MENU
5 Febbraio 2023 02:29
5 Febbraio 2023 02:29

La Guardia di Finanza scopre lavoratori in “nero” fra i quali diversi beneficiari del reddito di cittadinanza

Nei confronti della società, oltre alla segnalazione volta alla sospensione del beneficio del “reddito di cittadinanza”, i finanzieri della Compagnia di Andria avviata la procedura per l’irrogazione della “maxisanzione”, aggravata per l’assunzione irregolare di manodopera percettrice di “reddito di cittadinanza”.

di Francesca Lauri

Finanzieri della Compagnia di Andria, all’esito di una attività di servizio in materia di “sommerso da lavoro”, hanno individuato, presso una società con sede in Andria, la presenza di 12 lavoratori “in nero” 6 dei quali sono risultati beneficiare del “reddito di cittadinanza”motivo per cui sono in corso le verifiche sulla legittima percezione, ai fini di una eventuale revoca a cura delle Autorità competenti.

Nei confronti della società, oltre alla segnalazione volta alla sospensione dell’attività, è stata avviata la procedura per l’irrogazione della maxisanzione, aggravata per l’assunzione irregolare di manodopera percettrice di “reddito di cittadinanza”.

L’attività di servizio conferma la continua azione svolta dalle Fiamme Gialle nella lotta all’illegalità e all’abusivismo nel sistema economico-finanziario, a tutela dei cittadini e dei soggetti economici che operano nella osservanza della legge e le cui prospettive di sviluppo sul mercato sono danneggiate da chi, invece, assume comportamenti concorrenziali al di fuori della legalità.

Tali attività, secondo le indicazioni dell’Organo di vertice, vengono ora, ancor di più, incentivate anche in riferimento al disagio, non solo economico, ma anche sociale, che il Paese sta attraversando a causa del rischio epidemiologico dovuto al COVID19 e, quindi, volta a garantire l’effettivo sostegno alle fasce più deboli della popolazione ed evitare il dispendio di importanti risorse finanziarie.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

'Ndrangheta, struttura 'locale' a Roma: 67 verso il processo
Arrestato in Francia il latitante della ’Ndrangheta Edgardo Greco ricercato da 17 anni
Perquisito l’ufficio anagrafe del Comune ad Alcamo, caccia ai complici di Messina Denaro
Operazione della Procura della Repubblica di Reggio Calabria e della Polizia di Stato
Al via il processo allo scrittore Roberto Saviano, accusato di diffamazione contro Matteo Salvini
L'ex magistrato Nardi ed i suoi presunti complici a processo dinnanzi al Tribunale di Potenza
Archivi
La lettera del premier Meloni al Corriere della Sera sul caso Cospito
'Ndrangheta, struttura 'locale' a Roma: 67 verso il processo
Il Procuratore di Palermo: "Messina Denaro a tutto pensava tranne che a farsi catturare"
La relazione riservata mandata a Nordio. Cospito: "La sinistra mi tratta come una macchietta"
M5S o il partito di Conte ? Buona la seconda. Addio Movimento ed addio multe sul cambio di casacca

Cerca nel sito