MENU
4 Ottobre 2022 21:34
4 Ottobre 2022 21:34

Una grande macchia di olio minerale versata in mare dall’Ilva

La notizia è stata diffusa dai sindacati che parlano di macchia in mare “ampia e visibile”. La Fiom Cgil di Taranto, ha chiesto tramite un rappresentante dei lavoratori per la sicurezza,  un incontro urgente a Ruggero Cola  il direttore dello stabilimento ILVA di Taranto per avere chiarimenti in merito allo sversamento di olio in mar Grande, nella zona del V Sporgente, per il quale è in corso un intervento da parte dei mezzi della società Ecotaras. «Sembra – dice Francesco Brigati, delegato della Fiom Cgil all’ ILVA –  si sia verificato uno sversamento di olio proveniente dall’area laminazione».  La fuoriuscita di olio minerale direttamente in mare dal canale Ima 2 , secondo una primissima ricostruzione, proviene dal treno nastri numero due. Sull’incidente indaga la Capitaneria di Porto.

L’allarme è scattato questa mattina, dopo che nello specchio d’acqua in cui sfocia il canale 2 dello stabilimento era piombata una grande quantità di olio. Sul posto sono intervenuti i mezzi della Capitaneria di Porto ed i tecnici della società  Ecotaras, la  specializzata in disinquinamento. Proprio gli esperti dell’azienda hanno circoscritto la vasta chiazza in mare e stanno cercando di contenerla, operazione che si manifesta complicata a causa dalla pressione che arriva dal canale del siderurgico.

In un comunicato stampa, nel pomeriggio l’ ILVA ha confermato che, in data odierna, presso lo stabilimento di Taranto, si è verificato lo sversamento di  acqua e olii lubrificanti, confluiti nel canale di scarico n. 2, e che l’evento, di cui è stata data comunicazione alle autorità competenti  è riconducibile  all’innalzamento del livello all’interno di una vasca dell’impianto di trattamento acque del Treno  Nastri 2.

Appena rilevato il problema, si è provveduto ad allertare la Capitaneria di Porto e si è intervenuti  con azioni di contenimento e recupero attraverso l’intervento della società specializzata Ecotaras,  a supporto dei mezzi di stabilimento già sul posto. Il fenomeno è attualmente in via di risoluzione.  L’azienda ha convocato i sindacati per un confronto su quanto avvenuto.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

"Monnezzopoli". L'imbarazzante silenzio della Gazzetta del Mezzogiorno sui processi del proprio co-editore Antonio Albanese imprenditore dei rifiuti
A Taranto Fratelli d' Italia supera il M5S ed il PD. Sconfitto il reddito cittadinanza e l'effetto Melucci. Eletti Iaia alla Camera e Nocco al Senato
Leon Panetta ex capo della CIA: "Chi parla delle sanzioni come Salvini è stato influenzato da Mosca"
Draghi: “Le sanzioni alla Russia funzionano, c’è chi parla di nascosto con Mosca e vuole toglierle”.
Ultimo sondaggio Ghisleri: Fdi cresce ancora, calano Pd e Lega
Il racconto fotografico della perdita della regina per gli inglesi
Archivi
Perquisizioni delle Fiamme Gialle nelle abitazioni ed uffici della famiglia Matarrese: ipotesi di bancarotta fraudolenta
Operazione del Ros Carabinieri: 15 arresti per droga. Coinvolti anche due agenti della Polizia Penitenziaria ed un ex maresciallo dei Carabinieri
GFVip: una pagina di squallore televisivo che gioca sui sentimenti delle persone
Da oggi a Bari il "Prix Italia 2022"
Il Presidente della Repubblica del Congo Denis Sassou Nguesso incontra l’Ad di Eni Claudio Descalzi

Cerca nel sito