MENU
18 Maggio 2022 12:58
18 Maggio 2022 12:58

Arrestato dai Carabinieri l’autore delle rapine-lampo ai supermercati

Saitta Gianfranco
Saitta Gianfranco

I Carabinieri  del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Martina Franca hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di  Gianfranco Saitta , un pregiudicato 37enne di San Giorgio Jonico con precedenti per rapina, in quanto ritenuto autore di ben 5 rapine commesse ai danni di supermercati insistenti nei Comuni di San Giorgio Jonico, Monteiasi e Fragagnano che  risalgono alla seconda metà del 2012, allorquando alcuni Comuni insistenti nella giurisdizione della Compagnia di Martina Franca e vicini al capoluogo jonico vennero colpite da una serie di rapine a supermercati.

Schermata 2014-10-22 alle 15.35.02l modus operandi era sempre lo stesso: i malviventi qualche giorno prima dell’assalto agli esercizi commerciali rubavano un’autovettura, generalmente una piccola utilitaria, così da essere sicuri di non poter essere rintracciati durante la fuga, qualora qualche cittadino prendesse il numero di targa e poi colpivano, sempre in prossimità degli orari di chiusura, pomeridiani o serali, dei vari supermercati. La rapina era rapidissima e durava il più delle volte non più di 17 secondi. Mentre un complice rimaneva all’esterno del supermercato con il motore acceso e lo sportello aperto, il Saitta, insieme ad un altro complice, entrava all’interno armi in pugno e con incredibile velocità sradicava le casse contenenti il denaro. Dopodiché i tre rapinatori si volatilizzavano con il denaro sottratto, facendo ritrovare qualche ora dopo sia le automobili di volta in volta impiegate per compiere le rapine, che gli indumenti utilizzati.

Schermata 2014-10-22 alle 15.35.12Proprio dagli indumenti sono partite le indagini, da un lavoro certosino e accuratissimo di prelevamento e repertamento dei vari indumenti effettuato da militari della SIS del Comando Provinciale di Taranto, che ha consentito al RIS di Roma di estrapolare il DNA dei tre malviventi e ai carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Martina Franca di comparare tali campioni con il DNA che nel frattempo era stato prelevato dal Saitta.

Il risultato, frutto anche dell’attenta visione delle immagini delle telecamere di videosorveglianza, è stato di una piena compatibilità fra il campione di DNA del Saitta e quello del rapinatore autore delle 5 rapine e pertanto per lui si sono immediatamente aperte le porte della Casa Circondariale di Taranto, ove è stato associato e messo a disposizione del PM Dott.ssa Antonella De Luca.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Per la Procura di Caltanissetta “su Borsellino c’è stato un gigantesco depistaggio”
Così i boss della 'Ndrangheta si sono presi la Capitale: "Siamo pronti a fare la guerra".
Botta e risposta in aula sulle accuse nel processo per stalking a Enrico Varriale
Taranto, 8 autisti dell'Amat a processo per ripetuti abusi sessuali su una 18enne con problemi psichici a bordo dei bus cittadini
Corona evade dai domiciari. Moric: "Corona mi è piombato in casa, urlava e cercava soldi"
Fabrizio Corona denunciato da una donna per un video intimo: indagato dalla Procura di Milano per tentata estorsione
Archivi
Guerra Russia-Ucraina, consegnata da Finlandia e Svezia la richiesta di adesione alla Nato. Missili su Dnipro e Odessa. 
Eni: i conti aperti presso Gazprom Bank è stata avviata senza accettazione di modifiche unilaterali dei contratti in essere
L’Opinione del Direttore
Guerra Russia-Ucraina. Missione Azovstal conclusa, evacuati 264 soldati e 53 feriti. Zelensky: "Gli eroi ci servono vivi". Dentro la fabbrica sono rimasti dei combattenti
Guerra Russia-Ucraina. Raggiunto accordo per evacuare feriti dall'acciaieria Azovstal. La Svezia come la Finlandia, subito nella Nato

Cerca nel sito