MENU
26 Giugno 2022 14:02
26 Giugno 2022 14:02

LA BANCA POPOLARE DI BARI CHIUDE LA PORTA ALLE ASSOCIAZIONI CONSUMATORI ED ALLE TRANSAZIONI CON I SOCI

Le Associazioni dei consumatori pugliesi, con grande amarezza e delusione, oltre ad aumentare di molto il carico giudiziale nei confronti della Banca Popolare di Bari, fino a quando la governance della banca non formulerà proposte serie e rispettose degli azionisti, i quali, secondo il parere unanime di Consob, Banca d’Italia e Procura Penale, sono stati vittime di condotte gravemente scorrette

di REDAZIONE ECONOMIA

Con una nota stampa congiunta le associazioni Adiconsum, Adusbef, Assoconsum, Assoutenti Polidream, Confconsumatori, Federconsumatori, Lega Consumatori, Unione Nazionale Consumatori, hanno reso noto che la Banca Popolare di Bari ha comunicato alle associazioni dei consumatori pugliesi facenti parte del CNCU (organismo presso il Ministero dello Sviluppo Economico) , il rigetto del progetto di transazione (tavolo e regolamento) proposto dalle associazioni medesime, limitandosi ad offrire una soluzione, chiamata tavolo di solidarietà, di fatto non in grado di assolvere neanche a tale scopo. Infatti, la proposta della BPB prevede un plafond di soli 4 milioni euro, solo per coloro che si trovino in gravi difficoltà, e comunque solo nella misura massima del 25% di quanto investito (2,38 euro ad azione).

Appare evidente che con tale “solidarietà“, da un lato rimarrebbero fuori tutti coloro che non sono disoccupati, gravemente malati e con ISEE molto basso e, dall’altro, proprio per coloro che sono definiti i casi “più gravi”, la banca offre solo un indennizzo al massimo del 25% dell’importo investito. La banca in tal modo cerca di transigere al 25% solo e proprio quelle posizioni che dinanzi a un Tribunale sarebbero davvero indifendibili, come già portato alla ribalta dai media.

Stupisce, dunque, come la Banca abbia rifiutato un tavolo di conciliazione, peraltro elaborato sulla base di un modello conciliativo già usato in passato in altre vicende bancarie, e come non sia lasciata ai risparmiatori altra strada che il contenzioso, con ulteriore aggravamento della vicenda e della possibilità di rilancio della banca stessa che, per legge, dovrà anche porre a riserva decine di milioni di euro per il contenzioso presente e futuro. Parimenti la banca ha rifiutato anche tutte le proposte economiche finalizzate al rilancio del credito e della liquidabilità dei titoli, pure formulate dalle Associazioni.

Rifiutare un percorso conciliativo paritetico, proprio quando il Governo lo incentiva nel futuro modello di ridefinizione del processo civile, appare non solo non in linea con lo sviluppo del Paese, ma in palese contrasto con lo stesso sviluppo e rilancio della banca e del nuovo management che ora si pone in palese contrasto ed opposizione con i suoi clienti risparmiatori…non certo la migliore strada per una ripresa e resilienza!

Di fronte ad una chiusura cosi totale ed inattesa, le Associazioni dei consumatori pugliesi, con grande amarezza e delusione, oltre ad aumentare di molto il carico giudiziale nei confronti della Banca Popolare di Bari, organizzeranno altre forme di protesta e di sensibilizzazione delle Istituzioni, coinvolgendo azionisti e clienti della banca, utilizzando tutte le sedi territoriali e tutti i canali disponibili in questo periodo, attraverso un capillare lavoro che si svolgerà per l’intero mese di giugno e si protrarrà ad oltranza fino a quando la governance della banca non formulerà proposte serie e rispettose degli azionisti, i quali, secondo il parere unanime di Consob, Banca d’Italia e Procura Penale, sono stati vittime di condotte gravemente scorrette della BPB.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

I ministri della Lega non indirizzano abbastanza risorse del Pnrr al sud. Ma chiedono i voti...
Bernabè spiega i tempi per il rilancio dello stabilimento siderurgico di Taranto
Reddito di Cittadinanza, tempo di valutazioni
Ance: Federica Brancaccio è la nuova presidente
No al dissequestro degli impianti dell'area a caldo dello stabilimento ex-Ilva. Per la Corte d'assise di Taranto:"Salute ancora in pericolo"
Il governo Draghi ha trovato la soluzione per le concessioni balneari
Archivi
Ballottaggi in 65 Comuni, aperti i seggi: si vota fino alle 23, subito dopo al via lo spoglio
I ministri della Lega non indirizzano abbastanza risorse del Pnrr al sud. Ma chiedono i voti...
Paltrinieri compie un capolavoro mondiale e conquista la medaglia oro nei 1500 sl. Pilato medaglia argento nei 50 rana
E' iniziato il "de profundis" del Movimento 5 Stelle, ecco quanto valgono dopo la scissione
A Taranto nominata la nuova giunta Melucci. Il manuale Cencelli vive ancora ! Ecco quanto guadagneranno nei rispettivi ruoli

Cerca nel sito