MENU
29 Settembre 2022 20:13
29 Settembre 2022 20:13

Blitz dei Carabinieri del ROS: 17 arrestati del clan Nisseno

Le indagini, coordinate dalla Direzione distrettuale antimafia della Procura di Caltanissetta, hanno permesso di ricostruire le dinamiche interne al mandamento mafioso, facendo luce anche su l'omicidio di Gaetano Falcone, Scoperta e documentata la pressione estorsiva sul territorio ai danni di imprenditori e commercianti e un fiorente traffico di sostanze stupefacenti

ROMA – I Carabinieri del Ros stanno eseguendo a Mussomeli, nel Nisseno, un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di 17 indagati a vaio titolo per associazione mafiosa, omicidio, estorsione e traffico di stupefacenti. Le indagini, coordinate dalla Direzione distrettuale antimafia della Procura di Caltanissetta, hanno permesso di ricostruire le dinamiche interne al mandamento mafioso, facendo luce anche su l’omicidio di Gaetano Falcone, avvenuto a Montedoro il 13 giugno del 1998. Documentata inoltre la pressione estorsiva sul territorio ai danni di imprenditori e commercianti e un fiorente traffico di sostanze stupefacenti.

Il mandamento di MussomeliIl provvedimento cautelare colpisce gli appartenenti alle famiglie mafiose ricadenti nel mandamento di Mussomeli , composto dalle famiglie di Campofranco, Montedoro, Serradifalco, Sutera, Bompensiere, oltre che quella di Mussomeli. L’articolata attività investigativa dei Carabinieri vede fra i   principali indagati il boss Domenico “Mimmi” Vaccaro (al 41 bis), Calogero Modica, Claudio Rino Di Leo ed Antonio Calogero Grizzanti .

 I Carabinieri del Ros attraverso pedinamenti ed intercettazioni telefoniche, hanno ricostruito la supremazia del boss Domenico “Mimmi” Vaccaro legato da vincoli di parentela con Claudio Rino Di Leo, 58 anni, arrestato per associazione a delinquere di tipo mafioso, associazione a delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, tentata estorsione, rapina, reati concernenti le armi.

Lo spaccio di drogaLa “famiglia” di Mussomeli, esponente di Cosa Nostra,  era dedita allo spaccio a Campofranco, Mussomeli e Vallelunga Pratameno. Il canale di approvvigionamento era l’area di Palermo , ed avveniva attraverso Francesco Polara (40 anni) e quella di San Cataldo dove operavano Vincenzo Scalzo (46 anni) e Calogero Maurizio Di Vita (50 anni).

(notizia in aggiornamento) 

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

La Milano by-night schiava di droga e sesso
Alberto Genovese condannato a 8 anni e 4 mesi per aver dopo averle stordite con mix di droghe e violentato due modelle
Fabrizio Corona a processo a Milano per resistenza e tentata evasione
Caccia al latitante Messina Denaro: 35 persone arrestate dai Carabinieri in Sicilia
Nuovo processo per Fabrizio Corona: danneggiamento e tentata evasione
Arrestato sul litorale romano dai ROS dei Carabinieri il latitante 'ndranghettista Antonio Gallace
Archivi
Il Viminale corregge l'assegnazione dei seggi: alla Camera entra il consigliere regionale De Palma
"Monnezzopoli". L'imbarazzante silenzio della Gazzetta del Mezzogiorno sui processi del proprio co-editore Antonio Albanese imprenditore dei rifiuti
Terminata la vendemmia 2022 per il Primitivo di Manduria
Governo Meloni, il vero totoministri (e non pilotato...)
Montecitorio accoglie i nuovi deputati dal 10 ottobre

Cerca nel sito