MENU
19 Maggio 2024 05:13
19 Maggio 2024 05:13

Arrestato dai Carabinieri l’autore delle rapine-lampo ai supermercati

Saitta Gianfranco
Saitta Gianfranco

I Carabinieri  del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Martina Franca hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di  Gianfranco Saitta , un pregiudicato 37enne di San Giorgio Jonico con precedenti per rapina, in quanto ritenuto autore di ben 5 rapine commesse ai danni di supermercati insistenti nei Comuni di San Giorgio Jonico, Monteiasi e Fragagnano che  risalgono alla seconda metà del 2012, allorquando alcuni Comuni insistenti nella giurisdizione della Compagnia di Martina Franca e vicini al capoluogo jonico vennero colpite da una serie di rapine a supermercati.

Schermata 2014-10-22 alle 15.35.02l modus operandi era sempre lo stesso: i malviventi qualche giorno prima dell’assalto agli esercizi commerciali rubavano un’autovettura, generalmente una piccola utilitaria, così da essere sicuri di non poter essere rintracciati durante la fuga, qualora qualche cittadino prendesse il numero di targa e poi colpivano, sempre in prossimità degli orari di chiusura, pomeridiani o serali, dei vari supermercati. La rapina era rapidissima e durava il più delle volte non più di 17 secondi. Mentre un complice rimaneva all’esterno del supermercato con il motore acceso e lo sportello aperto, il Saitta, insieme ad un altro complice, entrava all’interno armi in pugno e con incredibile velocità sradicava le casse contenenti il denaro. Dopodiché i tre rapinatori si volatilizzavano con il denaro sottratto, facendo ritrovare qualche ora dopo sia le automobili di volta in volta impiegate per compiere le rapine, che gli indumenti utilizzati.

Schermata 2014-10-22 alle 15.35.12Proprio dagli indumenti sono partite le indagini, da un lavoro certosino e accuratissimo di prelevamento e repertamento dei vari indumenti effettuato da militari della SIS del Comando Provinciale di Taranto, che ha consentito al RIS di Roma di estrapolare il DNA dei tre malviventi e ai carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Martina Franca di comparare tali campioni con il DNA che nel frattempo era stato prelevato dal Saitta.

Il risultato, frutto anche dell’attenta visione delle immagini delle telecamere di videosorveglianza, è stato di una piena compatibilità fra il campione di DNA del Saitta e quello del rapinatore autore delle 5 rapine e pertanto per lui si sono immediatamente aperte le porte della Casa Circondariale di Taranto, ove è stato associato e messo a disposizione del PM Dott.ssa Antonella De Luca.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

Articoli Correlati

Appello "Ambiente Svenduto": stop ai risarcimenti
La Guardia di Finanza sequestra un miliardo di euro. Perquisizioni in tutt' Italia per truffa bonus edilizi. Denunciate 311 società
Baby escort a soli 16 anni. Per Crepet "Quella ragazza è solo una delle tante e noi ci giriamo dall'altra parte"
La "spedizione punitiva" a Iovino: la rissa, i video. Il rapper Fedez è indagato. Ecco cosa è successo a Milano
Sgominato giro di prostituzione minorile in Puglia. Coinvolti anche hotel di lusso e professionisti
Le condizioni del poliziotto accoltellato a Milano sono ancora gravi
Cerca
Archivi
Sondaggio Supermedia gela la sinistra: FdI stacca il Pd, crolla il M5S
Un altro weekend tra sole e pioggia
Chico Forti è in Italia: "Ora voglio abbracciare mia madre". Incontro con Meloni
Appello "Ambiente Svenduto": stop ai risarcimenti
Giornalismo in lutto, è morto Franco Di Mare

Cerca nel sito