Caso Miccoli: la Procura chiede rinvio a giudizio per estorsione aggravata

Caso Miccoli: la Procura chiede rinvio a giudizio per estorsione aggravata

Secondo il sostituto procuratore della repubblica Bonaccorso, il salentino Miccoli avrebbe messo in movimento il meccanismo di una richiesta estorsiva avanzata nei confronti di un imprenditore.

CdG miccoli e mafiosodi Valentina Taranto

Nuovi guai giudiziari per l’ormai ex-calciatore salentino Fabrizio Miccoli. Secondo il pm Bonaccorso della Procura di Palermo, l’ex capitano rosanero avrebbe avviato il meccanismo di una richiesta estorsiva avanzata nei confronti di un imprenditore palermitano la procura siciliana ha chiesto il rinvio a giudizio con l’accusa di “estorsione aggravata dall’agevolazione di Cosa Nostra e dal metodo mafioso“.

L’indagine era stata avviata nel corso delle ricerche di Antonino Lauricella, che nel 2010 era latitante: la Dia, intercettando le telefonate del filgio Mauro Lauricella, si era imbattuta in Miccoli e aveva notato l’estrema confidenza del calciatore con il figlio del mafioso. Al punto cheil calciatore salentino, passando davanti all’albero Falcone a Palermo , aveva definito il  giudice ucciso da Cosa nostra “un fango” e le sue parole erano rimaste impresse nella intercettazione ambientale del colloquio con Lauricella.

 Secondo il pm Maurizio Bonaccorso, che ha dovuto prendere atto della imputazione coatta disposta dal gip Fernando Sestito del Tribunale di Palermo, Miccoli avrebbe messo in movimento il meccanismo di una richiesta estorsiva avanzata nei confronti dell’imprenditore Andrea Graffagnini.

 Miccoli avrebbe sollecitato Mauro Lauricella (sopra nella foto con Miccoli) uno dei figli di Antonino Lauricella “boss” del quartiere palermitano  Kalsa Antonino , ad utilizzare metodi “efficaci” per chiedere del denaro a Graffagnini, indebitato con Giorgio Gasparini un ex fisioterapista del Palermo,

L’ipotesi era già stata vagliata in un processo tenuto contro Lauricella e Gioacchino Alioto, quest’ultimo assolto mentre il giovane figlio del capomafia, Mauro Lauricella è stato condannato a un anno in quanto l’accusa è stata derubricata in violenza privata aggravata. Prendendo atto della decisione del gip Sestito, il pm Bonaccorso non ha potuto fare altro che proporre il processo per Miccoli.

Please follow and like us:
error

Ti piace il Corriere del Giorno ? Fallo sapere !

Open chat
1
Vuoi contattare la nostra redazione ?
Ciao, vuoi contattare la nostra redazione ?