MENU
24 Giugno 2024 11:54
24 Giugno 2024 11:54

Emergenza gas e caro energia. Descalzi (Ad ENI): “I prezzi scendono, il sistema si sta adattando. L’inverno più duro sarà nel 2023/24”

"C’è purtroppo una cattiva interpretazione dell’Europa, come se fosse uno Stato. Non lo è, l’Europa è fatta da diversi Stati, con diversi mix energetici, culture, lingue e ricchezze". "Inoltre, e lo abbiamo visto con il Covid, tutti ora sono esperti di energia. Ma quanto tutti diventano esperti di un tema in cinque secondi è difficilissimo trovare una soluzione, ecco perché non la trovano".

Tutti guardano all’inverno che sta arrivando mal’inverno più duro sarà quello del 2023/24” se l’Italia non potenzierà le sue infrastrutture. “Serve più capacità di stoccaggio, servono più rigassificatori“. A parlare così, intervistato durante l’evento di “Cultura Italiae”, Semi 2022 (Storie di Eccellenza, Merito e Innovazione) è l’amministratore delegato di Eni Claudio Descalzi. Che, poi, spiega meglio perché: “Non abbiamo una produzione nazionale, abbiamo 1/3 dei rigassificatori che ci servono e dobbiamo aumentare la capacità di stoccaggio”, spiega ricordando che Eni da sola non può fare tutto da sola.

“Il nostro sistema energetico non è sovrabbondante — spiega meglio Descalzi —, i rigassificatori sono un terzo di quello che dovrebbero essere. L’Italia e l’Europa in generale sono un grande mercato di trasformazione, che però non ha energia: è come una Ferrari con il pilota, ma senza benzina. Il sistema energetico è fatto da gas ed elettricità, ossia da risorse prime, e da infrastrutture. Se non ci saranno rigassificatori e stoccaggi più ampi l’inverno più difficile sarà quello tra il 2023 e il 2024, non quello attuale».

Il prezzo del gas nel frattempo incredibilmente diminuisce. C’è una chiara ragione, sottolinea l’ad di Eni: “Il sistema si sta adattando” tra aumento degli stoccaggi, riduzione dei consumi e più efficienze. Descalzi con parole semplici spiega le ragioni per le quali il prezzo del gas sta scendendo. Il gas russo rappresentava la grande maggioranza dell’approvvigionamento, “ora è al 9%, il sistema lo ha sostituito prendendolo altrove, attraverso i rigassificatori: l’Algeria ha aumentato di 3 volte la fornitura, la Norvegia e gli Usa hanno aumentato anche loro, non c’è mai stato un momento in cui la domanda fosse maggiore dell’offerta. In Italia la domanda è di 150 milioni di metri cubi al giorni e l’offerta di 200 milioni ma anche in Europa, se la domanda è di 650 milioni di metricubi l’offerta è di 1 miliardo“, ricorda Descalzi .

I prezzi quindi crescevano alle stelleper la speculazione, perché tutto ciò non si sapeva“. Sulla diminuzione dei prezzi pesa anche la diminuzione dei consumi che, ricorda Descalzi, “è stagionale: da settembre fino a inizio novembre si spengono i climatizzatori e non c’è ancora il riscaldamento“. Non ultimo sta cambiando anche il mix energetico, “si è ricominciato a usare prodotti petroliferi, il carbone”.

Claudio De Scalzi, Ad del gruppo ENI

L’ad di Eni  commentando l’iter della discussione sul “price cap” dell’ Europa sul gas che si sta svolgendo a Bruxelles, “non riesce a muoversi unita, ci sono interessi divergenti” ha condensato il suo pensiero in una battuta : “In Europa non si parla di energia da 30 anni, quando poi diventano tutti esperti in 5 minuti è difficile trovare una soluzione“. “L’Europa non è uno Stato, ci sono diverse culture, diversi mix di energia, anche diverse ricchezze, quando si parla di solidarietà è una fotografia” ha concluso De Scalzi. 

Descalzi interviene sul mancato accordo di un tetto al prezzo del gas a livello europeo. “Siamo costanti nel non decidere — commenta amaramente l’Ad di Eni —. C’è purtroppo una cattiva interpretazione dell’Europa, come se fosse uno Stato. Non lo è, l’Europa è fatta da diversi Stati, con diversi mix energetici, culture, lingue e ricchezze. Questo è il punto: tutto deve essere fatto all’unanimità, ma gli interessi sono divergenti. Inoltre, e lo abbiamo visto con il Covid, tutti ora sono esperti di energia. Ma quanto tutti diventano esperti di un tema in cinque secondi è difficilissimo trovare una soluzione, ecco perché non la trovano“.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

Articoli Correlati

Italia maglia nera in Europa per evasione Iva
In Italia il mare più pulito d'Europa. Ecco le regioni migliori: il primato della Puglia
“Edufintour”: con Poste Italiane l'educazione finanziaria fa il giro d' Italia
Imu, ecco per chi sarà più caro il conto finale
Le "fake news" di Briatore. Dichiara che il Twiga paga 3 milioni di tasse ed invece sono 165mila euro! I dipendenti? Solo 53 e non 150
L' "indiana" Morselli ed il "fido" Ponzio dopo i loro disastri nell' ex-Ilva pretendono anche 8milioni di euro !
Cerca
Archivi
Il delirio dell’eurodeputata Ilaria Salis che definisce "diritto" un reato previsto dalla Legge italiana
L'impegno delle Fiamme Gialle contro la criminalità per tutelare cittadini ed imprese
La Nazionale femminile di pallavolo vince la Nations League per la seconda volta
Da Bari a Firenze ballottaggio in 101 comuni: cala l'affluenza rispetto al primo turno
Centro schiacciato da Meloni e Schlein, ritrovi idea Paese

Cerca nel sito