MENU
22 Aprile 2024 14:23
22 Aprile 2024 14:23

Ok riassetto Camere Commercio. Taranto si fonde con Brindisi

Finalmente arrivata a conclusione la fusione fra la Camera di Commercio di Taranto che dovrà unificarsi con quella di Brindisi, grazie al lungo lavoro di lobbying effettuato dal presidente dell'ente camerale tarantino, il cui consiglio camerale aveva deliberato per primo in favore dell’accorpamento con Brindisi

ROMA –  Via libera dei presidenti delle Camere di commercio italiane alla proposta di riorganizzazione del sistema camerale. L’Assemblea ha approvato a larga maggioranza il documento messo a punto da Unioncamere dopo un’ampia consultazione. La proposta, che attua la legge Madia di riforma della Pubblica Amministrazione, contiene il piano degli accorpamenti delle Camere di commercio che da 105 passano a 60.

Il documento verrà inviato al Ministero dello Sviluppo economico che, entro 60 giorni, varerà definitivamente, con proprio decreto, la nuova geografia del sistema camerale. “La proposta, messa a punto da Unioncamere e approvata dall’Assemblea, recepisce i suggerimenti giunti da tutte le Camere al termine di un lungo lavoro di ascolto e di analisi delle diverse realtà territoriali” ha commentato con l’ ANSA Ivan Lo Bello presidente di Unioncamere.  “La razionalizzazione salvaguarda la presenza capillare del sistema camerale in un’ottica di crescita dell’efficienza e dell’efficacia dell’azione delle Camere. Tutto ciò anche per adempiere al meglio ai nuovi compiti e alle nuove funzioni che la riforma ci affida”.

La riforma affida alle Camere di commercio funzioni importanti sui temi centrali della digitalizzazione, del turismo, dell’orientamento e della formazione. Le Camere di Commercio , inoltre, sono state chiamate a far parte del Network nazionale Industria 4.0.

 

Finalmente arrivata a conclusione la fusione fra la Camera di Commercio di Taranto che dovrà unificarsi con quella di Brindisi, grazie al lungo lavoro di lobbying effettuato dal presidente dell’ente camerale tarantino, il cui consiglio camerale aveva deliberato per primo in favore dell’accorpamento con Brindisi, onde poter raggiungere i nuovi requisiti stabiliti dalla legge . Adesso si svolgerà un vero e proprio confronto fra il presidente della CCIAA di Taranto  Luigi Sportelli (emanazione Confindustria) ed il presidente della CCIAA Brindisi Alfredo Malcarne (emanazione Confcommercio) sulla guida del nuovo ente camerale, ma sopratutto sulla gestione del personale e delle aziende speciali che, per legge, dovranno accorparsi. E molte poltrone e compensi (a volte sprecati) svaniranno come per incanto.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

Articoli Correlati

Chiuse le indagini sulla Popolare di Bari per una truffa da 8 milioni ai correntisti. 88 indagati
Amazon e Ferrovie dello Stato insieme per il trasporto merci dalla Germania e dall' Italia
Italia senza sportelli bancari: rimasti scoperti 717 Comuni
Class action contro Google, saranno cancellati i dati di milioni di utenti
Allarme Bosch a Bari: 1600 operai a rischio
Stanziato un miliardo di euro per decarbonizzare lo stabilimento siderurgico ex Ilva di Taranto
Cerca
Archivi
Mozione di sfiducia alla Regione nei confronti di Emiliano dal centrodestra pugliese
George Soros ha finanziato con oltre 1 milione di euro anche "Più Europa"
Anni di antipolitica e questione morale ancora attuale
Dietro le quinte della vicenda che vede coinvolto l' assessore regionale Lopane in Puglia: il nulla !
I Servizi Segreti italiani selezionano nuovi agenti

Cerca nel sito