linea di rifiuti per l’ampliamento della centrale termoelettrica Appia Energy. All’interno l’ AVVISO DI CONCLUSIONE DELLE INDAGINI della Procura di Taranto
3 Giugno 2019
TUTTI I NOMI DEGLI ARRESTATI. IL “noto” politico Martino Tamburrano ex presidente della Provincia di Taranto e Sindaco di Massafra, ed il dirigente della Provincia  Lorenzo Natile, il dirigente dell’AMIU Taranto, Cosimo (Mimmo Natuzzi) La richiesta di arresti porta la firma del sostituto procuratore della repubblica della Procura di Taranto, dr. Enrico Bruschi, accolta dal Gip dr.ssa Vilma Gilli che ha firmato l’ordinanza restrittiva.
14 Marzo 2019
Secondo l’ ente regionale la procedura attraverso la quale l’ Ente Provincia di Taranto ha autorizzato l’impianto, sarebbe viziata da un’ istruttoria superficiale ed insufficiente, che di fatto scaturisce illegalità e quindi illegittimità dell’ atto dirigenziale. IL DOCUMENTO ORIGINALE DELL’ AVVOCATURA REGIONALE
25 Ottobre 2018
La vera storia sul raddoppio della centrale termoelettrlci alimentata a rifiuti dell’ Appia Energy . Fare chiarezza e portare un pò di legalità dalle parti di Massafra non farebbe male.  5000 metri quadri di bosco non scompaiono all’improvviso….
15 Ottobre 2018
Chiuso con il segno più il bilancio consuntivo 2017 del Consorzio ASI di Taranto che l’Assemblea dei Soci ha approvato all’unanimità
26 Giugno 2018
A causa della “follia” amministrativa di Tamburrano, Marraffa e Cuzzocrea, i 290 dipendenti di CTP Taranto non hanno ancora ricevuto lo stipendio e chissà quando lo vedranno nonostante l’azienda sia sana ed abbia sui suoi conti bancari i soldi per pagarli. La vicenda verrà spiegata dal nostro direttore Antonello de Gennaro questa sera intorno alle ore 19 nella sua diretta “OreDiciannove e dintorni”  online sulle pagine pubbliche Facebook ed Instagram
6 Giugno 2018
Con l’ordinanza di ieri il TAR di Lecce, condividendo le tesi giuridiche sostenute dai difensori della società, ha respinto la richiesta di sospensiva, dando così il via libera alla realizzazione dell’intervento. L’intervento proposto, che secondo le intenzioni della società verrà realizzato in tempi brevissimi, prevede un investimento di 75 milioni di Euro ed il raddoppio della potenza elettrica da 10 a 20 MW.
11 Gennaio 2018
Gli esercizi di presunzione giornalistica di qualcuno che a Taranto crede di conoscere le Leggi smentita ancora una volta dai fatti.
5 Luglio 2016
Tamburrano al suo rientro alla guida della Provincia di Taranto, a giugno entrerà nel suo semestre bianco, in quanto entro la fine dell’ anno si dovrà procedere a delle nuove elezioni per il rinnovo del Consiglio Provinciale sulla base delle nove normative di Legge.
14 Maggio 2016
“Mi girava la testa e sono sceso da quella giostra”. Intervista di fine anno del giornalista Giovanni Matichecchia al sindaco di Massafra e presidente della Provincia, Martino Tamburrano. Le prossime elezioni, i potentati economici, l’inceneritore, i rapporti con il Pd, tutto in 30 minuti da non perdere.
25 Dicembre 2015
Al termine della conferenza stampa, vile aggressione e diffamazione (urlata) nei confronti del nostro direttore Antonello de Gennaro, da parte del giornalista-sindacalista Mimmo Mazza (La Gazzetta del Mezzogiorno) avvenuta sotto gli occhi di uomini del reparto Mobile dei Carabinieri di Taranto. Chiaramente Mazza è stato querelato.
25 Agosto 2015

Cerca nel sito