MENU
2 Dicembre 2022 00:06
2 Dicembre 2022 00:06

La Finanza sequestra 660mila euro per la cessione dell’ A.S. Taranto Calcio

Il sequestro preventivo è stato eseguito su disposizione del Tribunale di Taranto in merito alla cessione dell'As Taranto Calcio, da Blasi a D'Addario

I finanzieri del Comando Provinciale di Taranto hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo “per equivalente”, disposto dal G.I.P. presso il Tribunale, per un ammontare complessivo di circa 660 mila euro, connesso alle ipotesi di reato di dichiarazione infedele e falsità ideologica nei confronti di due imprenditori tarantini.

CdG accertamenti GdFL’ attività della Guardia di Finanza, costituisce l’ulteriore sviluppo di una verifica fiscale eseguita nel 2012 nei confronti della società “A.S. Taranto Calcio”, all’esito della quale era stato constatato che la società medesima non aveva assoggettato a tassazione I.V.A., per l’anno d’imposta 2010, ricavi derivanti da contratti di sponsorizzazione per complessivi 1 milione di euro, assicurandosi, così, un indebito risparmio di versamento all’erario di 200 mila euro. Tre anni prima l’imprenditore Enzo D’Addario rilevò la società da Luigi Blasi (insieme, nella foto di copertina dell’articolo)

Nel corso dell’attività di servizio era stata altresì rinvenuta documentazione extracontabile dalla quale è stato possibile ricostruire un prezzo di cessione delle quote dell’associazione sportiva, tra i due imprenditori coinvolti, notevolmente superiore rispetto a quello che gli stessi avevano indicato nel formalizzare la compravendita.

Nel particolare, è stato rilevato, e poi riscontrato, che l’imprenditore cedente ha incassato in realtà dall’acquirente  3 milioni e 200 mila euro a fronte di 1 milione e 50 mila euro contabilizzato e dichiarato ai fini del reddito 2009 dallo stesso venditore, che, in questo modo, ha omesso indebitamente di versare la relativa imposta, quantificabile in circa 460 mila euro.

In tale contesto senz’altro utile si è rivelato lo strumento delle indagini finanziarie utilizzato dalle Fiamme Gialle, che ha consentito di svelare tutti i passaggi finanziari utilizzati per occultare i suindicati imponibili in materia di I.V.A. e di Imposte Dirette.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Maxiprocesso clan Casamonica, per la Corte d' Appello di Roma "È mafia"
La D.I.A. arresta 27 persone a seguito della sentenza di condanna emessa dalla Corte di Appello di Lecce
Arrestati agenti penitenziari a Reggio Calabria responsabili di torture a un detenuto
I Carabinieri di Taranto confiscano beni per 230mila euro ad un condannato per associazione di tipo mafioso
Continuano l'offensiva della Polizia di Stato alla criminalità locale in provincia di Taranto
La Procura di Taranto indaga sui concorsi pilotati all' AMIU, l'azienda municipalizzata per l'ambiente.
Archivi
A diciasette giornaliste il premio speciale "Matilde Serao" assegnato da Poste Italiane
Avvocati, accolta la proposta di Cnf e Cassa forense su compensazione debiti
Gli ispettori del ministero chiudono le cooperative della famiglia di Soumahoro
Il caso Ilva. I "furbetti" dell' acciaio: Arcelor Mittal
Previsti 19 milioni di euro nella Legge di Bilancio 2003 per integrazione salariale ai lavoratori ex-Ilva in a.s.

Cerca nel sito