MENU
16 Agosto 2022 03:45
16 Agosto 2022 03:45

Guerra Russia-Ucraina. Svolta Ue, sì alla candidatura di Ucraina e Moldavia. Zelensky: “Italia al fianco di Kiev, grazie Draghi”.

Al 120° giorno di guerra della Russia contro l’Ucraina arriva l’annuncio del presidente Usa, Joe Biden, di nuove sanzioni per Mosca. Gli stati Uniti e i leader del G7 annunceranno nuove misure per accrescere la pressione sulla Russia nel prossimo summit in Germania.  Da domenica scorsa secondo l’Intelligence britannica, le forze russe sono avanzate per oltre 5 chilometri verso la città di Lysychansk, nel Donbass. “Alcune unità ucraine si sono ritirate, probabilmente per evitare di essere accerchiate, ma le forze russe stanno mettendo sotto pressione la sacca di Lysychansk-Severodonetsk“. 

Il presidente ucraino Zelensky, dopo aver gioito per la decisione del Consiglio dell’ Unione Europea di dare il via libera alla candidatura di Ucraina e Moldavia come membri dell’Unione, ha sottolineato in collegamento con il vertice quanto quella presa oggi sia “una delle decisioni più importanti per l’Ucraina in tutti i 30 anni di indipendenza del nostro Stato. Questa decisione però non è solo per l’Ucraina. Questo è il più grande passo per il rafforzamento dell’Europa che potrebbe essere compiuto proprio ora, quando la guerra mette alla prova la nostra capacità di preservare la libertà e l’unità“.

“Grazie a tutti i leader europei. Grazie ai nostri eroi che con le armi difendono l’indipendenza dell’Ucraina e la libertà dell’Europa. Grazie per aver reso possibile una nuova storia dell’Europa, ancora più forte, ancora più libera”. Zelensky ha pubblicamente citato tra i “leader”, il presidente del Consiglio Mario Draghi:Grazie per la sua perseveranza“.

notizie in aggiornamento

La cronaca della giornata |

h. 22.57 | Georgia: a Tblisi migliaia in piazza a sostegno dell’ingresso in Ue

Si sta svolgendo in queste ore nel centro di Tbilisi, davanti al palazzo del Parlamento, una manifestazione, a cui stanno partecipando migliaia di persone, a sostegno del futuro della Georgia nell’Unione europea. Lo riportano i media internazionali. Gli organizzatori della manifestazione hanno riferito ai giornalisti che l’evento ha lo scopo di protestare contro le attuali autorità, ritenute colpevoli del rifiuto da parte di Bruxelles di concedere alla Georgia lo status di candidato all’adesione all’Unione europea, dato invece all’Ucraina e alla Moldavia.

h. 22.40 | Sindaca Berlino in videochiamata con deep fake di Klitschko. Giffey credeva di parlare con sindaco Kiev ma era una trappola

Oggi pomeriggio la sindaca di Berlino, Franziska Giffey, ha interrotto una videochiamata con quello che doveva essere il sindaco di Kiev, Vitali Klitschko. A quanto pare, infatti, non si trattava davvero di Klitschko, ma probabilmente di un “deep fake“, cioè una manipolazione digitale che rappresentava falsamente il sindaco ucraino. Lo riportano i media tedeschi. Dopo circa 15 minuti di dialogo, trascorsi soprattutto a parlare di rifugiati ucraini, la sindaca si è insospettita per l’andamento della discussione e ha posto fine alla conversazione. L’ambasciata ucraina in Germania avrebbe poi confermato che non poteva trattarsi del vero Klitschko. Giffey ha avvisato la polizia e commentato via Twitter che «purtroppo fa parte della realtà che la guerra venga condotta con tutti i mezzi – anche in rete, utilizzando metodi digitali per minare la fiducia e screditare i partner e gli alleati dell’Ucraina».

h. 21.00 | Sindaco Melitopol, da inizio guerra oltre 500 rapimenti, ripresi in ultima settimana

«Più di 500 persone sono state rapite negli ultimi quattro mesi». Lo ha detto Ivan Fedrov, sindaco di Mariupol, città ucraina sudorientale. Il primo cittadino ha aggiunto che i rapimenti di massa sono ripresi la scorsa settimana nel territorio occupato dalla Russia.

