MENU
18 Maggio 2022 11:00
18 Maggio 2022 11:00

Tar di Bari: le scuole in Puglia restano aperte con didattica a distanza solo su richiesta dei genitori

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano è stato sconfitto ancora una volta dalla sua voglia di protagonismo sull'emergenza Covid ed ignorato dai giudici amministrativi di Bari che hanno ritenuto inutile ascoltarlo. La decisione dei giudici amministrativi: la sezione di Bari aveva già sospeso l'ordinanza di chiusura di Emiliano, mentre quella di Lecce l'aveva confermata

di REDAZIONE CRONACHE

Le scuole pugliesi restano aperte, e qualora le famiglie lo riterranno necessario, potranno chiedere di adottare la didattica a distanza ai propri figli: rimane quindi in vigore l’ordinanza n. 413 del 6 novembre 2020, con cui il presidente della Regione Puglia  Michele Emiliano smentendo se stesso, aveva annullato la sua precedente ordinanza n. 407 del 28 ottobre con cui aveva deciso autonomamente la chiusura delle scuole. I giudici hanno considerato anche inutile procedere all’audizione di Emiliano.

Per questo motivo il Tar Puglia sezione di Bari ha respinto il ricorso del Codacons Lecce e di due gruppi di genitori salentini nei confronti della prima ordinanza del 28 ottobre di Emiliano, smentita dal Dpcm del 3 novembre emanato da Palazzo Chigi, e sorpassata dalla successiva l’ordinanza regionale del 6 novembre che come scrive nella decisione il presidente della Terza sezione del Tar di Bari, Orazio Ciliberti non è stato oggetto di specifica contestazione con motivi di ricorso aggiunti, quindi non è stato messo in discussione”.

La decisione quindi se mandare i propri figli a scuola oppure chiedere di adottare la didattica a distanza rimane in capo, come è giusto e naturale che sia, alle singole famiglie. Emiliano pensasse alla politica.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Per la Procura di Caltanissetta “su Borsellino c’è stato un gigantesco depistaggio”
Così i boss della 'Ndrangheta si sono presi la Capitale: "Siamo pronti a fare la guerra".
Botta e risposta in aula sulle accuse nel processo per stalking a Enrico Varriale
Taranto, 8 autisti dell'Amat a processo per ripetuti abusi sessuali su una 18enne con problemi psichici a bordo dei bus cittadini
Corona evade dai domiciari. Moric: "Corona mi è piombato in casa, urlava e cercava soldi"
Fabrizio Corona denunciato da una donna per un video intimo: indagato dalla Procura di Milano per tentata estorsione
Archivi
Eni: i conti aperti presso Gazprom Bank è stata avviata senza accettazione di modifiche unilaterali dei contratti in essere
L’Opinione del Direttore
Guerra Russia-Ucraina. Missione Azovstal conclusa, evacuati 264 soldati e 53 feriti. Zelensky: "Gli eroi ci servono vivi". Dentro la fabbrica sono rimasti dei combattenti
Guerra Russia-Ucraina. Raggiunto accordo per evacuare feriti dall'acciaieria Azovstal. La Svezia come la Finlandia, subito nella Nato
Il presidente della Federtennis, Binaghi attacca il presidente del Coni Malagò: "Voleva danneggiare gli Internazionali"

Cerca nel sito