MENU
3 Dicembre 2022 07:12
3 Dicembre 2022 07:12

Fabio Riva lascia il carcere di Taranto. E’ stato operato d’urgenza a Milano per un tumore

L'industriale brianzolo ha scoperto di essere malato mentre si trovava nel carcere di Taranto dove è rinchiuso dal 5 giugno scorso, dopo due anni e mezzo di latitanza trascorsi a Londra.
nella foto Fabio Riva,
nella foto Fabio Riva,

Fabio Riva , l’ex numero due dell’ ILVA sotto il controllo del gruppo di famiglia, si è ammalato di tumore mentre si trovava in carcere a Taranto. In cella ha avvertito dei primi problemi con una veloce perdita di peso che hanno messo in allerta i suoi legali, i quali in più occasioni ne avevano chiesto la scarcerazione senza però mai ottenere il risultato desiderato. Dopo aver perso 15 chili la situazione è precipitata al punto tale che i magistrati del Tribunale di sorveglianza di Taranto si sono convinti a disporre una perizia super partes che ha verificato ed attestato le precarie condizioni di salute di Riva a cui è stato trovato un calcinoma, e quindi disposto l’immediato trasferimento nei giorni scorsi nel penitenziario di Opera a Milano. Dopo alcuni giorni passati in carcere, è stato trasportato prima presso l’ Ospedale San Paolo, e successivamente trasportato all’ Ospedale Maggiore di Milano dove è stato è stato sottoposto ad una delicata operazione. L’intervento è andato a buon fine, ma adesso dovrà cominciare un lungo ciclo di chemio e radioterapia.

I legali avevano chiesto , proprio per motivi di salute, in più occasioni che Fabio Riva venisse scarcerato. “La situazione è sotto controllo, ma certo è molto provato”, ha dichiarato il suo avvocato tarantino Nicola Marseglia  auspicando che  quando il prossimo 29 marzo si tornerà a discutere la richiesta di scarcerazione dinnanzi al Tribunale del Riesame di Taranto si augura che “vengano prese in considerazione le nostre istanze, anche perchè la cassazione ha in parte smontato l’ordinanza cautelare del Gup“. Infatti secondo la Cassazione era immotivata la rigidità del Tribunale di Taranto, ritenendo che fossero applicabili delle esigenze cautelari in misira minore

Fabio Riva, sessantanni, era il numero due del gruppo di famiglia, subito dopo che suo padre Emilio, scomparso recentemente proprio per un tumore, ne aveva preso il ruolo e la guida del gruppo RIVA,  è  attualmente imputato di associazione per delinquere finalizzata al disastro ambientale, all’avvelenamento delle sostanze alimentari, all’omissione dolosa di cautele sui luoghi di lavoro, corruzione, falso e abuso d’ufficio.  Il 26 novembre del 2012 venne ordinato il suo arresto, ma gli uomini della Guardia di Finanza non lo trovarono nella sua abitazione di Taranto. Riva era scappato.

Schermata 2016-03-04 alle 11.24.11

 Nel periodo di latitanza, come hanno rivelato le indagini svolte della Guardia di Finanza,  Fabio Riva è stato anche in Costa azzurra, durante le vacanze natalizie, nel suo yacht ormeggiato nel porto turistico di  Beaulieu-sur-mer, alle porte di Montecarlo , tanto che gli investigatori italiani non lo arrestarono solo per una sfortunata coincidenza,  che gli consentì di prendere il volo per Londra. Da quel giorno gli investigatori italiani cominciarono una lunga trafila burocratica-giuridica con le autorità inglesi, agevolata anche dalle 100mila sterline di cauzione versate da Riva. E Fabio Riva dopo una lunga latitanza si costituì , pressochè certo di essere rilasciato. Ma così non fu.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Il caso Ilva. I "furbetti" dell' acciaio: Arcelor Mittal
La lezione di Giorgia Meloni a Roberto Saviano:"Non è al di sopra della legge".
L'anticipazione del libro "Il mostro"di Matteo Renzi: "La vera storia del veto di Letta su di me".
Ancora un inchiesta inutile della procura di Bari. Archiviazioni per l' on. Stefanazzi, sua moglie ed i fratelli Ladisa.
Governo Meloni: "Data una risposta immediata sul caro-bollette"
19 arresti per scambio di voti fra politica e mafia a Bari: coinvolto l'ex consigliere regionale Canonico e la consigliera comunale Ferri
Archivi
Lucarelli censore del nulla: "Moglie Soumahoro sceglie Borrè, ex avvocato di Priebke". E si becca una querela !
Per la Corte dei Conti la legge di bilancio 2023 "Manovra di ampia portata. Coperture efficaci ma poco efficienti"
Soumahoro & Lucano: un loro collaboratore indagato dalla Corte dei Conti
Un video di un sommergibile della Marina Militare "smaschera" la Ong Open Arms: gli scafisti erano a bordo ?
Lavoro. L’ occupazione vola al massimo dal 1977

Cerca nel sito