MENU
19 Luglio 2024 19:48
19 Luglio 2024 19:48

In otto rischiano un processo: affittavano case destinate ad incontri a “luci rosse”

Dieci gli appartamenti che erano stati dati in locazione erano stati destinati : in gran parte  all’esercizio della prostituzione.

Sono otto, complessivamente, le persone per le quali  il sostituto procuratore della Repubblica dottoressa Filomena Di Tursi ha chiuso il procedimento chiedendone il rinvio a giudizio, cioè il processo. Gli uomini indagati, agevolavano l’attività di  prostituzione di alcune donne, prevalentemente  sudamericane mettendo a loro disposizione una serie di abitazioni   in affitto disseminate lungo il capoluogo tarantino,  spacciandosi come i proprietari o  proponendo la stipula di  contratti di locazione sotto falsa nome ed identità.

Il pubblico ministero  ha chiesto il rinvio a giudizio per  Nicola Zanframundo, di 43 anni di Massafra,  di Leonardo Tortorella di 41, Luigi Stramaglia di 36, Flavio Cesare Cricellli di 36 tutti e tre tarantini, ed anche per due donne sudamericane. Chiesto il rinvio a giudizio per un cittadino  albanese, accusato di aver agevolato la prostituzione, che peraltro compare pure come vittima nel procedimento,  ma la sua posizione è decisamente la più tranquilla. Infatti, l’albanese avrebbe dato a Zanframundo la procura a vendere di un immobile che lo stesso Zanframundo, secondo l’accusa, avrebbe invece sublocato autonomamente per favorire la prostituzione di una cittadina colombiana.

L’ ottavo imputato Pietro Balestrieri , 41 anni di Taranto , è stato accusato di concorso in varie ipotesi di sostituzione di persona. Secondo la procura e gli investigatori ,  il quarantunenne avrebbe permesso ad un presunto complice di poter utilizzare la propria  carta di identità su cui era stata apposta la foto di un altra persona. Attraverso questa identità fasulla. venivano affittati alcuni appartamenti che venivano utilizzati per l’esercizio della prostituzione. La vicenda, che finirà  all’esame del giudice dell’udienza preliminare del tribunale di Taranto, non è delle più semplici

Nelle indagini svolte dagli uomini della Squadra Mobile della Questura di Taranto nel 2013, infatti, non compaiono soltanto l’organizzazione di  attività di prostituzione in violazione della legge Merlin, che compaiono frequentemente nei diversi capi di imputazione, ma anche degli  episodi di truffa, sostituzione di persona e di falsità in scrittura privata. Gli uomini della Mobile a questo proposito, per approfondire le indagini,  non si sono solo limitati a denunciare le donne che esercitavano la prostituzione ma hanno scavato dietro le quinte dell’organizzazione  per definire il ruolo reale i proprietari degli appartamenti ed accertare se fossero a conoscenza della destinazione degli immobili.

Nel corso delle indagini la “Squadra Mobile ” aveva accertato e verificato che alcuni dei reali proprietari degli appartamenti di fatto ignoravano le attività che si svolgevano realmente all’interno delle loro abitazioni, così come alcuni inquilini delle abitazioni, a loro volta , erano assolutamente ignari della circostanza che le persone che ne proponevano la locazione di fatto non esistevano, presentandosi con false generalità, utilizzando documentazioni “taroccate”. Secondo le conclusioni della procura di Taranto, uno degli indagati (il Tortorella ) avrebbe utilizzato un documento di identità di un tarantino il quale aveva smarrito il proprio documento di riconoscimento. E proprio  Tortorella si sarebbe dato da fare per stipulare un contratto di locazione di un immobile, utilizzando l’identità rubata apponendo la sua foto sul documento utilizzato per il contratto che probabilmente si era procurato da sconosciuti.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

Articoli Correlati

La DIA di Milano arresta 2 imprenditori contigui ad un "clan" di Cosa Nostra. Sequestri per 5 milioni di euro
Giovanni Canio Mazzaro, ex della ministra Santanchè, condannato a due anni e mezzo.
Trovato il covo trapanese di Messina Denaro, fermato un suo fiancheggiatore
Alla ricerca del covo trapanese di Matteo Messina Denaro
Venezia, arrestato l'assessore Renato Boraso. Indagato il sindaco Brugnaro
Arrestati dieci operatori per torture, violenze e maltrattamenti nel centro della Croce Rossa di Roma.
Cerca
Archivi
Ospedale Covid alla Fiera del Levante: 10 indagati per corruzione, falso ideologico e peculato
Francesco Curcio è il nuovo procuratore capo della Procura di Catania
La DIA di Milano arresta 2 imprenditori contigui ad un "clan" di Cosa Nostra. Sequestri per 5 milioni di euro
Lucia Morselli accusata di associazione per delinquere dalla Procura di Taranto
Antitrust avvia istruttoria su società dei gruppi Armani e Dior

Cerca nel sito