Il premier Conte al Quirinale per il nuovo incarico. DIRETTA

Il premier Conte al Quirinale per il nuovo incarico. DIRETTA

La convocazione dopo che M5s e Pd hanno annunciato l’intesa tra le due forze politiche. Conte: “”Io non avrò soltanto il compito di guidare il governo. Io dovrò fare in modo che quella tra Cinque Stelle e Pd non sia semplicemente una somma. Ma un amalgama, una sintesi, una coalizione”. Gli occhi del mercato finanziario adesso sono puntati alla formazione del nuovo governo. 

di Antonello de Gennaro

ROMA (dal Quirinale) – Il premier Giuseppe Conte è arrivato al Quirinale per ricevere l’incarico dal Presidente del Consiglio Sergio MattarellaA Conte il capo dello Stato conferirà l’incarico e il tempo di trovare un assetto ed equilibrio fra M5S e Pd, che ancora oggi dopo molti incontri e confronti ancora non mostrano convergenze.  Il premier incaricato ricevuto l’incarico da Mattarella,  lo accetterà come da prassi con riserva, poi avrà a disposizione un numero congruo di giorni per dare all’accordo un profilo programmatico, un assetto, e forse anche un po’ di equilibrio. E quindi sciogliere la riserva, dopodichè dovrà presentarsi ai due rampi parlamentari (Camera e Senato) per ricevere la fiducia.

La diretta video dal Quirinale

La figura “dell’avvocato del popolo” Giuseppe Conte, è interessante da analizzare, dopo essersi presentato  lo scorso anno da sconosciuto agli italiani autodefinendosi  avvocato del popolo, facendo  in questi 14 mesi più da mediatore che da premier del governo gialloverde (Lega-M5S). Va ricordato infatti che perché quando la Lega ed il Movimento Cinque Stelle si prendevano a “bastonate” lui mediava ed otteneva la pace, dando un po’ ad uno e un po’ all’altro. Accontentava i grillini con il reddito di cittadinanza ed accontentava i leghisti con “Quota 100” ed il Decreto Sicurezza bis (salvo poi per rimangiarsi tutto e dire che qualcosa va rivisto in questo decreto). Conte nel suo primo anno da premier era un paciere che interveniva per non far saltare tutto.

E’ stato questo il suo ruolo fino a quando la Salvini ha presentato la mozione di sfiducia contro di lui. Dopo il 20 agosto qualcosa è cambiato. L’ “avvocato-premier” dinnanzi al Senato, ha fatto un lungo discorso contro il suo (ormai ex) vicepremier leghista e gliene ha dette veramente di tutti i colori. Forse esagerando. Dopo le bordate ha detto che “il governo finisce qui“. Infatti il governo gialloverde è finito il 20 agosto, ma la sua ambiziosa cavalcata politica non si è arrestata. Infatti proprio da quel 20 agosto, Conte ha iniziato a schierarsi, ha abbandonato il ruolo “superpartes” dell’avvocato del popolo e ha iniziato a tifare con tutte le sue forze M5S di cui sembra dai sondaggi essere diventato il leader oscurando (cosa facile) il ruolo e la figura di Luigi Di Maio, la cui uscita da Palazzo Chigi come vicepremier non sarà rimpianta da nessuno.

gli incarichi di Governo 2018 e 2019 al premier Conte

Il nuovo ruolo “politico” e non più di “avvocato del popolo” di Giuseppe Conte non finisce qui, non si limita ad essere presidente del Consiglio. Adesso Conte è chiamato a dettare i tempi e l’agenda politica, e sarà lui a dover sciogliere il nodo del vicepremier. Il Partito Democratico, chiede che ci sia soltanto un vicepremier Dem, visto l’orientamento politico pentastellato del premier. Il problema che la fronda di Di Maio non ci sta,  e pretendono poltrone. Tante poltrone, a cui sembrano essersi particolarmente affezionati.

Quindi la possibilità di un nuovo governo giallo-rosso è nelle mani e capacità di mediazione di Conte. Sarà lui quindi a dover decidere paradossalmente  anche il destino politico del “fedelissimo” Luigi Di Maio che ha fatto di tutto e di più pur di averlo ancora come “premier”, sperando che gli verrà concessa una bella (e comoda) poltrona.  Adesso però la scena è soltanto di Giuseppe Conte.

Apertura in calo per lo spread fra Btp e Bund. Il differenziale segna 172 punti contro i 176 della chiusura di ieri, seduta nel corso della quale era sceso a un minimo di 169 punti. Il rendimento del decennale è pari all’1,013%. Gli occhi del mercato sono adesso puntati alla formazione del nuovo governo.

IL DISCORSO DI CONTE AL QUIRINALE

Non sarà un governo ‘contro‘ ma un governo per modernizzare il Paese e per i cittadini. Realizzerò un governo nel segno della novità è quello che richiedono anche le forze politiche“, ha affermato il premier dopo aver ricevuto l’incarico al Quirinale. “Siamo agli albori di una nuova legislatura Ue e dobbiamo recuperare il tempo perduto per consentire all’Italia il ruolo da protagonista che merita. Il Paese ha l’esigenza di procedere speditamente“, ha detto Conte.

Tra le priorità indicate la manovra di bilancio. Mi metterò subito all’opera per una manovra che contrasti l’aumento dell’Iva, tuteli i risparmiatori, dia una solida prospettiva di crescita e sviluppo sociale“, ha detto.  Conte ha parlato di “stagione riformatrice, di rilancio, di speranze, che offra al paese certezze”. Lavoreremo per “un Paese migliore, un Paese che abbia infrastrutture sicure, reti efficienti, che si alimenti con energie rinnovabili, che valorizzi i beni comuni, che integri stabilmente nella propria agenda politica il benessere eco-sostenibile, che rimuova diseguaglianze di ogni tipo”.

“Deve essere un Paese di riferimento nella protezione delle persone con disabilità, che non lasci che i giovani si disperdano con esperienze all’esterno ma che sia un paese attraente per giovani che sono all’estero, che veda un Mezzogiorno rigoglioso. Un Paese nel quale la pubblica amministrazione non sia permeabile alla corruzione, un Paese con una giustizia più equa ed efficiente dove le tasse le paghino tutti, ma proprio tutti, ma le paghino meno” ha affermato Giuseppe Conte al termine dell’incontro con Mattarella. “Molto spesso negli interventi pubblici sin qui pronunciati ho evocato la formula di un nuovo umanesimo, non ho mai pensato fosse lo slogan di un governo ma l’orizzonte ideale del Paese“.

image_pdfimage_print
Please follow and like us:
error

Ti piace il Corriere del Giorno ? Fallo sapere !