MENU
24 Aprile 2024 01:26
24 Aprile 2024 01:26

Una grande macchia di olio minerale versata in mare dall’Ilva

La notizia è stata diffusa dai sindacati che parlano di macchia in mare “ampia e visibile”. La Fiom Cgil di Taranto, ha chiesto tramite un rappresentante dei lavoratori per la sicurezza,  un incontro urgente a Ruggero Cola  il direttore dello stabilimento ILVA di Taranto per avere chiarimenti in merito allo sversamento di olio in mar Grande, nella zona del V Sporgente, per il quale è in corso un intervento da parte dei mezzi della società Ecotaras. «Sembra – dice Francesco Brigati, delegato della Fiom Cgil all’ ILVA –  si sia verificato uno sversamento di olio proveniente dall’area laminazione».  La fuoriuscita di olio minerale direttamente in mare dal canale Ima 2 , secondo una primissima ricostruzione, proviene dal treno nastri numero due. Sull’incidente indaga la Capitaneria di Porto.

L’allarme è scattato questa mattina, dopo che nello specchio d’acqua in cui sfocia il canale 2 dello stabilimento era piombata una grande quantità di olio. Sul posto sono intervenuti i mezzi della Capitaneria di Porto ed i tecnici della società  Ecotaras, la  specializzata in disinquinamento. Proprio gli esperti dell’azienda hanno circoscritto la vasta chiazza in mare e stanno cercando di contenerla, operazione che si manifesta complicata a causa dalla pressione che arriva dal canale del siderurgico.

In un comunicato stampa, nel pomeriggio l’ ILVA ha confermato che, in data odierna, presso lo stabilimento di Taranto, si è verificato lo sversamento di  acqua e olii lubrificanti, confluiti nel canale di scarico n. 2, e che l’evento, di cui è stata data comunicazione alle autorità competenti  è riconducibile  all’innalzamento del livello all’interno di una vasca dell’impianto di trattamento acque del Treno  Nastri 2.

Appena rilevato il problema, si è provveduto ad allertare la Capitaneria di Porto e si è intervenuti  con azioni di contenimento e recupero attraverso l’intervento della società specializzata Ecotaras,  a supporto dei mezzi di stabilimento già sul posto. Il fenomeno è attualmente in via di risoluzione.  L’azienda ha convocato i sindacati per un confronto su quanto avvenuto.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

Articoli Correlati

Roberto Napoletano nuovo direttore de “Il Mattino”
Amazon e Ferrovie dello Stato insieme per il trasporto merci dalla Germania e dall' Italia
L'inchiesta della Procura di Bari sul "clan" di Lady Preferenze e "Sandrino" il marito manovratore
Class action contro Google, saranno cancellati i dati di milioni di utenti
Allarme Bosch a Bari: 1600 operai a rischio
Stanziato un miliardo di euro per decarbonizzare lo stabilimento siderurgico ex Ilva di Taranto
Cerca
Archivi
Roberto Napoletano nuovo direttore de “Il Mattino”
Emiliano sorprende tutti e nomina tre donne ad assessori regionali
La composizione del nuovo Consiglio Regionale in Basilicata
La Commissione Parlamentare Antimafia ascolterà il procuratore Roberto Rossi ed il governatore Michele Emiliano
Elezioni regionali Basilicata: Bardi riconfermato governatore. Sconfitto Marrese il candidato del centrosinistra e M5s

Cerca nel sito