MENU
30 Gennaio 2023 14:59
30 Gennaio 2023 14:59

Il commiato del Questore Mangini al Comando Provinciale dei Carabinieri.

Nella  mattinata odierna, il Questore di Taranto, Dott. Enzo Mangini  ,ha fatto visita al Comando Provinciale dei Carabinieri per un saluto di commiato prima di assumere il nuovo prestigioso incarico di Questore di Verona.

Mangini è stato accolto dal Comandante Provinciale, Col. Daniele Sirimarco, ha incontrato gli Ufficiali Comandanti delle Compagnie territoriali, una rappresentanza di Comandanti di Stazione, di militari della sede, e di delegati del COBAR l’ organismo di rappresentanza militare, ai quali ha espresso il proprio apprezzamento per l’incondizionata collaborazione ricevuta durante il suo mandato e per l’attività sinergica posta in essere con la Questura, sottolineando l’ottimo rapporto interistituzionale ed umano che si è venuto a creare.

Schermata 2015-08-28 alle 16.04.42

Il Dott. Mangini ha elogiato e ringraziato l’ Arma dei Carabinieri per l’impegno profuso nello svolgimento dell’attività di controllo del territorio, di contrasto ad ogni forma di criminalità diffusa ed organizzata e, più in generale, di tutela dell’Ordine e della Sicurezza Pubblica.

Nell’occasione, ha salutato anche una rappresentanza dell’Associazione Nazionale Carabinieri ringraziandoli per la loro proficua vicinanza alle Istituzioni in genere. Il Comandante Provinciale Sirimarco, anch’egli prossimo a lasciare la città, nel rimarcare il proficuo rapporto di collaborazione tra l’ Arma dei Carabinieri e la Polizia di Stato, ha ringraziato il Questore per la sensibilità mostratagli e per il rapporto cordiale, basato sull’attenzione e il rispetto reciproco, sempre intercorso fra le due forze di Polizia durante il suo mandato.

Il Questore Mangini – ha sottolineato il Col. Sirimarco – ha sempre dato piena attuazione al principio della reciprocità informativa, che ha consentito di svolgere le attività istituzionali in piena armonia, in un clima leale e collaborativo, pienamente condiviso da tutti gli appartenenti all’Arma e alla Polizia di Stato. E’ stato un rapporto fondato essenzialmente sullo spirito di servizio, ad esclusivo vantaggio delle comunità della Provincia.”

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Elezioni Ordine avvocati a Taranto: "tutto in famiglia". Un'elezione falsata (?) dai diversi conflitti di interesse della commissione
Berlusconi dovrà risarcire con 50 mila euro il pm Robledo per averlo diffamato durante il processo Mills. Respinto il ricorso in Cassazione
Beppe Grillo condannato per diffamazione su un ex parlamentare pugliese del Pd
Dietro le quinte delle elezioni dell' Ordine degli Avvocati di Taranto. Qualcuno chiede "trasparenza" ma non risponde su una vecchia storia...
La strategia del silenzio dei complici di Matteo Messina Denaro
'Ndrangheta, blitz della Polizia contro le cosche del Vibonese: 56 arrestati
Archivi
Caccia alle amanti di Messina Denaro a Campobello. E la gente inizia a parlare...
Regione Basilicata al primo posto in Italia per numero dei progetti Pnrrr in rapporto ai Comuni
"Dissenso non fastidio, ma arma in più"
Elezioni Ordine avvocati a Taranto: "tutto in famiglia". Un'elezione falsata (?) dai diversi conflitti di interesse della commissione
Imputati assolti, raddoppiato il fondo rimborso spese legali

Cerca nel sito