h. 20.00 | Servirà almeno un decennio per ripulire da mine ed esplosivi

L’Ucraina avrà bisogno di almeno un decennio per ripulire tutte le mine e gli esplosivi dalla sua terra e dalle sue acque dopo la guerra. Lo ha affermato un portavoce del servizio di emergenza statale ucraino. Lo riporta il Guardian. “Finora, l’Ucraina è riuscita a liberare 620 chilometri quadrati di terra che erano disseminati di migliaia di ordigni esplosivi, comprese 2.000 bombe lanciate dall’aria” ha detto Oleksandr Khorunzhiy. “Quasi 300.000 chilometri quadrati – circa la metà del territorio ucraino – sono ancora visti contaminati”, ha aggiunto: “Serviranno fino a 10 anni, secondo una cifra ottimistica. Perché non sappiamo ancora cosa stia succedendo nei territori in cui sono in corso combattimento attivi in questo momento“, ha sottolineato.

h. 18.30 | Kiev: il grano raccolto nei silos a Melitopol portato via dai russ

I russi hanno portato via il vecchio grano raccolto nei silos a Melitopol in Ucraina. Lo ha denunciato il sindaco di Melitopol Ivan Fedorov, stando a Ukrinform. Ogni giorno dai 30 ai 50 camion portano i raccolti fuori dalla città e dal distretto di Melitopol. Si tratta di quasi 1.000 tonnellate. Gli agricoltori di Melitopol non hanno l’opportunità di esportare ortaggi e frutta che hanno coltivato, poiché i russi non consentono di portare i raccolti fuori dal territorio occupato nelle aree controllate dal governo filorusso.

h. 18.00 | Deputato russo: in caso di III Guerra mondiale le prime bombe su Londra

«Nel caso scoppiasse la Terza Guerra mondiale la città di Londra sarebbe la prima ad essere bombardata». Parola del deputato russo della Duma Andrei Gurulyov, stando a quanto riporta Ukrainska Pravda. «Distruggeremo l’intero gruppo di satelliti spaziali nemici durante la prima operazione aerea. A nessuno importerà se sono americani o britannici, li considereremmo tutti della Nato», ha avvertito. «In secondo luogo, indeboliremo il loro intero sistema di difesa missilistica, al 100% ovunque», ha continuato Gurulev. «In terzo luogo, non inizieremo sicuramente con Varsavia, Parigi o Berlino. La prima a soffrire sarà Londra. È chiaro che la minaccia per il mondo viene dagli anglosassoni», ha aggiunto. Secondo la direzione principale dell’intelligence del ministero della Difesa ucraino, Gurulyov è un criminale di guerra che è stato direttamente coinvolto in attività criminali in Ucraina nel 2014-15.

h. 17.30 | Macron: sei pacchetti sanzioni sembravano impensabili 6 mesi fa

«L’Europa di giugno 2022 è molto diversa da quella di gennaio 2022 e non l’avevamo anticipata fino a questo punto, ovviamente soprattutto perché la Russia ha deciso di lanciare una guerra ma anche perché abbiamo anche agito insieme su una serie di decisioni estremamente strutturanti per il nostro continente, approvando sanzioni con una velocità senza precedenti, sei pacchetti di sanzioni sembravano impensabili sei mesi fa». Lo ha affermato il presidente francese, Emmanuel Macron, della presidenza di turno del Consiglio Ue, nella conferenza stampa al termine del Consiglio europeo.

h. 16.00 | Consorzi agrari: stimate meno 3milioni di tonnellate di grano in Europa, tra siccità e guerra

L’Europa per effetto della siccità e delle conseguenze del conflitto in Ucraina “perderà circa 3 milioni di tonnellate di grano con cali evidenti in alcuni tra i Paesi più importanti per il grano tenero: Ungheria -11%, Romania -20%, Bulgaria -11%. La produzione di grano in Ucraina, teatro della guerra da ormai 4 mesi, è prevista in calo del 35% rispetto allo scorso anno, mentre la Russia dovrebbe passare da 75 a 81 milioni di tonnellate prodotte (+8%)”. L’allarme è dei Consorzi Agrari d’Italia (Cai) nel tracciare l’andamento macroeconomico del mercato dei cereali incrociando i primi dati provenienti da istituzioni europee e mondiali.

