MENU
22 Maggio 2022 10:31
22 Maggio 2022 10:31

IL NUOVO TARANTO PRESENTATO AI TIFOSI ALLO STADIO “IACOVONE”

Il Taranto si è presentato ai suoi tifosi allo stadio Iacovone disputando un’amichevole contro il Cosenza, approdato nella nuova serie C1 che partirà quest’anno nella  vecchia formula a tre gironi.

Circa tremila tifosi hanno accolto e sostenuto la squadra del Taranto che ieri sera è stata presentata singolarmente al pubblico prima della partita  dallo speaker annunciando il nome di ciascun calciatore. La speranza ed attesa dei tifosi di vedere in campo anche Balistreri  si è vanificata nel nulla in quanto il giocatore non ha ancora trovato un accordo economico con i nuovi vertici societari.  L’ unica novità in campo, forse la più gradevole, in occasione del debutto casalingo in amichevole contro il Cosenza,  è stata  la nuova divisa indossata dai giocatori rossoblù. Il nuovo allenatore Favo ha mandato in campo una formazione composta dai migliori calciatori del momento a sua disposizione, senza alcun obbligo regolamentare di dover schierare gli under. La novità inattesa è stata la presenza fra i pali dal primo minuto  di Maraglino invece di  Mirarco. 

La difesa con il nuovo modulo di gioco a quattro,  schierava Colantoni, Marino,Prosperi e Pambianchi; gli interni sono CiarciàConti;   sono i tre centrocampisti che appoggiano i movimenti dell’unica punta (che e’ Genchi) , sono Mignogna, Gabrielloni e Carbone . Un modulo misto che dal 4-2-3-1 con possesso di palla diventa  4-4-1-1 in fase di recupero. La squadra avversaria, il  Cosenza, nonostante avesse circa due settimane in più di allenamento rispetto al Taranto,  si è messa in mostra per un possesso di palla e fraseggio più fluido ed efficace , veloci ed efficaci negli scambi con in solo tocco di palla, ma in definitiva poco concreti nelle conclusioni in attacco .  Il supporto dei tifosi sugli spalti e’ già da campionato.

Nel primo tempo  il Taranto ha sfiorato il gol con un’azione personale di Mignogna già pimpante,   e con la girata in porta di Conti che il portiere calabrese  Ravaglia ha respinto  in angolo con un intervento plastico. Nella ripresa Favo il neo-allenatore del Taranto   ha confermato in campo lo stesso undici  ancora più grintoso del primo tempo.  Neii primi venti minuti della riprese, infatti è stata la squadra di casa ad avere maggiore possesso palla sfiorando il gol. . E’ un discreto Taranto quello visto ieri sera che ha giocato con impegno come se fosse già campionato. La condizione atletica, il continuo pressing sul gioco degli  avversari ed alcuni scambi hanno entusiasmato i tifosi.  Genchi in attacco fa già reparto da solo e fa gridare al gol con un tiro da due passi , e sulla cortra respinta del portiere, riceve la palla ancora sui suoi piedi ma stavolta e’ il palo a negargli il gol.

Questa prima uscita, nonostante si sia conclusa a reti inviolate, al cospetto del Cosenza squadra di serie superiore, ha ricevuto un primo consenso  dei tifosi . Possiamo dire che il Taranto e’ ancora in costruzione, sopratutto per la questione ripescaggio in Lega Pro, che dovrebbe sciogliersi domani.  Esprimere dei pareri solo dopo questa amichevole,  sarebbe in giusto, ma il lavoro della nuova compagine societaria nata sulle ceneri dei debiti della presidenza (uscente) di Nardoni sembra raccogliere dei consensi generali. A fine settimana, la squadra dovrebbe essere ulteriormente potenziata con dei nuovi acquisti ed innesti in rosa .

Il presidente Campitiello  che era allo stadio accompagnato dal suo predecessore Nardoni (alla ricerca continua di visibilità) ha spiegato  che l’accordo con Balistreri e’ saltato in maniera definitiva per delle discordanze sulle spettanze arretrate, vantate con la gestione precedente che avrebbe accumulato e lasciato sulle spalle della nuova gestione un passivo di circa 600mila euro di debiti (siamo in attesa di ricevere l’ultimo bilancio dalla società ),  arretrati sui quali il giocatore palermitano non ha accettato alcuna riduzione. E secondo noi legittimamente, in quanto gli impegni contrattuali ed economici vanno sempre rispettati.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Lo stadio di Barletta intitolato a Pietro Mennea, ennesimo spreco di denaro pubblico e conflitto d'interessi dei soliti "furbetti" di Puglia
Il presidente della Federtennis, Binaghi attacca il presidente del Coni Malagò: "Voleva danneggiare gli Internazionali"
F1, Gp Miami: vince Verstappen, le due Ferrari sul podio
Il Lecce torna in serie A. Ha vinto il progetto della società sostenuto dalla città e dai tifosi
Figc, respinto il ricorso di De Laurentiis sulla multiproprietà calcistica (Napoli e Bari )
Mino Raiola non ce l'ha fatta: l'annuncio della sua famiglia via Twitter
Archivi
Lo stadio di Barletta intitolato a Pietro Mennea, ennesimo spreco di denaro pubblico e conflitto d'interessi dei soliti "furbetti" di Puglia
Guerra Russia-Ucraina. Zelensky: "Solo la diplomazia può porre fine alla guerra". Mosca chiude il gas alla Finlandia.
Operazione Transilvania. Carabinieri ed Europol smantellano organizzazione criminale basata in Romania ma operante in Italia ed all'estero
Perquisiti i due broker coinvolti nella tentata mediazione di D'Alema per le armi alla Colombia.
Guerra Russia-Ucraina. Zelensky: "Missili su Desna, molti morti. C'è l'inferno nel Donbass", Contatti tra Washington e Mosca

Cerca nel sito