MENU
2 Febbraio 2023 02:33
2 Febbraio 2023 02:33

Caso Consip. il Tribunale del riesame di Roma revoca la misura di sospensione al maggiore Scafarto

Secondo l’accusa nei confronti di Scafarto, rappresentata del procuratore aggiunto Paolo Ielo e del pm Mario Palazzi, l'ufficiale dei Carabinieri doveva essere sospeso perché  avrebbe provato a cancellare, nel corso delle indagini,  prove utili agli inquirenti manipolando il cellulare del colonnello Sessa per eliminarle dal suo whatsapp.

ROMA – Il maggiore dei Carabinieri , Gianpaolo Scafarto, precedentemente in servizio al NOE tornerà in servizio. Il Tribunale del Riesame di Roma con una propria decisione, a seguito dell’ istanza avevano presentato istanza  presentata dai legali di Scafarto, Giovanni Annunziata e Attilio Soriano, ha annullato ieri la misura cautelare interdittiva dal servizio per l’ufficiale dell’ Arma coinvolto nell’inchiesta Consip.   “Siamo soddisfatti di questo risultato – commentano i difensori – ed auspichiamo che ne possa conseguire per tutti una maggiore serenità di giudizio“.

il Maggiore Gianpaolo Scafarto

Il militare dell’Arma era stato raggiunto dal provvedimento il 25 gennaio scorso su disposizione del gip a dicembre 2017 che lo sospendeva dal servizio per il periodo un anno poi annullata per un vizio di procedura: il mancato interrogatorio dell’indagato, che si era svolto il 20 dicembre, quindi dopo l’annullamento del provvedimento. In quel caso la sospensione riguardava anche il colonnello e vicecomandante del Noe, Alessandro Sessa, che però si è autosospeso dal servizio. Nei suoi confronti, quindi, il giudice non aveva emesso una nuova ordinanza.

Secondo l’accusa nei confronti di Scafarto, rappresentata del procuratore aggiunto Paolo Ielo e del pm Mario Palazzi, l’ufficiale dei Carabinieri doveva essere sospeso perché  avrebbe provato a cancellare, nel corso delle indagini,  prove utili agli inquirenti manipolando il cellulare del colonnello Sessa per eliminarle dal suo whatsapp. Nella chat venivano scambiate informazioni sull’inchiesta e il tutto sarebbe avvenuto quando Scafarto era già indagato e il suo telefonino era già stato sequestrato dagli inquirenti nel corso del primo interrogatorio.

Per quanto riguarda il filone di inchiesta sulla fuga di notizie aperto dalla Procura di Roma ,   gli inquirenti di piazzale Clodio ascolteranno nei prossimi giorni nei prossimi giorni con un confronto all’americana il “grande accusatore” e cioè l’ex amministratore delegato della Centrale unica d’acquisti della Pa, Luigi Marroni e il ministro dello Sport, Luca Lotti indagato per il reato di “favoreggiamento” e “violazione del segreto istruttorio” a seguito delle dichiarazioni di Marroni che, aveva dichiarato nel dicembre del 2016 ai carabinieri del Noe e ai magistrati di Napoli che era stato avvertito da Lotti, oltre che dal presidente di Publiacqua FirenzeFilippo Vannoni e dal generale Emanuele Saltalamacchia comandante regionale in Toscana dei Carabinieri , della presenza di cimici ambientali nel suo ufficio. Lotti  ascoltato già in due occasioni dai pm di Roma, ha sempre negato di avere parlato con Marroni dell’esistenza di una indagine su Consip di cui “non era a conoscenza”.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Al via il processo allo scrittore Roberto Saviano, accusato di diffamazione contro Matteo Salvini
Indagata l' escort scrittrice Blueangy per aver messo in rete il video di una notte di sesso con una donna-cliente
A processo l'ex presidente della Provincia e sindaco di Castellaneta Giovanni Gugliotti e altri otto imputati
Venti di burrasca legale e giudiziaria su alcuni consiglieri dell' Ordine Avvocati di Taranto
Berlusconi dovrà risarcire con 50 mila euro il pm Robledo per averlo diffamato durante il processo Mills. Respinto il ricorso in Cassazione
Beppe Grillo condannato per diffamazione su un ex parlamentare pugliese del Pd
Archivi
L’Opinione del Direttore
Al via il processo allo scrittore Roberto Saviano, accusato di diffamazione contro Matteo Salvini
L'ex magistrato Nardi ed i suoi presunti complici a processo dinnanzi al Tribunale di Potenza
Indagata l' escort scrittrice Blueangy per aver messo in rete il video di una notte di sesso con una donna-cliente
Polizia di Stato e Eni rinnovano l’accordo sulla prevenzione e il contrasto dei crimini informatici

Cerca nel sito