MENU
1 Dicembre 2022 04:35
1 Dicembre 2022 04:35

Bari. Arrestato un falso appartenente della Guardia di Finanza

AGGIORNAMENTO: Paolillo è stato assolto. La Guardia di Finanza invita tutti gli imprenditori e professionisti a non accogliere richieste del genere (ed a denunciarle prontamente anche mediante il ricorso al numero di pubblica utilità “117”), da parte di chiunque si proponga di vendere riviste e pubblicazioni a nome del Corpo delle Fiamme Gialle

BARI – Finanzieri del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Bari hanno arrestato Marco Paolillo un pregiudicato 40enne di Barletta, socio unico della Polo Edizioni Italia srl (l’amministratore Lorenzo Dipilato è indagato)  in esecuzione di una ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari, emessa dal GIP dr.ssa Maria Teresa Romita del Tribunale di Bari, su richiesta del pm Chiara Giordano della Procura della Repubblica, per il reato di truffa aggravata tentata e consumata . che ha chiesto al  gip i domiciliari per Paolillo, nella convinzione che possa continuare a estorcere soldi a titolari di attività e studi sotto la minaccia di subire possibili verifiche fiscali.

All’esito di approfondite indagini di polizia giudiziaria, protrattesi per diversi mesi, delegate alla Sezione Anticorruzione del Gruppo Tutela Spesa Pubblica, e condotte dagli uomini del Nucleo di polizia economico- finanziaria del colonnello Pierluca Cassano,  sono stati acquisiti elementi che hanno palesato come Marco Paolillo, contattando imprenditori e professionisti mediante utenze telefoniche intestate ad una società di Barletta, rappresentava di essere un appartenente al Corpo della Guardia di Finanza o, in altri casi, di essere in servizio presso gli uffici amministrativi della Guardia Finanza, al fine di promuovere e “sollecitare” l’acquisto di pubblicazioni di argomento giuridico-economico intitolate “Rivista di Finanza ed Economiae La verifica fiscale, quest’ultima contenente anche “La modulistica della Guardia di Finanza per la verifica fiscale, al prezzo di € 100,00.

 

 

In questa maniera il pregiudicato barlettano incuteva e generava negli interlocutori il timore del pericolo connesso al rischio di pagare multe in occasione di controlli della Guardia di Finanza, con l’intento di determinarli ad acquistare le riviste per procurarsi un ingiusto guadagno. I poveri malcapitati interlocutori venivano quindi indotti ad acquistare le riviste in questione per timore di poter di subire delle eventuali ripercussioni negative, nell’ambito delle loro rispettive attività.

Alcune riviste riportavano persino l’emblema della Repubblica Italiana ed, in particolare tra gli altri, anche un “modello” di richiesta di autorizzazione per l’esecuzione di accertamenti bancari indirizzata al Comandante Regionale della Guardia di Finanza.

Questa vicenda è stata propizia per il generale Nicola Altiero comandante provinciale di Bari della Guardia di Finanza, per invitare tutti gli imprenditori e professionisti a non accogliere richieste del genere (ed a denunciarle prontamente anche mediante il ricorso al numero di pubblica utilità “117”), da parte di chiunque si proponga di vendere riviste e pubblicazioni a nome della Guardia di Finanza o di Uffici Finanziari, in particolare modo quando l’offerta di vendita è accompagnata da promesse di immunità da imminenti controlli fiscali ovvero da velate minacce di immediata esecuzione di verifiche fiscali in caso di mancata adesione alla illecita proposta commerciale.

AGGIORNAMENTO

Lo scorso 30 gennaio 2020 Marco Paolillo, pregiudicato 40enne di Barletta, socio unico della Polo Edizioni Italia srl, è stato assolto dal Giudice monocratico della 2a sezione panale del Tribunale di Bari dr. Mario Mastromatteo ai sensi dell’ art. 530 comma 2, per “non aver commesso i fatti” a lui contestati, Presente in aula il  pm Avv. Di Bari . 

 

sentenza-Paolillo-Marco-

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Maxiprocesso clan Casamonica, per la Corte d' Appello di Roma "È mafia"
La D.I.A. arresta 27 persone a seguito della sentenza di condanna emessa dalla Corte di Appello di Lecce
Arrestati agenti penitenziari a Reggio Calabria responsabili di torture a un detenuto
I Carabinieri di Taranto confiscano beni per 230mila euro ad un condannato per associazione di tipo mafioso
Continuano l'offensiva della Polizia di Stato alla criminalità locale in provincia di Taranto
La Procura di Taranto indaga sui concorsi pilotati all' AMIU, l'azienda municipalizzata per l'ambiente.
Archivi
Previsti 19 milioni di euro nella Legge di Bilancio 2003 per integrazione salariale ai lavoratori ex-Ilva in a.s.
Maxiprocesso clan Casamonica, per la Corte d' Appello di Roma "È mafia"
La lezione di Giorgia Meloni a Roberto Saviano:"Non è al di sopra della legge".
La D.I.A. arresta 27 persone a seguito della sentenza di condanna emessa dalla Corte di Appello di Lecce
Smantellata la rete di spie russe infiltrate in Svezia

Cerca nel sito