h. 15.00 | Kuleba: “Negoziato? Quando la Russia non imporrà più ultimatum”

Un negoziato sarà possibile «quando la Russia abbandonerà i suoi piani di conquista dell’Ucraina e accetterà il fatto che i negoziati non riguardano l’accettazione dei suoi ultimatum, ma trovare una soluzione reciprocamente accettabile». Lo ha dichiarato il ministro degli Esteri ucraino, Dmytro Kuleba, in un messaggio video al Convegno nazionale dei giovani imprenditori in corso a Rapallo. «Ieri il portavoce del presidente Putin ha detto con molta franchezza e chiarezza che la pace sarà possibile quando l’Ucraina accetterà gli ultimatum, le richieste della Russia. Sono loro stessi a respingere l’idea dei colloqui» ha aggiunto il ministro.

h. 14.45 | Gb: aviazione russa in difficoltà, scarseggiano i piloti. Si usano quelli in pensione

L’aviazione russa ha difficoltà nel sostenere l’invasione dell’Ucraina con un adeguato livello di piloti: lo scrive l’intelligence britannica nel suo aggiornamento quotidiano sulla situazione nel Paese. Il rapporto, pubblicato dal ministero della Difesa su Twitter, cita in particolare l’uso di piloti in pensione – e attualmente alle dipendenze del gruppo mercenario russo Wagner – nelle missioni di supporto aereo. Una pratica, commenta, dovuta probabilmente ad una mancanza di piloti adeguatamente addestrati e alle perdite sul campo di battaglia.

h. 14.30 | Ucraina, Zelensky a Glastonbury: “La libertà vince sempre”

«Dimostrate che la libertà vince sempre». È il messaggio che il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, ha rivolto ai partecipanti al Festival di Glastonbury, nel Regno Unito. «Il festival riprende quest’anno dopo due anni di stop. La pandemia ha messo in pausa la vita di milioni di persone in tutto il mondo, ma non l’ha spezzato. A noi in Ucraina piacerebbe vivere la vita che vivevamo e godere della libertà e di questa estate meravigliosa, ma non possiamo perché è accaduta la cosa più terribile – la Russia ha rubato la nostra pace. Ma non permetteremo che la guerra della Russia ci spezzi», ha dichiarato Zelensky in un intervento video.

h. 14.15 | Sindaco Chernihiv: danni per oltre 4,2 miliardi di dollari

Una città svuotata della sua popolazione, imprese distrutte, danni per oltre 4,2 miliardi di dollari. A tracciare il bilancio di Chernihiv è il suo sindaco, Vladislav Atroshenko, in un’intervista a Interfax-Ucraina.

h. 14.00 | Turchia: c’è il consenso tra le parti per sbloccare corridoi del grano

Il ministro della Difesa turco Hulusi Akar ha fatto sapere che è stato trovato un «consenso generale» tra le parti per sbloccare l’esportazione di grano dai porti dell’Ucraina. «È stato raggiunto un consenso generale sulla creazione di un centro a Istanbul per le operazioni e la gestione sicura e ininterrotta di questa attività da parte di soldati turchi, russi e ucraini insieme, oltre che con l’Onu», ha fatto sapere Akar, come riporta Hurriyet, aggiungendo che «nei prossimi giorni ci potrebbero essere sviluppi positivi e si potranno adottare misure concrete».

h. 13.50 | Medvedev: «Fame come arma? Incredibile detto dalla Germania»

«È incredibile sentire queste parole dai funzionari di un paese che ha tenuto Leningrado sotto blocco per 900 giorni, dove quasi 700mila persone sono morte di fame». Lo ha scritto su Telegram il vicepresidente del Consiglio di sicurezza russo, Dmitry Medvedev, secondo Ria Novosti, commentando le dichiarazioni della ministra degli Esteri tedesca, Annalena Baerbock, che secondo Der Spiegel ha detto che «la guerra aggressiva della Russia contro l’Ucraina ha trasformato un’onda in uno tsunami», mentre Mosca «usa deliberatamente la fame come arma di guerra e tiene in ostaggio il mondo intero».

