Quando le foto del sindaco di Taranto con la pistola (ma senza scorta !) facevano il giro d’ Italia

Quando le foto del sindaco di Taranto con la pistola (ma senza scorta !) facevano il giro d’ Italia

Era il 23 maggio del 2012 quando sulla prima pagina sia del Corriere della Sera che del Giornale una delle fotografie del sindaco di Taranto Ippazio Stefàno che sono circolate molto sui socialnetworks, in quanto mostravano la pistola che il primo cittadino tarantino teneva portava nella cintura durante i festeggiamenti per la sua vittoria ai ballottaggi , che lo riconfermò sindaco del capoluogo jonico.

Schermata 2014-08-31 alle 16.27.29

Vogliamo riproporvi quanto scrisse a suo tempo il bravo e stimato collega Goffredo Buccini  :

(dal Corriere della Sera) Cosa c’entra il vellutato Stefàno con gli stereotipi dello sceriffo giustiziere? «Che domande, vuol farmi ammazzare?», sbuffa lui, dalla poltrona con vista sull’incerto futuro dei tarantini, dove s’è seduto nel 2007 e da cui non s’è più alzato. Ma, scusi, conferma? La foto è vera? «Certo che confermo, ho una vecchia pistola a tamburo, con regolare porto d’armi: no, non so la marca, non sono un guerriero». E qui bisogna capire lo stupore dei suoi concittadini che, per ore, quando un paio di giornali locali hanno fatto uscire l’immagine, continuavano sul web a considerarla taroccata, insomma una truffa della Spectre contro il sindaco della pace. Stefàno è un tipo che negli spot elettorali vi apparirà aggressivo quanto Nonna Papera, un non belligerante che, per dribblare le rogne sui fumi assassini dell’ ILVA, può sostenere coi cronisti di non avere «letto i giornali».

E’ tuttavia anche molto amato perché, da pediatra, ha la lodevole abitudine di battere le periferie curando gratis i bambini delle famiglie meno abbienti. Lo chiamano U’ Dotto’ e lo votano in massa. Eppure… «Eppure mi hanno minacciato, durante la campagna elettorale m’è arrivata una lettera a casa: ritirati, mi dicevano, se no tu e la tua famiglia rischiate. Io ho denunciato tutto alla Digos, ma non voglio la scorta, non voglio che qualcuno si giochi la pelle per me, non uso nemmeno l’auto di servizio. E non mi sono ritirato. Quindi…». Quindi? «Mica posso avere scariche di adrenalina ogni volta che uno mi viene incontro». Ma Vendola lo sa che lei gira armato? «Uffa. Adesso l’ha saputo, dai giornali! Senta, avrei potuto strillare in campagna elettorale, prendevo dieci punti in più. Invece sono stato muto. Non volevo infangare il nome di Taranto, non volevo che si pensasse che i tarantini sono violenti».

In verità non è la prima volta che la pistola fa capolino dalla cintura del buon Ezio. In un’altra foto, meno recente, il sindaco è in marcia con i compagni di lotta e di governo, e la dannata berta gli s’affaccia da sotto la giacchetta conferendogli un’aria da comparsa in Le mani sulla città. Certo, tocca ammetterlo: è anche facile fare gli spiritosi quando non si è costretti a vivere giorno per giorno in una bolgia di duecentomila anime avvelenate dall’inquinamento e dalla disoccupazione e tutte, una per una, decise a darti la colpa di quanto succede. «Sa, ho cominciato trent’anni fa… presi la pistola quando giravo di notte per i quartieri degradati e facevo la campagna contro l’Aids. Poi l’ho tenuta nel cassetto, chiusa lì per un sacco di tempo. L’ho ritirata fuori da sindaco. Lei non lo sa, ma mi hanno fatto di tutto».

Vita agra a Palazzo di Città, eh? «Può dirlo forte. Quattordici aggressioni m’hanno fatto, quattordici. Coi coltelli, a schiaffi, pure la benzina addosso m’hanno tirato. Poi non le dico gli insulti. Lo Stato non consegna le case? E quelli vengono da me. Sprofonda la statale? Sempre da me, vengono. Quindici vigili urbani sono finiti in ospedale, e allora io dicevo: ragazzi, scansatevi, me la vedo io. Tutti sanno dove abito, e mi aspettano sotto il portone, quasi sempre per parlarmi, ma certe volte non solo per parlare. Io sto lì». Con la pistola, però. «Mai tirata fuori». Nemmeno davanti ai ceffoni e ai coltelli? «Nemmeno. Sono molto equilibrato, sa? Mi controllo, faccio le visite. Poi, dovessi tirarla fuori, magari è la volta che mi ammazzano, mica sono sicuro che avrei il coraggio di usarla».

L’uomo è un paradosso vivente. Sobriamente descritto appena pochi anni fa come «il sindaco dei miracoli» da qualche giornale amico, questo medico tarantino dal viso mansueto e dal baffetto morbido si ritrova nella bizzarra posizione di succedere a Giancarlo Cito nella fama di pistolero. Persino l’Africa a volte, gli appare un posticino tranquillo, stretto com’è tra sfrattati, senza lavoro, cassintegrati e attaccabrighe professionali d’una città che cova brace sotto l’apparente rassegnazione. «In Africa ho fatto il volontario per un anno, mai nessuno ha provato ad assalirmi». Qui, invece… «Sono diventato iperteso. Fare il sindaco al Sud è un inferno. Ho perso quattordici chili». Un chilo ad aggressione, di questo passo rischiava di diventare l’Uomo Invisibile. Meglio Tex Willer.

Speriamo che adesso qualcuno non ci accusi di vare copiato… A volte documentarsi meglio, aggiornarsi, riproporre anche fatti del passato consente al lettore di avere idee ed opinioni un pò più chiare. Questo è giornalismo 3.0. Noi non siamo quelli dello “sbatti il mostro in prima pagina” e gli scoop … non ci interessano. Ci interessa solo dare notizie certe ed approfondite.

image_pdfimage_print
Please follow and like us:
error

Ti piace il Corriere del Giorno ? Fallo sapere !