Michele Emiliano diventa ‘Cetto La Qualunque’

Michele Emiliano diventa ‘Cetto La Qualunque’

Emiliano protagonista di… “Emilianamente’.nel cartellone portato a Bari questa mattina dalla presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, per sostenere la candidatura di Raffaele Fitto a presidente della Regione Puglia .

di REDAZIONE POLITICA

A meno di 72 ore dal voto per le elezioni regionali in Puglia di domenica e lunedì prossimi, nel corso di un appuntamento elettorale a Bari, per sostenere la candidatura unitari del centrodestra a sostegno di Raffaele Fitto nella corsa per conquistare la guida della Regione Puglia Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia, ha attaccato la campagna elettorale di Michele Emiliano il governatore uscente e candidato del centrosinistra che insegue la fuga in avanti di Raffaele Fitto con qualche punto di vantaggio .

“E stomachevole ed intollerabile quello che abbiamo visto nell’ultimo mese, figlio di una politica che pensa di possedere le istituzioni e che la clientela possa essere l’unica soluzione possibile” ha detto la Meloni.

La leader di Fdi ha criticato con forza le attività di propaganda ( o meglio, di voto di scambio) di Emiliano nelle ultime settimane di campagna elettorale verso il voto: “L’8 agosto abbiamo avuto il bando per 1129 assunzioni all’Arpal, – ha detto la Meloniil  27 agosto sono state annunciate assunzioni per centinaia di infermieri. Il 7 settembre era stato fissato il concorso per altri 557 infermieri ma poi è stato rinviato per evitare problemi legati ai contagi Covid ” ricordando che “il 14 settembre vi è stata la stabilizzazione di 200 precari cup con un evento a Taranto assieme alle famiglie e ai candidati. Le persone hanno firmato i contratti davanti ad Emiliano, sottolineando con sarcasmo “come se andassero a baciare un anello al dito“. 

“In tutto questo abbiamo un signore come Pierluigi Lopalco – ha attaccato ancora la leader di Fratelli d’ Italia già a capo della task force epidemiologica covid – pagato 120mila euro l’anno dai pugliesi e ora candidato capolista che va in giro a fare i comizi. Voglio ricordare che ai malati oncologici sono arrivati biglietti elettorali con allegato un invito per partecipare a un convegno su tumori e covid. Su questo abbiamo depositato una interrogazione parlamentare e io scriverò direttamente al Garante della privacy. Tutto questo è vergognoso ed intollerabile in una Puglia costretta sotto scacco da una classe politica che non avendo idee sulla crescita ha come unica soluzione la clientela” concludendo “Abbiamo combattuto a mani nude contro un esercito potentissimo“.

Marcello Gemmato, Giorgia Meloni e Raffaele Fitto

Al termine della conferenza stampa, sono state posizionati due manichini con Emiliano, svelati da Giorgia Meloni, Raffaele Fitto e Marcello Gemmato coordinatore regionale pugliese di Fratelli d’ Italia, che raffiguravano in primo piano di “Cetto La Qualunque” il personaggio politico interpretato in un film del 2011 sulla “malapolitica” dall’attore Antonio Albanese, ma la sua faccia è stata trasformata con i lineamenti di Michele Emiliano.

Il tormentone del film ‘Qualunquemente’, è diventato ‘Emilianamente’ con di promessa di “1000 assunzioni, anzi…2000!”. Un’iniziativa “per aiutare Emiliano a chiudere la campagna elettorale” ha commentato sarcasticamente la Meloni, fra le risate ed i flash di tutti i presenti alla conferenza stampa.

Raffaele Fitto, dopo aver ringraziato Giorgia Meloni e gli altri leader di partiti della coalizione di centrodestra per il sostegno ricevuto fin dall’inizio della campagna, ha evidenziato ancora una volta le sue differenze rispetto a Emiliano: “Rispetto al solito abbiamo invertito la tendenza che vuole normalmente la presentazione del programma all’inizio. Lo abbiamo svelato alcuni giorni fa ed è stato frutto di incontri e ascolto con i pugliesi. Nei prossimi 5 anni la Regione Puglia dovrà essere moderna ed efficiente per dialogare con le altre realtà europee e sopratutto favorire lo sviluppo e il lavoro per i giovani“.

Raffaele Fitto, candidato presidente della Regione Puglia

Fitto si è soffermato nuovamente sulla questione del Piano ospedaliero che nel 2005 lo vide sotto attacco quando era governatore: “Non esiste nessun ospedale che io abbia chiuso con il mio piano. La gente deve conoscere la verità. Lo dicono le nostre tre delibere. Poi c’è una vulgata demagogica che punta a dire una cosa esatta”.

In conclusione una battuta sulla chiusura dei comizi e sul comizio drive-in di Emiliano nel parcheggio dello stadio San Nicola: “Io faccio la mia campagna elettorale pugliese e sarò nei comuni a stringere le mani dei cittadini. Le americanate le lasciamo agli altri”. “

image_pdfimage_print
Please follow and like us:
error

Ti piace il Corriere del Giorno ? Fallo sapere !

Open chat
1
Vuoi contattare la nostra redazione ?
Ciao, vuoi contattare la nostra redazione ?