Battisti, fissata l’udienza da cui dipenderà la sua estradizione

Battisti, fissata l’udienza da cui dipenderà la sua estradizione

Il giudice del Tribunale Superiore Federale (TSF), Luiz Fux, ha deciso di sospendere temporaneamente la richiesta di estradizione avanzata dall’Italia. L’ex terrorista italiano, condannato all’ergastolo per quatto omicidi commessi negli anni ’70 in Italia, non può essere rimandato nel nostro paese fino a che l’intero Tribunale non potrà pronunciarsi sulla richiesta di habeas corpus presentata dai suoi avvocati

ROMA – Con una raffica di interviste, appelli e dichiarazioni, con continui colpi di scena, si protrae da giorni la battaglia diplomatica-politica su un caso che si trascina da almeno 15 anni nel Paese sudamericano. Questa volta intervengono i pezzi grossi della maggioranza di governo, figure di spicco di quella coalizione che reggono il potere del presidente Michel Temer. Il ministro della Giustizia e della Pubblica Sicurezza, Torquato Jardim, già consigliere del TSFTribunale Superiore Federale, ritenuto un “fedelissimo” del presidente brasilian”,  e tra i più ascoltati consiglieri in materia giuridica ha  spiegato in un’intervista alla Bbc Brasil che  “Cesare Battisti ha rotto il rapporto di fiducia con il paese che lo sta ospitando. Ha cercato di uscire da Brasile senza una ragione precisa dicendo che stava andando a comprare materiale da pesca. In questo modo ha rotto quel rapporto di fiducia che si instaura sempre tra un ospite particolare come l’italiano e il paese che lo accoglie. Ha commesso un illecito. Stava andando in Bolivia con una somma di denaro superiore a quella consentita e senza un valido motivo apparente“.

il Plenum del Supremo brasiliano

Non basta il parere di un giudice. C’è bisogno di una sentenza collettiva. Ieri pomeriggio è arrivata la sentenza del giudice monocratico Luiz  Flix del Tribunale Superiore Federale (TSF) il quale ha  deciso di sospendere temporaneamente la richiesta di estradizione,  rallentando la procedura, ed ha ordinato di trasmettere il fascicolo al Plenum del Supremo (l’equivalente della nostra Cassazione), quindi al collegio di tutti i consiglieri del TSF, la decisione finale sulla richiesta di estradizione di Cesare Battisti avanzata dall’Italia

il presidente del Brasile Michel Temer

Il presidente Michel Temer che si è detto favorevole a restituire Battisti all’Italia, consigliato dal suo ministro di Giustizia e dai suoi consiglieri giuridici, non ha ancora apposto la sua firma sull’estradizione ed ha deciso di attendere il pronunciamento del Supremo e solo dopo prendere una decisione. L’udienza del Plenum è stata fissata per il prossimo 24 ottobre.

Open chat
1
Vuoi contattare la nostra redazione ?
Ciao, vuoi contattare la nostra redazione ?