MENU
18 Luglio 2024 10:04
18 Luglio 2024 10:04

La Guardia di Finanza scopre lavoratori in “nero” fra i quali diversi beneficiari del reddito di cittadinanza

Nei confronti della società, oltre alla segnalazione volta alla sospensione del beneficio del “reddito di cittadinanza”, i finanzieri della Compagnia di Andria avviata la procedura per l’irrogazione della “maxisanzione”, aggravata per l’assunzione irregolare di manodopera percettrice di “reddito di cittadinanza”.

di Francesca Lauri

Finanzieri della Compagnia di Andria, all’esito di una attività di servizio in materia di “sommerso da lavoro”, hanno individuato, presso una società con sede in Andria, la presenza di 12 lavoratori “in nero” 6 dei quali sono risultati beneficiare del “reddito di cittadinanza”motivo per cui sono in corso le verifiche sulla legittima percezione, ai fini di una eventuale revoca a cura delle Autorità competenti.

Nei confronti della società, oltre alla segnalazione volta alla sospensione dell’attività, è stata avviata la procedura per l’irrogazione della maxisanzione, aggravata per l’assunzione irregolare di manodopera percettrice di “reddito di cittadinanza”.

L’attività di servizio conferma la continua azione svolta dalle Fiamme Gialle nella lotta all’illegalità e all’abusivismo nel sistema economico-finanziario, a tutela dei cittadini e dei soggetti economici che operano nella osservanza della legge e le cui prospettive di sviluppo sul mercato sono danneggiate da chi, invece, assume comportamenti concorrenziali al di fuori della legalità.

Tali attività, secondo le indicazioni dell’Organo di vertice, vengono ora, ancor di più, incentivate anche in riferimento al disagio, non solo economico, ma anche sociale, che il Paese sta attraversando a causa del rischio epidemiologico dovuto al COVID19 e, quindi, volta a garantire l’effettivo sostegno alle fasce più deboli della popolazione ed evitare il dispendio di importanti risorse finanziarie.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

Articoli Correlati

La DIA di Milano arresta 2 imprenditori contigui ad un "clan" di Cosa Nostra. Sequestri per 5 milioni di euro
Giovanni Canio Mazzaro, ex della ministra Santanchè, condannato a due anni e mezzo.
Alla ricerca del covo trapanese di Matteo Messina Denaro
Venezia, arrestato l'assessore Renato Boraso. Indagato il sindaco Brugnaro
Arrestati dieci operatori per torture, violenze e maltrattamenti nel centro della Croce Rossa di Roma.
Riaperte le indagini dopo 25 anni sul caso Pantani
Cerca
Archivi
La DIA di Milano arresta 2 imprenditori contigui ad un "clan" di Cosa Nostra. Sequestri per 5 milioni di euro
Lucia Morselli accusata di associazione per delinquere dalla Procura di Taranto
Antitrust avvia istruttoria su società dei gruppi Armani e Dior
Giovanni Canio Mazzaro, ex della ministra Santanchè, condannato a due anni e mezzo.
Alla ricerca del covo trapanese di Matteo Messina Denaro

Cerca nel sito