MENU
23 Giugno 2024 23:40
23 Giugno 2024 23:40

Definitiva la condanna dalla Cassazione a 23 anni all’anarchico Cospito per il suo attentato alla ex caserma dei Carabinieri

I giudici della sesta sezione della Suprema Corte hanno rigettato i ricorsi della Procura Generale di Torino e delle difese così come sollecitato dal Pg

E’ definitiva la condanna a 23 anni di detenzione per l’anarchico Alfredo Cospito, e 17 anni e 9 mesi di carcere per la sua compagna, Anna Beniamino. Lo hanno deciso i giudici della Sesta sezione della Corte di Cassazione che hanno rigettato i ricorsi della Procura generale di Torino e delle difese, così come sollecitato dal pg Perla Lori. L’ anarchico Cospito, attualmente detenuto sotto il regime del 41-bis, era accusato dell’attentato alla ex caserma allievi Carabinieri di Fossano del 2006.

ll 5 maggio 2022, Cospito era sottoposto al 41-bis nel carcere di massima sicurezza di Bancali (Sassari) per i “numerosi messaggi che, durante lo stato di detenzione, ha inviato a destinatari all’esterno del sistema carcerario documenti destinati ai propri compagni anarchici, invitati esplicitamente a continuare la lotta contro il dominio, particolarmente con mezzi violenti ritenuti più efficaci“.

La procura generale aveva chiesto la conferma delle condanne a 23 anni per Cospisto e a 17 anni e 9 mesi per la Beniamino. Il pg della Cassazione, Perla Lori, aveva sollecitato il rigetto del ricorso del procuratore generale di Torino, che aveva invece chiesto la pena dell’ergastolo con isolamento diurno per 12 mesi per l’anarchico detenuto al 41bis, e 27 anni e un mese per la Beniamino. Secondo il Pg Perli , “il danno effettivamente realizzato è di particolare tenuità. Appaiono quindi corrette le determinazioni poste nella sentenza impugnata”.

Come forma di protesta il 20 ottobre 2022, l’anarchico aveva iniziato uno sciopero della fame, dimagrendo di 35 chili alla fine dell’anno. Era così partita una mobilitazione, non soltanto di gruppi anarchici, che avevano manifestato in suo sostegno, ma anche di intellettuali e giuristi italiani che avevano chiesto al ministero della Giustizia la revoca della misura, per la “sproporzione tra i fatti commessi e le pene inflitte“. Persino Amnesty International aveva preso posizione sul caso. Gli avvocati di Cospito avevano fatto un ricorso contro il carcere duro, che era stato respinto dalla Cassazione. Così come dal Tribunale di sorveglianza di Roma e dal ministro della giustizia Carlo Nordio.

Dopo il trasferimento nel carcere di Opera, la detenzione è stata interrotta da periodi di ricovero nel reparto detentivo dell’Ospedale San Paolo di Milano, a causa delle precarie condizioni di salute conseguenti allo sciopero della fame. Dopo la decisione della Consulta, Cospito aveva annunciato l’interruzione dello sciopero della fame pur rimanendo in regime di 41 bis. Successivamente è stato nuovamente trasferito nel carcere di Sassari.

L’ anarchico Cospito era stato inizialmente condannato per l’attentato a 20 anni di reclusione per strage, successivamente la Corte Cassazione, su richiesta della Procura, aveva riqualificato il reato come “atto terroristico diretto ad attentare alla sicurezza dello Stato”. Di conseguenza la Corte d’assise d’appello di Torino aveva rimesso gli atti alla Corte Costituzionale affinchè stabilisse la compatibilità o meno tra ergastolo ostativo e un attentato senza vittime. Il 18 aprile 2023 la Consulta ha dichiarato l’incostituzionalità della norma che vincolava la Corte di merito ad emettere una sentenza di ergastolo, ammettendo così la possibilità di applicare le attenuanti per fatti di lieve entità. Il 26 giugno 2023 la Corte d’assise d’Appello di Torino ha di conseguenza rideterminato la pena in 23 anni di reclusione.

“La decisione della Cassazione conferma quanto sostenuto dalle difese, ovvero che la pena dell’ergastolo con un anno di isolamento diurno invocato dalla procura generale rappresentava una richiesta sproporzionata e non sorretta da alcuna valida ragione giuridica. Rimane comunque il rammarico per una condanna estremamente severa», commenta l’avvocato Flavio Rossi Albertini.

Fuori dal “Palazzaccio” in piazza Cavour a Roma, c’è stato un presidio delle sigle anarchiche ad attendere per tutto il giorno la sentenza , i quali hanno esposto alcuni striscioni con le scritte “Fuori Alfredo dal 41 bis” e “Il carcere uccide”, dopo che nella notte alcuni gruppi anarchici hanno dato alle fiamme dei cassonetti e un’auto nella Capitale, rivendicandone l’azione criminale con delle scritte verniciate sui muri.

Secondo quanto hanno ricostruito gli inquirenti, l’attentato del 2 giugno 2006 alla Scuola Allievi Carabinieri di Fossano (Cuneo), rivendicato con la sigla “Rivolta Animale e Tremenda/Federazione Anarchica Informale” (RAT/FAI), era stato pianificato con una tecnica “a trappola” cioè utilizzando due ordigni esplosivi, uno minore come richiamo e il secondo ad alto potenziale, con un timer, erano stati piazzati per provocare il più alto numero possibile di vittime. Solo per caso non c’erano stati morti né feriti.

Cospito era stato accusato molti anni dopo dai fatti, mentre stava già espiando in carcere la pena di 9 anni e 5 mesi per la “gambizzazione” avvenuta nel maggio 2012di Roberto Adinolfi dirigente della Ansaldo Nucleare . In merito ai fatti di Fossano, l’anarchico ha sempre dichiarato che si era trattato di “due attentati dimostrativi in piena notte, in luoghi deserti, che non dovevano e non potevano ferire o uccidere nessuno”.

| © CDG1947MEDIAGROUP – RIPRODUZIONE RISERVATA |

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

Articoli Correlati

Caritas: un italiano su dieci vive in povertà assoluta
Un cardiologo e un magistrato onorario di Taranto stupravano a Benevento le pazienti durante le visite mediche
Lite furibonda Virzì-Ramazzotti al ristorante, la figlia del regista medicata dal 118
Incidenti in piazza San Carlo, nuovo processo per Chiara Appendino (M5S)
Il video del presunto stupro di gruppo nella villa di Beppe Grillo proiettato in aula. "La studentessa non era partecipe del rapporto"
Prostituzione a Bari, a giudizio immediato le “Squad girls” e altre tre persone
Cerca
Archivi
L'impegno delle Fiamme Gialle contro la criminalità per tutelare cittadini ed imprese
La Nazionale femminile di pallavolo vince la Nations League per la seconda volta
Da Bari a Firenze ballottaggio in 101 comuni: oggi urne aperte fino alle 23
Centro schiacciato da Meloni e Schlein, ritrovi idea Paese
Italia maglia nera in Europa per evasione Iva

Cerca nel sito