MENU
2 Ottobre 2022 18:00
2 Ottobre 2022 18:00

PARCO DELLA GIUSTIZIA A BARI. SI PARTE CON 4 ANNI DI ANTICIPO SULLA TABELLA DI MARCIA

Presentato il nuovo cronoprogramma per il completamento del primo lotto, composto da Tribunale penale e Procura in base al quale, grazie alla scelta di materiali innovativi, all'incremento della forza lavoro occupata e alla rimodulazione di procedure e interventi edificatori, e' prevista la consegna a dicembre 2024

di REDAZIONE POLITICA

Il primo lotto del nuovo Parco della Giustizia di Bari sara’ consegnato a dicembre 2024. Un annuncio che prevede quattro anni di anticipo e che arriva dal sottosegretario alla Giustizia, Francesco Paolo Sisto, dopo aver partecipato a una riunione, all’Agenzia del Demanio, del gruppo tecnico per il progetto e’ stato infatti presentato il nuovo cronoprogramma per il completamento del primo lotto, composto da Tribunale penale e Procura in base al quale, grazie alla scelta di materiali innovativi, all’incremento della forza lavoro occupata e alla rimodulazione di procedure e interventi edificatori, e’ prevista la consegna a dicembre 2024.

Nella riunione del gruppo tecnico alla presenza del sottosegretario con delega all’edilizia giudiziaria, Francesco Paolo Sisto, hanno partecipato la dottoressa Dal Verme direttrice dell’ufficio del Demanio e dirigenti e tecnici del ministero della Giustizia e dell’Agenzia.

“Ringrazio la dottoressa Dal Verme e i tecnici per il cambio di passo su questa importante opera giudiziaria, l ‘input giunto dal Ministero della Giustizia – dice il sottosegretario Sistoconsentira’ di completare il primo lotto con ben quattro anni di anticipo rispetto a quanto preventivato nella precedente ipotesi della stessa Agenzia del demanio. Come barese e delegato della ministra Cartabia per l’edilizia giudiziaria, non posso che esprimere grande soddisfazione“.

Un incontro di approfondimento e’ previsto la prossima settimana e poi ci sara’ un terzo appuntamento con il sindaco di Bari Antonio Decaro e il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, per concordare le procedure necessarie per dare inizio ai lavori. “Mentre e’ all’attenzione della Presidenza del Consiglio la richiesta di nomina di un commissario per l’opera – aggiunge il sottosegretario -, sono allo studio interventi di semplificazione per velocizzare le procedure amministrative. Sono convinto che solo con un grande lavoro di squadra sara’ possibile raggiungere l’obiettivo, dopo oltre 20 anni di attesa“.

il Sindaco di Bari, Antonio Decaro

“Siamo contenti per il lavoro e della collaborazione del sottosegretario — commenta il sindaco DecaroFin dal primo momento il nostro obiettivo è sempre stato quello di raggiungere l’obiettivo per la città: realizzare il Parco delle giustizia. Ben vengano queste buone notizie che ci confermano quanto abbiamo sempre detto, ossia che ci sembravano troppo lunghi i tempi inizialmente previsti dall’Agenzia del demanio. In queste settimane gli uffici comunali stanno già collaborando con le strutture del Demanio per quanto di nostra competenza“. “È un’ottima notizia, continuiamo a confidare nella nomina del commissario ma prendiamo atto con piacere di questo accorciamento dei tempi, auspicando che l’accelerazione riguarderà la realizzazione di tutta l’opera e non solo del primo lotto” commenta anche il presidente dell’Ordine degli avvocati di Bari, Giovanni Stefanì.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

La relazione del 2° semestre 2021 delle attività della D.I.A depositata alla Camera e Senato
I deputati M5S esclusi dalle elezioni verranno retribuiti come dirigenti (con i soldi pubblici)
Il Senato pronto ad accogliere i nuovi senatori: numero telefonico per gli eletti
Montecitorio accoglie i nuovi deputati dal 10 ottobre
Il Viminale corregge l'assegnazione dei seggi: alla Camera entra il consigliere regionale De Palma
Il Governo Draghi approva i decreti di attuazione della riforma della giustizia civile e penale
Archivi
La relazione del 2° semestre 2021 delle attività della D.I.A depositata alla Camera e Senato
Governo, Follini: "Meloni metta subito carte in tavola e si dia 'agenda'"
Beppe Grillo condannato per diffamazione
Il "caso Meloni-Jebreal" e la stampa monnezza
I deputati M5S esclusi dalle elezioni verranno retribuiti come dirigenti (con i soldi pubblici)

Cerca nel sito