MENU
5 Febbraio 2023 01:58
5 Febbraio 2023 01:58

INCENDIO NEL PORTO DI TARANTO UTILIZZATO DA ARCELOR MITTAL. LA CITTA’ AVVOLTA DAL FUMO

Secondo le prime sommarie informazioni raccolte sembrerebbe che la gru stesse scaricando il coke con il tradizionale metodo a benna, metodo che è rigorosamente vietato dalle prescrizioni della revisione dell’Autorizzazione Integrata Ambientale

di REDAZIONE CRONACHE

Una colonna di fumo visibile a chilometri di distanza ha destato grande preoccupazione in città a Taranto per  un incendio al terzo sporgente dell’area portuale gestito da ArcelorMittal dove sarebbe  andata in fiamme per un corto circuito una cabina della gru della ditta Ecologica . Dalle prime informazioni sembra che nessun danno sia stato subìto dall’operatore che è sceso subito.

Sul posto sono confluiti i mezzi dei Vigili del Fuoco di Taranto che hanno domato l’incendio intorno alle ore 14,00. L’intervento è proseguito con getti d’acqua sulle lamiere al fine di raffreddarle. Intervenuta sul posto anche la Polizia di Stato e via mare i mezzi navali della Guardia Costiera che ha provveduto a far allontanare immediatamente la nave dal molo.

Sempre secondo le prime sommarie informazioni raccolte sembrerebbe che la gru stesse scaricando il coke con il tradizionale metodo a benna, metodo questo che però è rigidamente proibito dalle prescrizioni della revisione dell’AIA del 2012, che successivamente sono state modificate con il piano ambientale previsto dal DPCM del 14 marzo del 2014.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

'Ndrangheta, struttura 'locale' a Roma: 67 verso il processo
Il Procuratore di Palermo: "Messina Denaro a tutto pensava tranne che a farsi catturare"
Arrestato in Francia il latitante della ’Ndrangheta Edgardo Greco ricercato da 17 anni
Perquisito l’ufficio anagrafe del Comune ad Alcamo, caccia ai complici di Messina Denaro
Operazione della Procura della Repubblica di Reggio Calabria e della Polizia di Stato
Al via il processo allo scrittore Roberto Saviano, accusato di diffamazione contro Matteo Salvini
Archivi
La lettera del premier Meloni al Corriere della Sera sul caso Cospito
'Ndrangheta, struttura 'locale' a Roma: 67 verso il processo
Il Procuratore di Palermo: "Messina Denaro a tutto pensava tranne che a farsi catturare"
La relazione riservata mandata a Nordio. Cospito: "La sinistra mi tratta come una macchietta"
M5S o il partito di Conte ? Buona la seconda. Addio Movimento ed addio multe sul cambio di casacca

Cerca nel sito