Guglielmo Minervini non c’è più. Disse: ‘Ho il cancro ma non mollo’

Guglielmo Minervini non c’è più. Disse: ‘Ho il cancro ma non mollo’

Minervini ha iniziato a fare politica quando era ancora molto giovane, impegnandosi nel mondo del volontariato, e ispirandosi alla figura di don Tonino Bello. Fu eletto alla Regione dapprima nella lista della Margherita e poi nel Pd.

Schermata 2016-08-02 alle 11.35.42E’ morto questa mattina,all’età di 55 anni dopo una lunga malattia, Guglielmo Minervini, capogruppo di Noi a sinistra alla Regione Puglia ed assessore nella precedente giunta regionale pugliese guidata da Nichi Vendola dal 2005 al 2015. Minervini era malato di tumore. Annunciando la sua battaglia, dichiarò pubblicamente “Ho il cancro e non mi tiro indietro. Nel suo ultimo post su Facebook, di soli 2 giorni fa, scriveva: “Ancora una volta la vita ti afferra in un’altra prova imprevista, dura ed esigente. L’affrontiamo col piglio di sempre” e con “la voglia di farcela senza mai perdere il senso anche dentro il mistero della malattia“.

Il professor Francesco Bellino, docente di Bioetica e Filosofia morale all’Università di Bari così a suo tempo commentò la scelta dell’assessore Minervini di rendere pubblica la sua malattia: “Una decisione lodevole, dimostra che la politica ha assunto una fisionomia più umana, capace di disvelare la fragilità degli uomini“.

Schermata 2016-08-02 alle 11.53.00Ci risentiamo tra un po’. Sicuro“, concludeva il suo messaggio. Minervini ha iniziato a fare politica quando era ancora molto giovane, impegnandosi nel mondo del volontariato, e ispirandosi alla figura di Don Tonino Bello. Classe 1961, fu docente e direttore editoriale della casa editrice La Meridiana, dove ha iniziato la sua attività pubblica con l’impegno nel mondo del volontariato, fondando la Casa per la pace di Molfetta e diventando consigliere nazionale di Pax Cristi, associazione animata dall’indimenticabile Don Tonino.

Dal 1994 al 2000 era stato sindaco di Molfetta. Fu eletto alla Regione dapprima nella lista della Margherita con 7556 voti, risultando il più suffragato della provincia di Bari e poi nel Pd, e viene nominato assessore del Governo Vendola, incarico ricoperto sino al 2015 occupandosi di politiche giovanili, sport, trasparenza, legalità, gestione delle risorse umane, trasparenza, protezione civile e trasporti  Era docente di informatica negli istituti superiori.

Nel 2012 aveva fondato ‘Open‘, un laboratorio politico composto e condiviso come diceva Minervini da “una rete di persone e progetti che vogliono assumersi la responsabilità politica e sociale di rappresentare la continuità nel cambiamento”.

CdG Guglielmo Minervini

nella foto Guglielmo Minervini

Minervini è stato uno degli esponenti politici più brillanti e intelligenti di una intera generazione – ha dichiarato il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo, Dario Franceschininel suo lavoro politico e amministrativo ha sempre messo passione e grande competenza. Abbiamo vissuto insieme e con amicizia vera tante battaglie comuni in questi anni di continui cambiamenti. Ci mancherà”.

CdG cons regione pugliaLa notizia della scomparsa di Guglielmo Minervini mi rattrista molto. – ha detto Michele Emiliano governatore della Regione PugliaEsprimo alla famiglia di Guglielmo il mio sincero cordoglio, a nome della Regione Puglia. Guglielmo Minervini era un uomo come ce ne sono pochi“. Il presidente del consiglio regionale della Puglia, Mario Loizzo,  in una nota il capogruppo di Noi a sinistra “ricorda con sincera commozione il politico lungimirante, il compagno di partito, l’amico indimenticabile, esprimendo a titolo sentitamente personale e a nome dell’intera assemblea, partecipazione e vicinanza alla famiglia”  “Condivido – aggiunge Loizzo con quanti hanno conosciuto Guglielmo un senso di vuoto e di che non sarà facile colmare. Abbiamo perduto tutti una presenza amica, un contributo politico ogni volta chiaro e puntuale, spesso determinante. Era un uomo sereno, discreto, dal sorriso aperto, un compagno di partito e un amico indimenticabile. La sua capacità di guardare lontano, i progetti che ha realizzato e fatto realizzare, il futuro che ha contribuito ad offrire a tanti giovani resteranno a ricordarlo per sempre“.

CdG borracino_minerviniMessaggi di cordoglio sono arrivati dal Gruppo M5S: “I consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle, appresa la tragica notizia, si stringono con cordoglio sincero intorno ai familiari del collega Guglielmo Minervini” – Il consigliere regionale Cosimo Borracino, Presidente della II Commissione ( Affari generali e Personale ) lo ricorda così:  “Perdo un amico sincero, compagno di tante battaglie. Nessuno come lui ha incarnato il vento del “cambiamento pugliese” dell’ultimo decennio, è stato il volto della rivoluzione gentile vendoliana, inventore di Bollenti Spiriti, sempre a stretto contatto con il mondo giovanile che era naturalmente attratto dalla sua innata forza spirituale.  La sua frequentazione con Don Tonino Bello ha lasciato in lui un marchio indelebile che quotidianamente leggevi nel suo agire. In questo ultimo anno spesso attingevo da lui pillole di saggezza e suggerimenti politici. Oggi la Puglia piange per la scomparsa di un uomo mite e dotato di straordinaria capacità politica.  Mancherai a tutti, ciao Guglielmo.

L’amico e collega Guido Ruotolo, inviato speciale del quotidiano La Stampa, lo ricorda così su Facebook : “Ho conosciuto Guglielmo Minervini ai tempi di don Tonino Bello. Molfetta era un punto di riferimento della solidarietà e della pace. Mi spiace che se ne siano andati tutti e due

Schermata 2016-08-02 alle 22.51.10

Su Twitter Nichi Vendola rende omaggio a Minervini: “Minervini è stato un uomo del futuro, un politico generoso e visionario, un costruttore di pace e di giustizia sociale. Per me è stato un amico, un compagno, un fratello. Lo porterò sempre nel mio cuore”.

Schermata 2016-08-02 alle 22.52.33

Open chat
1
Vuoi contattare la nostra redazione ?
Ciao, vuoi contattare la nostra redazione ?