MENU
23 Maggio 2022 11:03
23 Maggio 2022 11:03

Paisielliana, onore e gloria a Paisiello e agli Amici della Musica

di Roberto Nistri

Con la “Semiramide in villa” si chiudeva  il Paisiello festival, in un clima di renaissance paisielliana promossa dalla benemerita associazione degli Amici della musica “Arcangelo Speranza”. Giorni di meritata gloria per Paisiello, che in un passato per fortuna lontano, non è stato doverosamente onorato dai suoi concittadini, che anzi lo consideravano un menagramo. Nel 1886 Saverio Magno proponeva l’erezione di un monumento, ma “ l’antica e nobile aspirazione” rimaneva lettera morta. L’11 dicembre 1916 il povero Paisiello veniva schiacciato da una lapide recante una delle tremende epigrafi del commendator Criscuolo: “Giovanni Paisiello/maestro di nuove armonie/ imperò sul secolo guerresco/ lo commosse alla potenza d’amore/lo trascinò alla  bontà del  pianto/glorificando/ armi/duci… ” e pappolate varie che nulla avevano a che spartire con l’artista.

Nel 1940 il podestà Giovinazzi commissionava una scultura all’accademico Pietro Canonica, ma la guerra  ibernava la “antica e nobile aspirazione”, che riprendeva quota nel 1954 con voto concorde delle destre e delle sinistre, del sindaco comunista De Falco e del consigliere democristiano Monfredi. Carlo d’Alessio proponeva di onorare Paisiello con una edizione completa delle sue opere, con un catalogo critico, con il potenziamento del liceo musicale, considerando anacronistico il monumento, che comunque veniva messo in cantiere, prima con alcune gaffes degli amministratori nei confronti di Manzù e di Messina, poi con un regolare bando di concorso e una giuria molto qualificata.

Veniva premiata la scultura astratta di Franchina: un “oggetto splendente” secondo Zevi, un “capolavoro” secondo Lionello Venturi. Uno sgorbio! Un cavaturacciolo! secondo gli amministratori zucconi. Il sindaco De Falco avrebbe preferito un “bel Paisiello a cavallo”! Il concorso veniva invalidato con scandalo internazionale. Per la vergogna il poeta Raffaele Carrieri non sarebbe più ritornato a Taranto. La scultura astratta di Franchina, fatta con l’acciaio dell’ Italsider,  è stata poi inaugurata sul lungomare di Genova. A Taranto il senatore Pignatelli ripescava il novantenne Canonica che, in statu moriendi, consegnava una stele cimiteriale inaugurata a Piazza Castello. Per questo, onore e gloria a Paisiello e agli Amici della Musica.

* foto di Carmine La Fratta

 

 

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Mattarella riceve i premiati per il David di Donatello: "La guerra insensata non può rompere i legami culturali tra i popoli europei"
“La Resistenza è un bel futuro”, l’evento regionale a Bari per celebrare il 25 Aprile
Catherine Spaak l’attrice volto elegante della tv che ha raccontato le donne è morta
Nel libro-inchiesta di Davide Vecchi la verità sul caso David Rossi, il dirigente MPS volato dalla finestra del suo ufficio
Si è spento Patrick Demarchelier , il fotografo da sempre preferito dalle dive
Oscar 2022: il trionfo di "Coda"
Archivi
Milan campione d'Italia e scudetto numero 19 sul petto.
Guerra Russia-Ucraina. Zelensky: "Dateci armi pesanti e sblocchiamo il Mar Nero". Mosca ritratta sullo scambio di prigionieri
Lo stadio di Barletta intitolato a Pietro Mennea, ennesimo spreco di denaro pubblico e conflitto d'interessi dei soliti "furbetti" di Puglia
L’Opinione del Direttore
Guerra Russia-Ucraina. Zelensky: "Solo la diplomazia può porre fine alla guerra". Mosca chiude il gas alla Finlandia.

Cerca nel sito