Ecco le novità del nuovo Codice degli appalti varato dal Governo Renzi

Ecco le novità del nuovo Codice degli appalti varato dal Governo Renzi

di Marco Ginanneschi

Il testo dei 217 articoli del Nuovo Codice degli appalti varato in via definitiva dal Consiglio dei ministri, come  il premier Matteo Renzi, commentando l’approvazione ha sottolineato  costituisce “un altro passo per sbloccare l’Italia“, “una riforma strutturale con regole semplici e meno astruse“, “che chiude le strade alla corruzione“.

Il Codice 2.0, che arriva dopo la legge delega di riforma degli appalti approvata a gennaio è fortemente innovativo e molto più snello del vecchio, si muove sui perni della trasparenza e dei tempi certi ed affida un ruolo fondamentale all’Anac, l’ Autorita’ Nazionale Anti Anticorruzione guidata dal magistrato Raffaele Cantone. Procedure piu’ snelle e veloci, individuazione chiara di responsabilita’, digitalizzazione delle procedure di gara, tutela delle piccole imprese, attenzione al contesto ambientale e sociale e l’introduzione di alcune novità importanti sotto il profilo della cultura legislativa come quella del debàt public sulle grandi opere infrastrutturali, costituiscono i punti fermi del nuovo codice. Sul testo definitivo sono state accolte alcune osservazioni del Consiglio di Stato.

Schermata 2016-04-16 alle 12.34.34

La filosofia che anima il provvedimento è quella della ‘soft law‘, linee di indirizzo generali che sostituiscono la più rigida regolamentazione coma per comma; obiettivo, “una “rivoluzione della normalita‘” come l’ha definita il ministro delle Infrastrutture Graziano del Rio.  Il decreto legislativo è arrivato in extremis a soli tre giorni della scadenza del 18 aprile, termine ultimo per il recepimento delle indicazioni di Bruxelles in materia di appalti e quindi, entro quella data, dovrà essere pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale.

 

 

Successivamente sarà la volta dei decreti attuativi, che sono numerosi. Nel frattempo è prevista una fase transitoria, sollecitata dallo stesso presidente dell’Autorita’ anticorruzione Raffaele Cantone per la stesura delle linee guida che sono il perno del nuovo codice.

In attesa della pubblicazione del testo questi sono alcuni dei punti “qualificanti” del nuovo decreto legislativo.

–  CABINA DI REGIA: e’ l’Organo nazionale di riferimento per la cooperazione con la Commissione europea per quanto riguarda l’applicazione della normativa in materia di appalti pubblici e di concessioni’. Dovra’ essere pronta entro tre mesi dall’entrata in vigore del decreto: composizione e funzionamento saranno stabiliti con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, di concerto con il Infrastrutture e trasporti, e sentite ANAC e la Conferenza unificata. L’Anac, tra gli altri compiti, avrà anche la competenza di certificare il rating delle imprese

–  OFFERTA ECONOMICAMENTE PIU’ VANTAGGIOSA: è una delle novità più importanti del codice e subentra all’odiatissimo ‘massimo ribasso’ per tutte le gare di importo superiore ai 500 mila euro (per le forniture di servizi la soglia è di 210mila): nelle offerte si dovrà quindi sempre coniugare qualità e prezzo.

–  SUBAPPALTI E PICCOLE OPERE: grandi novità in questo senso: la possibilità di subappaltare è limitata al 30% dei lavori ed il subappalto dovrà essere già previsto dal bando di gara; il nuovo testo prevede però anche il pagamento diretto dei subappaltatori che dà un boccata d’ossigeno alle piccole imprese. Nelle gare per lavori tra 40 mila e 150 mila euro dovranno essere consultati almeno cinque operatori e procedura ristretta o aperta, ma con la consultazione di almeno dieci operatori per gli importi tra 150 mila e 1 milione di euro.

– PROGRAMMAZIONE E PROGETTAZIONE : due parole magiche del nuovo Codice, “ritorna centrale il progetto e la qualità degli operatori” ha spiegato il ministro Delrio. “E anche la programmazione delle opere sulla base della loro utilità. Si supera la legge obiettivo in cui tutto era urgente e prioritario e torniamo a una sana e pragmatica concretezza“. Sul fronte della programmazione scompare la legge obiettivo e riferimento diventa il piano generale dei trasporti e della logistica che contiene le linee strategiche triennali. Sul fronte della progettazione sono previsti tre livelli: il nuovo progetto di fattibilità tecnica ed economica, il progetto definitivo ed il progetto esecutivo, che viene posto a base di gara. Inoltre soglia dei 100mila euro per l’obbligo di assegnare gli incarichi con gara e incentivi per i concorsi di progettazione (con una quota di partecipazione riservata ai giovani progettisti e rimborsi spesa obbligatori).

SPONSOR PER CULTURA: “la riforma – ha sottolineato il ministro per i beni culturali Dario Franceschinisemplifica le procedure per le sponsorizzazioni in favore del patrimonio culturale, che avverranno con una procedura trasparente sui siti web“.

–  LAVORI IN HOUSE: all’Anac è affidato il controllo delle soglie che prevedono che nelle concessioni di importo superiore a 150 mila euro, l’80% dei lavori dovrà essere affidato con gara e il 20% potrà andare alle società in house.

–  DEBAT PUBLIC: verrà introdotto per tutte le grandi opere che abbiano un impatto sul territorio . Il codice prevede anche la forma del baratto amministrativo cioè la presa in carico da parte di cittadini di un bene o un’opera in cambio di una gestione o ristrutturazione per l’interesse dalla comunità.

image_pdfimage_print
Please follow and like us:

Ti piace il Corriere del Giorno ? Fallo sapere !