h. 09.32 | Germania, “La Russia potrebbere interrompere completamente le forniture di gas al Paese

La Russia potrebbe interrompere completamente le forniture di gas alla Germania. L’avvertimento arriva da Klaus Mueller, il presidente dell’Agenzia federale delle reti di Berlino, l’ente che regola i servizi essenziali, compresa la fornitura di gas. “Non si può escludere” ha affermato, spiegando che sono stati ipotizzati vari scenari. “La maggior parte di questi non sono positivi e variano da una quantità insufficiente di gas alla fine dell’inverno ad una situazione molto difficile già in autunno o in inverno”, ha affermato Mueller.

h. 09.20 | Letta: “Segnale chiaro dell’Ue a Putin

«E’ un giorno storico. L’Ue ha dato lo status di candidato a un Paese invaso da un altro Paese, non era mai accaduto, vuol dire che l’Ue è un attore geopolitico importante che quando ci sono di mezzo valori di libertà e democrazia, di autodeterminazione di un popolo che decidere il suo futuro ascolta e decide di essere generoso», afferma a Radio Rai il segretario del Pd Enrico Letta commentando il via libera dell’Ue alla concessione dello status di Paese candidato all’Ue per l’Ucraina. E aggiunge: «E’ stata scelta non scontata e storica. L’Ucraina e non solo, sottolineo l’importanza della Moldavia. Un segnale molto chiaro a Putin: non è immaginabile usare armi del novecento per ridefinire i confini, questi sono i valori che vincono i Europa, non i tuoi».

h. 09.16 | Ucraina, governatore di Chernihiv: “Nella notte nuovi bombardamenti al confine

Nella regione Chernihiv, nell’Ucraina nord orientale, si sono registrati questa notte nuovi bombardamenti al confine con la Russia. Lo comunica su Telegram il governatore Viacheslav Chaus. In particolare ci sono stati “cinque attacchi con lanciagranate vicino a Senkivka, al confine con la Russia, e venti esplosioni di mortaio vicino a Semenivka“.

h. 08.56 | Zelensky: “Non siamo Stato-cuscinetto ma parte dell’Ue

«E’ stato riconosciuto ufficialmente: l’Ucraina non è un ponte, non uno Stato-cuscinetto tra Occidente e Russia, non una sfera d’influenza, non una zona “grigia” o un territorio di transito. L’Ucraina è un futuro partner alla pari per i 27 Paesi dell’Ue», dichiara nel suo ultimo video messaggio il leader di Kiev, Volodymyr Zelensky, all’indomani del via libera del Consiglio europeo allo status di candidato Ue all’Ucraina.

h. 08.51 | Cremlino su Kaliningrad: “Ci auguriamo il meglio e ci prepariamo al peggio

Il Cremlino non esclude la possibilità che la Lituania sollevi le restrizioni al transito verso l’enclave russa di Kaliningrad, ma si prepara al peggio. A dichiararlo è stato Dmitry Peskov. «Non vogliamo escludere nulla. Vogliamo augurarci il meglio e prepararci al peggio. E questo è esattamente ciò che stiamo facendo ora», aggiunge il portavoce del Cremlino.

h. 08.45 | Ucraina, intelligence Uk: “Aviazione russa in difficoltà, usa i mercenari Wagner

L’intelligence britannica ritiene che la Russia stia utilizzando piloti mercenari della compagnia militare privata Wagner perché non dispone di personale adeguatamente addestrato e sta subendo perdite in combattimento nella guerra con l’Ucraina. Secondo fonti di intelligence del ministero della Difesa del Regno Unito, l’esercito ucraino ha catturato il pilota di un aereo d’attacco russo Su-25, abbattuto il 17 giugno. Il pilota ha ammesso di essere un ex maggiore dell’aeronautica russa, che ha ottenuto un lavoro come mercenario militare del gruppo Wagner.

h. 08.10 |Ucraina, sale a 338 il numero di bambini uccisi dall’inizio del conflitto

Sono 338 i bambini uccisi in Ucraina dal giorno dell’invasione russa del Paese lo scorso 24 Febbraio. 610 i feriti. Lo rende noto l’ufficio del Procuratore generale ucraino, precisando che il maggior numero delle vittime si registra nelle regioni di Donetsk, Kharkiv, Kiev e Chernihiv.

