MENU
2 Ottobre 2022 00:03
2 Ottobre 2022 00:03

Consip. Il Gip dice no all’archiviazione per Tiziano Renzi e Lotti. Il processo a ottobre

La procura aveva chiesto di archiviare le accuse a carico del padre dell’ex premier ed segretario Pd , che adesso deve rispondere di traffico di influenze illecite.  Il giudice ha detto «no» oltre alla posizione di Renzi senior, anche per altri nove indagati, Tra loro l’ex ministro dello Sport Luca Lotti, l’ex parlamentare del Pdl Italo Bocchino ed il generale dei Carabinieri Emanuele Saltalamacchia
Tiziano Renzi

ROMA – Il Gip  Gaspare Sturzo  del Tribunale di Roma ha respinto la richiesta di archiviazione, nell’ambito dell’inchiesta Consip, per Tiziano Renzi, padre dell’ex presidente del consiglio per l’accusa di traffico di influenze illecite. Il giudice Sturzo dopo aver vagliato anche una informativa dei Carabinieri che era allegata a una richiesta del 25 ottobre 2018 sollecitata il 23 gennaio 2019, in cui inquirenti scrivevano che le ricostruzioni del padre dell’ex premier rese in Procura a Roma quando venne interrogato erano “largamente inattendibili“. Anche perché le risposte erano state fornite nella veste di “indagato”, quindi con la facoltà di non dire la verità, con cui la Procura insisteva per la richiesta di archiviazione, ha deciso di fissare la camera di consiglio per il prossimo 14 ottobre.

 Il giudice ha detto «no» oltre alla posizione di Renzi senior, anche per altri nove indagati (per alcuni dei quali la procura ha già chiesto il rinvio a giudizio per altre fattispecie) nei confronti dei quali i pm di piazzale Clodio avevano chiesto di archiviare singoli capi di imputazione. Tra loro l’ex ministro dello Sport Luca Lotti (rivelazione del segreto d’ufficio), il generale dei Carabinieri  Emanuele Saltalamacchia (“rivelazione del segreto d’ufficio“) , l’imprenditore Carlo Russo (prima turbativa d’asta, poi millantato credito). Respinta la richiesta di archiviazione anche per l’imprenditore Alfredo Romeo (“corruzione e turbativa d’asta“) e per l’ex parlamentare del Pdl Italo Bocchino (corruzione e turbativa d’asta), Silvio Gizzi  allora ad di Grandi Stazioni (“turbativa d’asta“), l’ex ad di Consip Domenico Casalino (“turbativa d’asta“) ed il dirigente Francesco Licci (“turbativa d’asta“).

 

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

I deputati M5S esclusi dalle elezioni verranno retribuiti come dirigenti (con i soldi pubblici)
Il Viminale corregge l'assegnazione dei seggi: alla Camera entra il consigliere regionale De Palma
Il Governo Draghi approva i decreti di attuazione della riforma della giustizia civile e penale
Montecitorio accoglie i nuovi deputati dal 10 ottobre
Vincenti & Sconfitti: ecco chi sono
Tutti gli eletti dei "listini" nei collegi plurinominali alla Camera e Senato in Puglia
Archivi
Il "caso Meloni-Jebreal" e la stampa monnezza
I deputati M5S esclusi dalle elezioni verranno retribuiti come dirigenti (con i soldi pubblici)
Confermate le condanne definitive per Buzzi e Carminati che ritornano in carcere 
Licenziata l'ex vice questore "no-green pass" Nunzia Schilirò
L’Opinione del Direttore

Cerca nel sito