MENU
8 Febbraio 2023 15:02
8 Febbraio 2023 15:02

Taranto, auto contro un muro: morti 3 giovanissimi

La vettura a bordo della quale viaggiavano si è schiantata contro un muro. Sul posto è intervenuto il personale del servizio di soccorso ed emergenza 118, oltre alle forze dell’ordine e ai vigili del fuoco.

Tragedia questa sera sulla strada tra Massafra e Martina Franca, in provincia di Taranto. Tre persone sono morte in un incidente. Sono tutte giovanissime le vittime: un ragazzo Leo Conte, di 20 anni, un altro Leonardo Carucci  di 19 anni e la sua piccola sorellina Antonella Carucci di soli 13 anni. Una quarta persona Giuseppe Convertino di soli 18 anni, (figlio di una consigliera comunale di Massafra)  è ricoverato in gravi condizioni all’ Ospedale “Santissima Annunziata” nel capoluogo jonico. La prognosi resta riservata anche se con il passare delle ore, fortunatamente, il quarto giovane sembrerebbe non essere più in pericolo di vita. 

La vettura a bordo della quale viaggiavano si è schiantata contro un muro. Sul posto è intervenuto il personale del servizio di soccorso ed emergenza 118, oltre alle forze dell’ordine e ai vigili del fuoco. È toccato ai genitori dei fratelli Carucci scoprire la tragedia, pochi minuti dopo lo scontro fatale, mentre rincasavano dalla giornata

La comitiva di ragazzi era andata fuori per il pranzo della domenica, a Martina Franca, in un ristorante per mangiare del sushi. Poi stava rientrando in macchina in direzione di Massafra. Sicuramente l’asfalto viscido del manto stradale avrà contribuito alla perdita di controllo del veicolo. Il tratto stradale è stato bloccato per consentire i soccorsi e i rilievi da parte delle forze dell’ordine, anche per stabilire l’esatta dinamica dell’incidente.

Il sindaco di Massafra Fabrizio Quarto, interpretando il dolore e la profonda commozione dell’intera Comunità suscitata dagli esiti tragici dell’incidente stradale accaduto questa sera e che ha causato la drammatica e prematura scomparsa di tre giovanissimi ed il ferimento di un altro giovane, ha proclamato il lutto cittadino per il giorno in cui si svolgeranno le esequie. “Apprendere questa terrificante notizia – ha dichiarato il sindaco Quartolascia senza parole. È una tragedia immane. Alle famiglie che stanno attraversando questo inferno agghiacciante giunga il cordoglio dell’intera comunità massafrese. Con un lutto cittadino ci stringeremo intorno a loro, pur essendo ben consapevoli che nulla può essere di conforto in queste ore disperate“.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Pubblicava sui social minacce di morte ed insulti al premier Meloni: scoperto e denunciato dalla Polizia di Stato
Dopo il terremoto in Turchia e l'allerta tsunami, Treni fermi un'ora in Sicilia, Calabria e Puglia . Allerta della Polizia di Bari: possibili onde di maremoto
Arresti nella notte a Napoli: blitz al clan Mazzarella, le mani della camorra sulla benzina
Reddito di cittadinanza, maxi-truffa a Roma: 61 denunciati per "false dichiarazioni"
'Ndrangheta, struttura 'locale' a Roma: 67 verso il processo
Arrestato in Francia il latitante della ’Ndrangheta Edgardo Greco ricercato da 17 anni
Archivi
Arrestato Tumbarello, il medico di Messina Denaro. Il gip: “Il medico massone ha firmato 137 ricette per il latitante”
Sanremo 2023, anche il presidente della Repubblica Mattarella stasera sarà in prima fila
Continuano le "furbate" di Arcelor Mittal sull'acciaio italiano. E nessuno dice niente!
Pubblicava sui social minacce di morte ed insulti al premier Meloni: scoperto e denunciato dalla Polizia di Stato
Il "caso Donzelli" divide gli elettori. Sondaggio: due italiani su tre difendono il 41 bis

Cerca nel sito