MENU
3 Marzo 2024 19:13
3 Marzo 2024 19:13

ILVA l’indotto protesta. 50 tir hanno paralizzato Taranto

Questa mattina nuova manifestazione protesta a Taranto degli autotrasportatori dell’indotto ILVA,  giunti alla loro quarta settimana di mobilitazione, ed alla seconda marcia nel giro di pochi giorni, per richiedere il legittimo pagamento dei propri crediti vantati nei confronti dell’industria siderurgica.

CdG arrivo tir tarantoCinquanta tir, cioè automezzi pesanti provenendo dalla statale 7 Taranto-Bari e dalla statale 106 Taranto-Reggio Calabria, le due principali arterie di accesso a Taranto sono entrati nella città, che è stata letteralmente “invasa” per la prima volta  dagli automezzi pesanti. La carovana di camion si è fermata anche anche davanti al Comune di Taranto per chiedere di nuovo al Sindaco e Prefetto di intercedere e fornire loro garanzie che i loro crediti non finiscano nel fallimento della società. Richieste legittime, ma che purtroppo sembrano di fatto tecnicamente e giuridicamente inapplicabili.

Schermata 2015-02-10 alle 12.50.42Tra i manifestanti vi era anche Vincenzo Cesareo il presidente di Confindustria Taranto insieme ad una una delegazione degli imprenditori dell’indotto, che si trovano nella stessa situazione. Imbarazzante la richiesta di Cesareo al sindaco Stefàno di essere accompagnati venerdì a Roma per manifestare.

Schermata 2015-02-10 alle 12.53.22Se dalla Capitale non arriveranno delle garanzie, i trasportatori minacciano sin d’ora il “blocco” dell’ingresso delle merci in arrivo al siderurgico di Taranto (e quindi il conseguente blocco delle attività)  ed addirittura di trasferire la propria protesta bloccando il grande raccordo anulare di Roma.

Schermata 2015-02-10 alle 12.55.40Il Comitato degli autotrasportatori, infatti, dopo una riunione svoltasi ieri nella sede dell’associazione degli industriali, ha reso noto che sono previste “ulteriori manifestazioni ed azioni anche clamorose che andranno avanti fino all’ottenimento di garanzie e risposte certe“. Allo stato attuale l’ ILVA ha un esposizione debitoria di oltre 15 milioni di euro nei confronti degli autotrasportatori e complessivamente di circa 170 milioni di euro  nei confronti delle aziende dell’indotto che lavorano in appalto.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Gli affari e le speculazioni incrociate fra Albanese, Miccolis e Ladisa sul patrimonio della Gazzetta del Mezzogiorno finiscono in Parlamento.
Poste Italiane: Giuseppe Lasco nominato direttore generale
E' finita l'arroganza di Lucia Morselli ed Arcelor Mittal. La siderurgia è liberata.
Ex Ilva, scontro con Arcelor Mittal. In arrivo i commissari di governo della nuova amministrazione straordinaria
Anche Taranto si rischia di andare al voto. Il sindaco Melucci non ha più una maggioranza
Ex-Ilva. Invitalia fa istanza di amministrazione straordinaria. Arcelor Mittal deposita istanza di concordato con riserva.
Cerca
Archivi
Laudati ex procuratore di Bari indagato dalla procura di Perugia per il caso Crosetto
Gli affari e le speculazioni incrociate fra Albanese, Miccolis e Ladisa sul patrimonio della Gazzetta del Mezzogiorno finiscono in Parlamento.
ESCLUSIVA: l'ordinanza integrale sull'operazione antimafia della DDA di Bari e della Polizia di Stato che hanno svelato gli intrecci con la politica e l'economia
Policlinico Foggia, trovate larve nei piatti di prosciutto crudo termosigillati: sanzione per l’azienda Ladisa di Bari
Incontro Meloni-Biden alla Casa Bianca: sul tavolo la crisi umanitaria a Gaza e la situazione migranti

Cerca nel sito