MENU
30 Settembre 2022 01:19
30 Settembre 2022 01:19

Denuncio 12 volte il marito, che la uccise. Condannati i magistrati

La corte d'Appello di Messina: "non trovarono il modo di fermarlo nonostante le reiterate denunce della donna". E nessuno ha ancora chiesto scusa a quei tre bambini innocenti, a causa anche del menefreghismo di "certa" magistratura.

ROMA – Insieme ai due magistrati è stata condannata a dovere risarcire le parti civili  con 300mila euro anche la Presidenza del Consiglio dei Ministri , in base alla sentenza del Tribunale civile di Messina, i tre figli di Marianna Manduca, assassinata dieci anni fa dal marito, Saverio Nolfo il quale sta scontando in carcere la condanna a vent’anni.

La Corte d’appello di Messina ha condannato i magistrati che nel 2007 – quando avvenne l’omicidio – lavoravano alla procura di Caltagirone (Catania), con la loro inerzia lasciarono nella possibilità d’agire un marito violento, denunciato 12 volte dalla moglie  ed  ha applicato la norma sulla responsabilità civile nella sentenza sui due magistrati, citati in giudizio dal padre adottivo dei figli della vittima, perchè lasciarono nella possibilità d’agire un marito violento, denunciato 12 volte dalla moglie; all’epoca i due pm lavoravano nella Procura di Caltagirone e non avrebbero fatto quanto in loro potere per evitare il femminicidio in quanto la donna aveva presentato diverse denunce contro il marito che poi la uccise.

“E’ una sentenza importante”, dice l’avvocato Licia D’Amico dello studio Galasso, legale di Carmelo Calì, cugino della vittima e padre adottivo dei tre bambini ora adolescenti, rimasti orfani della madre e col padre in galera. “Come prevede la legge sulla responsabilità dei magistrati è stata condannata la Presidenza del consiglio che potrà rivalersi sui magistrati”. Lo farà ?

Uno dei due magistrati è ormai in pensione, la collega invece lavora in un altro Tribunale. Il Tribunale ha riconosciuto solo un danno patrimoniale. Nessun commento dall’ Associazione Nazionale dei Magistrati. evidentemente troppa impegnata a tutelare lo straripante potere della magistratura, ed a opporsi dalla separazione delle carriere.

E nessuno ha ancora chiesto scusa a quei tre bambini innocenti, a causa anche del menefreghismo di “certa” magistratura.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Confermate le condanne definitive per Buzzi e Carminati che ritornano in carcere 
Licenziata l'ex vice questore "no-green pass" Nunzia Schilirò
Danno da 11 milioni alla Regione Lazio, Zingaretti sotto inchiesta per le mascherine mai consegnate
La Milano by-night schiava di droga e sesso
Esercitazione aeronavale delle Fiamme Gialle nel golfo di Taranto
Alberto Genovese condannato a 8 anni e 4 mesi per aver dopo averle stordite con mix di droghe e violentato due modelle
Archivi
Confermate le condanne definitive per Buzzi e Carminati che ritornano in carcere 
Licenziata l'ex vice questore "no-green pass" Nunzia Schilirò
L’Opinione del Direttore
Il Viminale corregge l'assegnazione dei seggi: alla Camera entra il consigliere regionale De Palma
"Monnezzopoli". L'imbarazzante silenzio della Gazzetta del Mezzogiorno sui processi del proprio co-editore Antonio Albanese imprenditore dei rifiuti

Cerca nel sito