h. 02.12 | Candidatura Ucraina in Ue, Kuleba: svolta da visita a Kiev di Draghi, Macron e Scholz

La recente visita a Kiev di Macron, Draghi e Scholz, insieme con il premier romeno, è stata il punto di svolta per la candidatura dell’Ucraina nell’Unione Europea. Prima di allora la situazione era molto fragile“. Lo ha affermato il ministro degli Esteri ucraino, Dmitry Kuleba, come riportato dall’agenzia Unian.  “Il presidente francese Emmanuel Macron – ha aggiunto – ha svolto un ruolo molto importante. L’elenco degli scettici era noto da molto tempo: i Paesi Bassi, la Danimarca, la Svezia, il Portogallo. La Germania era in questo gruppo“.

h. 00.29 | Zelensky, “Italia a fianco di Kiev, grazie a forza Draghi”

«L’Italia è al nostro fianco. Grazie mille, signor primo ministro! Grazie per la sua forza, per la sua perseveranza. Grazie per aver dimostrato che i principi delle persone perbene sono davvero il fondamento dell’Europa». E’ quanto ha sottolineato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky parlando al Consiglio europeo dopo il sì dell’Ue alla candidatura ucraina. Zelensky ha ringraziato, uno ad uno, tutti e 27 i Paesi membri, secondo quanto si legge nel discorso pubblicato sul sito del governo ucraino. 

h. 00.03 | Onu smentisce Lavrov su no a rotta Bielorussa per grano

Stefan Dujarric, portavoce del segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres, ha smentito, in una dichiarazione a Ria Novosti, le affermazioni odierne di Serghei Lavrov, che ha accusato Guterres di prolungare la crisi alimentare rifiutando le proposte di Mosca. “La rotta bielorussa per l’esportazione di grano dall’Ucraina è stata una delle prime opzioni proposte dal Segretario generale“, ha puntualizzato Dujarric, che ha poi negato che Guterres intenda sbloccare l’export di cereali ucraino prima di quello russo, come ha sostenuto Lavrov. “Il segretario generale ha sempre parlato di un pacchetto per le esportazioni dall’Ucraina e le esportazioni dalla Russia allo stesso tempo“, ha detto il portavoce.

h. 00.03 | Lavrov accusa il segretario generale Onu Guterres: “Prolunga crisi alimentare

Il ministro degli Esteri russo, Serghei Lavrov, ha accusato il segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, di prolungare la crisi alimentare respingendo le proposte di Mosca sull’esportazione di grano. “Guterres sta cercando di risolvere i problemi dell’esportazione di grano dai porti ucraini senza tener conto dei corridoi che annunciamo quotidianamente“, ha affermato Lavrov in un’intervista alla televisione pubblica bielorussa, “questa situazione crea problemi a molti paesi in via di sviluppo“. “Il segretario generale delle Nazioni Unite, con le sue azioni, sta prolungando la crisi alimentare, rendendo impossibile l’invio rapido di grano lì. Questo è deplorevole”, ha proseguito il ministro degli Esteri russo, che ha inoltre attaccato Guterres per non aver preso in considerazione l’ipotesi di esportare via terra il grano ucraino attraverso la Bielorussia, “percorso meno costoso rispetto a passare per Polonia e Romania“.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Buon ferragosto
L'ex presidente USA Donald Trump è sotto indagine per spionaggio
Trump si rifiuta di rispondere alle domande sull'inchiesta a suo carico per frode fiscale
Perquisizione dell' Fbi a casa di Trump in Florida, portate via scatole di documenti.
Calenda chiude l'alleanza con il Pd: "Hanno voluto l'ammucchiata e perderanno"  
Stato-mafia, depositate le motivazioni delle assoluzioni in appello
Archivi
Buon ferragosto
Quello che le "toghe rosse" non dicono sul Csm...e le loro carriere "correntizie"
Ferragosto 2022, apertura straordinaria di musei e siti archeologici statali
Benedetta Pilato ha pianto "per Stefano" dopo aver vinto agli Europei di nuoto
L'ex presidente USA Donald Trump è sotto indagine per spionaggio

Cerca nel sito