La Polizia di Stato smantella a Bari il clan Parisi

La Polizia di Stato smantella a Bari il clan Parisi

CdG Savino ParisiLa Polizia di Stato di Bari sta eseguendo dalle prime ore dell’alba sotto una pioggia torrenziale , una vasta operazione antimafia, per l’esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa nei confronti di 23 persone che farebbero parte del clan che fa capo al boss ‘Savinuccio’ Parisi, (anche lui tra i destinatari del provvedimento) ritenute responsabili, a vario titolo, di associazione per delinquere di tipo mafioso, concorso esterno in associazione per delinquere di tipo mafioso, estorsione aggravata dal metodo mafioso, detenzione e porto di arma comune da sparo aggravata dal fine di agevolare un’associazione di tipo mafioso, lesioni personali, violazione di domicilio, invasione di terreni ed edifici, furto e furto in abitazione, illecita concorrenza con minaccia e violenza in concorso ed aggravata dal metodo mafioso, favoreggiamento, minaccia.

Schermata 2016-03-15 alle 11.18.46Le indagini condotte dai poliziotti della Squadra Mobile hanno consentito di documentare l’attività criminale del sodalizio mafioso denominato  “clan Parisi”, operativo a Bari e in alcuni comuni della provincia, che, attraverso il capillare e sistematico controllo  del territorio, gestiva in situazione di monopolio numerose attività illecite. Nell’operazione sono stati impegnati circa 350 poliziotti, unità cinofile ed aeree,  in collaborazione con personale dello S.C.O. Servizio Centrale Operativo e delle Squadra Mobili di Brindisi, Foggia, Lecce, Matera e Taranto, con l’ausilio di equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine e del Gabinetto Interregionale Polizia Scientifica, nonché di Nuclei del IX Reparto Mobile, di unità cinofile ed aeree.

Schermata 2016-03-15 alle 11.14.16

Il boss Savinuccio Parisi era stato arrestato la scorsa settimana dai carabinieri per estorsione. Il provvedimento cautelare nei confronti di Parisi venne emesso dalla al termine del processo di secondo grado nel quale il Parisi era stato condannato a quattro anni e otto mesi di reclusione per essersi fatto consegnare orologi e preziosi per un valore di circa 100mila euro da due imprenditori vessati dagli usurai. Parisi era tornato in libertà nel gennaio scorso perché assolto in secondo grado da un’altra accusa di estorsione ai danni di un imprenditore.

Durante l’operazione della Polizia di Stato sono stati sequestrati 3 immobili, 1 terreno agricolo, 15 autovetture, 13 motoveicoli, 3 imprese individuali, 5 società di capitali per un valore totale di 4.750.000 Euro, nonché, 79 rapporti bancari e finanziari, il cui valore è da quantificare.

image_pdfimage_print
Please follow and like us:
error

Ti piace il Corriere del Giorno ? Fallo sapere !