MENU
2 Dicembre 2022 16:55
2 Dicembre 2022 16:55

Gli operai della Marcegaglia furenti: «A rischio la cassa integrazione »

Le offerte per rilevare lo stabilimento si sono rivelate un "bluff". L' impresa chiusa ed i dipendenti in mezzo alla strada senza stipendio e cassa integrazione

I dipendenti, operai e sindacalisti della Marcegaglia  che hanno protestato dinanzi ai capannoni dell’azienda  che produceva  pannelli fotovoltaici ormai da mesi chiusa per la cessazione attività,  sono da quasi un anno  in cassa integrazione e nel  luglio scorso avevano raggiunto un accordo per il prolungamento di  ulteriori dodici mesi per poter avere la possibilità di esaminare in tempi brevi le due manifestazioni d’interesse pervenite al ministero per una possibile riconversione industriale della fabbrica . Soluzione questa che avrebbe reso possibile un reinserimento dei lavoratori  abbandonati al proprio destino dal Gruppo Marcegaglia.

La Marcegaglia Buildtech aveva reso noto con un suo comunicato di avere deciso la cessazione delle attività “a causa della grave crisi che ha irreversibilmente colpito il settore del fotovoltaico in Italia e nel mondo”. La sospensione della produzione dello stabilimento tarantino – aggiunge l’azienda – è stata proclamata per il prossimo 18 novembre, alla scadenza della cassa integrazione ordinaria in corso. Marcegaglia fece sapere di avere “garantito la sua piena disponibilità a trovare con i sindacati e con le maestranze ogni soluzione possibile allo scopo di ridurre al minimo l’impatto sociale ed economico per i 134 dipendenti dello stabilimento”.

Così non è stato e proprio alle porte del nuovo incontro al Ministero del Lavoro, che era stato programmato pochi giorni fa, ai lavoratori è arrivata la spiacevole comunicazione  ricevuta dallo stesso ministero che «allo stato, non sono disponibili risorse finanziarie per l’intervento in questione». Quindi incontro sindacale annullato, svanita  la possibilità-speranza di ottenere il prolungamento della cassa integrazione, e quindi praticamente licenziati la novantina gli operai rimasti senza lavoro.  lavoratori  «Tutto ciò è inaccettabile  dopo mesi di lotta e di incontri – hanno detto gli operai riuniti in assemblea davanti ai vecchi capannoni ex- Marcegagliaci viene scippato il nostro futuro lavorativo e la speranza di una vita dignitosa». Le segreterie territoriali di Fiom, Fim e Uilm ritengono la decisione del governo «inaccettabile dopo mesi di trattative ed un percorso condiviso».

E non pochi osservano e contestano che il Gruppo Marcegaglia vorrebbe rilevare in cordata con il colosso franco-indiano Accor-Mittal lo stabilimento siderurgico dell’ ILVA di Taranto. Con che soldi non è ancora chiaro…

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Lavoro. L’ occupazione vola al massimo dal 1977
Previsti 19 milioni di euro nella Legge di Bilancio 2003 per integrazione salariale ai lavoratori ex-Ilva in a.s.
Poste Italiane ottiene la certificazione "Equal-Salary" per le politiche salariali tra donne e uomini
Esperti nazionali ed internazionali si confrontano a Bari sul futuro dell’acqua
L'Antitrust sanziona per 5 milioni di euro Enel ed agenzie partner
Acciaierie d'Italia (ex Ilva) non si presenta a Roma . Sit in a Taranto, lunedì sciopero di protesta dei sindacati. Il ministro Urso: "Salveremo il sito".
Archivi
Un video di un sommergibile della Marina Militare "smaschera" la Ong Open Arms: gli scafisti erano a bordo ?
Lavoro. L’ occupazione vola al massimo dal 1977
Il Guardasigilli Nordio dispone l’ispezione sui pm della Procura di Firenze: "Accertamenti rigorosi"
A diciasette giornaliste il premio speciale "Matilde Serao" assegnato da Poste Italiane
Avvocati, accolta la proposta di Cnf e Cassa forense su compensazione debiti

Cerca nel sito