MENU
30 Novembre 2022 00:39
30 Novembre 2022 00:39

E’ stato trasferito a San Giovanni Rotondo il pizzaiolo impiccatosi a Manduria la scorsa settimana

E stato trasferito nella rianimazione dell’ Ospedale di San Giovanni Rotondo in provincia di Foggia,  Mimmo il pizzaiolo di Manduria che era stato ricoverato precedentemente in gravi condizioni  nel reparto di terapia intensiva dell’ Ospedale di Manduria a seguito del suo tentativo  di togliersi la vita impiccandosi nel suo locale il 27 agosto scorso. La decisione è stata adottata dai suoi parenti contro il parere dei sanitari che lo avevano salvato ed avuto in cura sin dal giorno del tentato suicidio e conseguente ricovero.

Un tentativo estremo quello adottato dai familiari  offrire dare una speranza i più all’uomo che dopo l’estremo gesto non ha mai più preso conoscenza. La decisione di trasferirlo nell’ospedale di Casa sollievo della sofferenza è stata adottata dai suoi parenti più vicini e diretti dopo l’ultimo bollettino medico dei medici del reparto manduriano, che evidenziava dei danni cerebrali importanti dovuti alla lunga assenza di ossigeno.

Infatti, quando arrivarono i soccorsi del 118,  il pizzaiolo di 37 anni era stato precedentemente tirato giù da dove si era impiccato da uno zio ma di fatto era già in arresto cardiorespiratorio. Il cuore riprese battere dopo diversi minuti di rianimazione,  ma non avvenne altrettanto per l’attività respiratoria che è sempre sostenuta meccanicamente.  Un’amica del pizzaiolo che era in autoambulanza durante il suo trasporto a S. Giovanni Rotondo, ha dichiarato che  “non si può parlare di danni cerebrali, perchè l’ elettroncefalogramma per il momento  non è piatto ma ha la sua funzione vitale e dico di più anche se per pochi secondi ha respirato da solo“.

Per effettuare il trasferire a San Giovanni Rotondo è stata utilizzata un’ambulanza  messa a disposizione della famiglia, con un medico, il dott.Polito  a bordo.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Maxiprocesso clan Casamonica, per la Corte d' Appello di Roma "È mafia"
La D.I.A. arresta 27 persone a seguito della sentenza di condanna emessa dalla Corte di Appello di Lecce
Arrestati agenti penitenziari a Reggio Calabria responsabili di torture a un detenuto
I Carabinieri di Taranto confiscano beni per 230mila euro ad un condannato per associazione di tipo mafioso
Continuano l'offensiva della Polizia di Stato alla criminalità locale in provincia di Taranto
La Procura di Taranto indaga sui concorsi pilotati all' AMIU, l'azienda municipalizzata per l'ambiente.
Archivi
Maxiprocesso clan Casamonica, per la Corte d' Appello di Roma "È mafia"
La lezione di Giorgia Meloni a Roberto Saviano:"Non è al di sopra della legge".
La D.I.A. arresta 27 persone a seguito della sentenza di condanna emessa dalla Corte di Appello di Lecce
Smantellata la rete di spie russe infiltrate in Svezia
Ischia: la memoria smarrita di Giuseppe Conte

Cerca nel sito