MENU
23 Maggio 2022 09:50
23 Maggio 2022 09:50

Inchiesta Consip: il procuratore di Modena Lucia Musti sentita in procura a Roma

Il procuratore capo di Modena Lucia Musti è stata convocata dai magistrati romani come persona informata sui fatti dell’inchiesta sugli affari della Coop. Cpl Concordia, aperta dalla Procura di Napoli e poi trasmessa per competenza territoriale nella città emiliana. Fra quei documenti c’era anche la conversazione tra l’ex premier Matteo Renzi e il generale della Guardia di Finanza Michele Adinolfi

ROMA – Il procuratore della Repubblica di Modena Lucia Musti è stata ascoltata oggi pomeriggio in Procura a Roma, in veste di “testimone”  dagli inquirenti romani titolari dell’inchiesta su Consip. A determinare l’audizione, davanti al procuratore Giuseppe Pignatone, all’aggiunto Paolo Ielo e al pm Mario Palazzi, la necessità di approfondire il contenuto delle dichiarazioni fatte dalla Musti    lo scorso 17 luglio al Csm in merito alle vicende Consip e Cpl Concordia, con particolare riferimento a colloqui, nel 2015, avuti con il maggiore dei carabinieri Gian Paolo Scafarto, indagato dalla procura di Roma per rivelazione del segreto d’ufficio e falso, ed al colonnello Sergio De Caprio, (che non risulta indagato) noto come “capitano Ultimo” già vice comandante del Noe dei Carabinieri.

Nell’audizione dinnanzi al Csm organo di autogoverno dei magistrati, il procuratore di Modena avrebbe definito i due ufficiali dell’ Arma come “esagitati“, “spregiudicati“, come “presi da un delirio di onnipotenza” ed avrebbe confermato al  quanto già riferito alla prima commissione del Csm lo scorso 17 luglio. “Dottoressa abbiamo una bomba, arriviamo a Renzi“, queste   secondo la Musti  le parole che le avrebbe riferito pronunciato il maggiore del Noe, Gianpaolo Scafarto citando l’inchiesta Consip e il coinvolgimento di Tiziano Renzi, papà dell’ex premier Matteo.

Quando parla di questi comportamenti la Musti si riferisce ad alcuni colloqui avuti con ScafartoDi Caprio  che sarebbero avvenuti nella primavera del 2015: ad aprile di quell’anno, infatti, la procura di Modena aveva appena ricevuto gli atti dell’inchiesta sugli affari della coop Cpl Concordia, aperta dalla Procura di Napoli e poi trasmessa per competenza territoriale nella città emiliana. Fra quei documenti c’era anche la conversazione tra l’ex premier Matteo Renzi e il generale della Guardia di Finanza Michele Adinolfi. La Musti ha spiegato di essersi sentita più volte “sotto pressione” soprattutto sull’inchiesta sulla Cpl Concordia.  Resta da chiedersi cosa significhi per il magistrato essere sotto pressione.

Nel frattempo l’ avv. Francesco Romito, il difensore del Col. Sergio de Caprio ha reso noto lo scorso 16 settembre, che  “chiederò al Csm copia integrale del verbale dell’audizione della pm di Modena Lucia Musti  per intraprendere ogni azione legale prevista dalla legge a tutela del mio assistito“.  Il legale ha anche puntualizzato che De Caprio non si è mai occupato dell’inchiesta Consip, ma solo di quella Cpl-Concordia e che nell’agosto del 2015 al colonnello da vicecomandante del Noe, gli furono revocati i poteri di polizia giudiziaria, con provvedimento del Comando generale dell’Arma.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Operazione Transilvania. Carabinieri ed Europol smantellano organizzazione criminale basata in Romania ma operante in Italia ed all'estero
Per la Procura di Caltanissetta “su Borsellino c’è stato un gigantesco depistaggio”
Così i boss della 'Ndrangheta si sono presi la Capitale: "Siamo pronti a fare la guerra".
Botta e risposta in aula sulle accuse nel processo per stalking a Enrico Varriale
Taranto, 8 autisti dell'Amat a processo per ripetuti abusi sessuali su una 18enne con problemi psichici a bordo dei bus cittadini
Salvini: "Sciopero Anm? Ma andassero a lavorare"
Archivi
Milan campione d'Italia e scudetto numero 19 sul petto.
Guerra Russia-Ucraina. Zelensky: "Dateci armi pesanti e sblocchiamo il Mar Nero". Mosca ritratta sullo scambio di prigionieri
Lo stadio di Barletta intitolato a Pietro Mennea, ennesimo spreco di denaro pubblico e conflitto d'interessi dei soliti "furbetti" di Puglia
L’Opinione del Direttore
Guerra Russia-Ucraina. Zelensky: "Solo la diplomazia può porre fine alla guerra". Mosca chiude il gas alla Finlandia.

Cerca nel sito