MENU
30 Novembre 2022 02:39
30 Novembre 2022 02:39

Ok dalla Corte di Londra per l’estradizione di Fabio Riva a Taranto

(Agenzia|ADGNEWS24 ) La ha detto sì all’estradizione di Fabio Riva, figlio dell’ex patron dell’ILVA di Taranto, Emilio Riva (morto un anno fa), in relazione all’ordinanza di custodia cautelare disposta dal del gip di Milano Fabrizio D’Arcangelo per una presunta truffa ai danni dello Stato da circa 100 milioni di euro, per la quale è stato già condannato in primo grado a 6 anni e mezzo di carcere. La difesa di Riva, ex vicepresidente di Riva Fire, intende presentare appello.Fabio Riva per il momento resta in libertà vigilata a Londra, sino a quando non sarà arrivata una conferma in appello dell’estradizione,  è potrà rimanere a Londra dove attualmente si trova  da più di due anni,in libertà vigilata dopo che la sua latitanza conseguente all’inchiesta dei pm di Taranto per disastro ambientale a carico degli allora vertici dell’ ILVA.

CdG Emilio Riva NEW
nella foto, Emilio Riva !

La Corte di Londra già nel febbraio dello scorso anno aveva dato “semaforo verde” all’estradizione del figlio dell’ex proprietario del gruppo siderurgico, in relazione al mandato di arresto europeo nell’ambito dell’inchiesta tarantina, notificato nel gennaio 2013 all’indagato in Inghilterra . Ed anche per questo procedimento si è in attesa della decisione della Corte di Appello  di Londra.

Questa nuova decisione relativa all’indagine per truffa della Westminster Magistrates’ Court di Londra invece, è arrivata, una decina di giorni fa. I difensori  di Riva avevano tentato a sollevare davanti ai giudici inglesi anche i temi di una specie di “persecuzione politico-giudiziaria”, della eccessiva celerità del processo ai suoi danni e delle condizioni disumane delle carceri italiane. La frode imputata a Fabio Riva e altri, sarebbe stata commessa tra il 2007 e il 2013, secondo la ricostruzione effettuata dei pm di Milano Civardi e Clerici che hanno contestato anche l’ “associazione per delinquere“, . Il prossimo 14 maggio, inizierà il processo di secondo grado davanti alla Corte d’Appello di Milano.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Primo processo per Amara a Milano: "Calunniò ex Csm Mancinetti". Rinviato a giudizio con Calafiore e Centofanti
Procuratore capo degli arbitri di calcio italiani arrestato per traffico internazionale di droga
Le accuse alla società della Santanchè: bancarotta e false comunicazioni. Ed un conflitto d'interesse imbarazzante
Blitz nella caserma di Asso, catturato il carabiniere fuori di testa che ha sparato e ucciso il suo comandante
"Comprava microchip per i tank di Putin": il figlio di un governatore russo arrestato a Milano
La Milano by-night schiava di droga e sesso
Archivi
Maxiprocesso clan Casamonica, per la Corte d' Appello di Roma "È mafia"
La lezione di Giorgia Meloni a Roberto Saviano:"Non è al di sopra della legge".
La D.I.A. arresta 27 persone a seguito della sentenza di condanna emessa dalla Corte di Appello di Lecce
Smantellata la rete di spie russe infiltrate in Svezia
Ischia: la memoria smarrita di Giuseppe Conte

Cerca nel sito